martedì 10 maggio 2016

Pizza scrocchia, la tonda romana!


Oggi niente chiacchiere, faccio parlare le foto per farvi venire un po' di acquolina in bocca anche se è ora di colazione 😊! Vi lascio la ricetta, vi conquisterà come ha conquistato me!

Malgrado il mio forno ultimamente stia facendo i capricci e la cottura di questa pizza non sia il top è stata un successo ed ha convinto anche me che sono più per la pizza alta e soffice. È anche veloce poiché si fa in giornata (circa 6 ore) oppure si può arrivare a 24 ore usando una farina con un indice di forza  intorno a W 300 e  riposo in frigo.
Ricetta tratta dalla Confraternita della pizza. 


PIZZA TONDA ROMANA

Ingredienti (per 6 pizze tonde Ø 38)
600 g farina per pizza W 240/260
330 g acqua
   7  g olio evo
  12 g  sale
    6 g  lievito di birra se si opta per impasto in giornata
    *4 g lievito di birra fresco se si preferisce una lunga maturazione di 24 ore, di cui 20 in frigo.  a 8°

Procedimento
⌛ Nella ciotola della planetaria versare tutta l'acqua e sciogliere il lievito; aggiungere mano mano la farina a velocità minima, aspettando sempre che la precedente sia ben assorbita prima di aggiungerne altra. Quando ancora l'impasto ha l'aspetto di una crema aggiungere sale e olio e far assorbire continuando ad impastare. Aggiungere il resto della farina.
⌛Continuare a lavorare l'impasto, renderlo liscio e omogeneo, senza esagerare con la lavorazione. Arrotondare* e far puntare la massa a temperatura ambiente coperta con pellicola per circa 3 ore.
⌛Trascorso il tempo riprendere l'impasto e formare dei panetti da 180 g arrotondandoli sotto il palmo della mano. 
⌛Coprire con un telo di cotone e sopra ancora del cellophane per non far seccare i panetti e porre a lievitare per circa 3 ore a temperatura ambiente.

*Se si è scelta la maturazione a 24 ore dopo aver arrotondato la massa mettere in ciotola coperta in frigo a 8° per 20 ore. Trascorso il tempo far acclimatare una mezz'oretta e fare le pezzature del peso desiderato, arrotondare i panetti e lasciarli lievitare a temperatura ambiente per 4 ore circa. 


⌛Accendere il forno alla massima potenza 250/270° e portare a temperatura inserendo anche una teglia in ferro rovesciata in modo da essere calda al massimo.
⌛Al raddoppio, dopo circa tre ore, stendere i panetti uno alla volta,  prima allargandoli un po' con le mani poi stendere fino ad un diametro di 38 cm circa  con il mattarello. In questo caso è d'obbligo quindi non inorridite ché qui le bolle non devono esserci. 

Trasferire il disco steso su una pala infarinata, condire velocemente, allargare ancora leggermente il disco mettendo le dita sotto ai bordi e infornare. Tre minuti circa di cottura la pizza è pronta. Mentre la prima pizza è in cottura portarsi avanti con la stesura del panetto successivo.
Per sopperire alla cottura di una pizza alla volta,  taglio a spicchi la prima che sforno e ce la dividiamo altrimenti uno mangia e gli altri guardano. 😊😊😊

Suggerimenti per il condimento
Profumatissima ai 4 formaggi (fontina, gorgonzola, mozzarella e scamorza).
Classica margherita con pomodoro, mozzarella e basilico.
Boscaiola con mozzarella e funghi champignon. 

E voi come la condireste? 😊
Proverete anche voi questa pizza sottile e croccante? 




Silvia


Con questa pizza, che non è un pane ma è aromatica da svenimento, partecipo alla raccolta  #41 di Panissimo  ideata da Sandra e Barbara questo mese ospitata dalla nostra panissimatrice preferita Consuelo

43 commenti:

  1. Ma lo sai che mi piace questa idea di pizza scrocchiarella? Io, lo confesso, sono più per l'impasto che fa le bolle e col cornicione gonfio gonfio, ma per cambiare una volta voglio provare anche questo impasto, magari la pizza provo a cuocerla nel fornetto G3 Ferrari, anziché in forno.
    Ti farò sapere, per ora grazie per la ricetta :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Minnie come ho scritto nel post, anche io prediligo la pizza bolle, infatti adoro la napoletana, ma questa pizza sottile sottile ha il suo perché. Fornetto ferrari? Allora fai i panielli da 130 g anziché 180 altrimenti nel fornetto non ti entra. Ricorda che questa cuoce un paio di minuti in più rispetto alla napoletana e vuole meno calore. ;)
      Fammi sapere ché sono curiosa di sapere che ne pensi. :*

      Elimina
  2. Grazie di cuore ragazze x questa golosissima pizza :-) Mi avete fatto venire un'acquolina che non immaginate :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Consuelo grazie a te! Anche io ora me ne mangerei una intera, ma in questi giorni purtroppo non ho il tempo di prepararla. :))

      Elimina
  3. Guarda, cara socia, questa pizza non vedo l'ora di farla!!!
    E so già che opterò per la lievitazione in giornata (e chi ce la fa ad aspettare 24 ore prima di poterla gustare!!!). :-DDDDDDDD
    Golosissimi i tre condimenti che hai scelto, ma la margherita con le foglioline di menta mi fa letteralmente impazzire (sarà che adoro la menta?)

    Ecco, per pranzo, vorrei materializzata quella fotografia in cui c'è un assaggio di tutte e tre e son certa che decretare lo spicchio più goloso sarebbe comunque ardua impresa!!! ;-) ;-) ;-)

    Sei la nostra reginetta della pizza, tu! ♥
    Un abbraccio stritoloso! :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Addirittura reginetta?!? Ahahahahha!
      Sì sì falla in giornata ché per questo impasto va più che bene. ;)
      Ricambio stritolamento :)))

      Elimina
  4. Non vale. Proprio per niente. Io non ho letto la ricetta a colazione ma appena finito di pranzare e l'acquolina me l'ha fatta venire lo stesso e ora come si toglie la voglia di pizza? Me lo spieghi Silvietta? Io sono una di quelle che la pizza la sogna la notte, al mattino, di pomeriggio, appena finito di divorarne una ed ecco che la voglia torna e anche se la mia preferita resta la pizza "alla napoletana", non disdegno assolutamente la romana (anche in Toscana si fa così) e poi questa ha il vantaggio di pesare meno e se ne può mangiare di più. In questi giorni cercavo giusto un impasto per preparare pizza da mettere nello zaino dell'adolescente e il tuo impasto casca a fagiolo. Poi voglio dire, la ricetta è della Confraternita, l'hai testata tu, vado sul sicuro. Grazie anche dell'adolescente e un abbraccio gigantesco da parte mia ❤️❤️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvietta/Gaia, mo l'acquolina ce l'ho io entrando in questo post per rispondere ai commenti:)))
      La napoletana la adoro, come ho scritto qualche commento più su. La romana, pur essendo io romana, l'ho sempre un po' boicottata ma che ti devo dire, questa m'è piaciuta assai! Spero piaccia anche all'adolescente. ;)
      Un abbraccio ad entrambi! ♥♥

      Elimina
  5. A me piacerebbe tantissimo!!! Amo la pizza bella croccante e amo anche quella alta e soffice, le amo tutte ma quella croccantina che non faccio mai a casa mi sfizia proprio, ci proverò eccome, e bello il consiglio della teglia rovesciata, io che non ho la pietra refrattaria non avrei saputo come fare!! Per me la pizza della vita è salsiccia e cime di rapa, sia rossa che bianca ma amo la margherita, quella col salame piccante, ai funghi, crudo bufala e rucola, vabbè, basta che poi la lista è troppo lunga!! Un bacioooooo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvietta il guaio è proprio questo, ci piacciono tutte! Sì abbiamo delle preferenze ma la pizza se ben fatta è buona tutta: alta, bassa, soffice, croccante e pure bianca a mo di focaccia o con tutti i condimenti del mondo. Insomma, pizza forever!
      Un bacio grande!

      Elimina
  6. Bella, bassa e scrocchiarella!
    Rivendichiamo ogni tanto le nostre origini e... vai di mattarello!!!
    :)))))

    BaSci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì sì rivendichiamo! Ahahahahahahha!!!

      BaSci Pie'!

      Elimina
  7. Ragazze ma questa pizza è fantastica! A me esce sempre alta e soffice, strepitosamente buona come una focaccia, ma non sono mai riuscita a farne una così scrocchiarella... ora leggo per bene e mi istruisco :)
    Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tatiana prova e fammi sapere!
      Un bacio a te!

      Elimina
  8. Adoro le tue ricette e quelle di tutto il condominio. Ho una domanda importante: puoi spiegarmi i passaggi - riposo nel caso di riposo in frigo? Cioè : fai la palla e la metti in frigo POI formi le palline 20 opre dopo e le fai liebvitare 4 ore? grazie se vorrai rispondermi. Un saluto da Rimini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vincenzo, esattamente come hai scritto. Comunque ti ringrazio perché con la tua domanda mi sono accorta di non aver spiegato nel dettaglio la fase post frigo che ora ho aggiunto. Se hai ancora dei dubbi scrivi pure. :)
      A presto!

      Elimina
  9. "Scrocchiarella o non scrocchiarella? Questo è il dilemma!" dannazione! Prima di questo post non sussistevano dilemmi di sorta: "per me è X (=no)!" avrei risposto.
    Perché a me la pizza dai bordi alti....cicci...morbidi mi fa andare in brodo di giuggiole e non ha rivali.
    Ma se guardo le tue foto e te mi scrivi che è da provare allora per me la terra può pure essere piatta! ^_^ me la scofanerei molto volentieri pure ora (coi miei tempi perché io so' lenta lenta con la pizza...so' un po' una pizza con la pizza!)
    Che delizia e che brava che sei!!!!! (Ripetitiva io, lo so :-P)
    Un bacio belle gioie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riccia bella anche io come ho già detto nei commenti sopra, sono appassionata di pizza soffice e alta ma avevo voglia di provare qualcosa di diverso e questa mi ha intrigato parecchio e mi è anche piaciuta. Se non fosse che se ne può cuocere una per volta la farei più spesso.
      Ripeti ripeti che mi piace! :))))
      Un bacio da tutte noi ♥♥

      Elimina
  10. Caro condominio la pizza la faccio spesso e personalmente la amo alla follia, ma questa qui mi pare una roba proprio goduriosa davvero ben fatta ed invitante, meglio di quella della pizzeria... Caro condominio sono al lavoro e dato l'orario sto sbavando davanti al monitor... mannaggia!!!! le consegne a domicilio le fate? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Mile qui sei in buona compagnia, come avrai avuto modo di leggere, siamo tutti pazzi per la pizza!
      Consegne a domicilio? Non le faccio ma per te farò un'eccezione, se mi farai conoscere quel bel micetto in foto! ;);)

      Elimina
  11. Lo so bene che è buonissima :) ti è venuta una meraviglia Silvia. Io, come saprai, la pizza non la faccio mai, è cosa di mio marito, visto che è il suo mestiere. La mangerei tutti i giorni e ci sono periodi che la mangio davvero tutti i giorni, è una sorta di droga.

    ps Avete cambiato la grafica del blog?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Terry, la pizza È DROGA! Ahahahahhaahaahaha!

      Cambiato la grafica? No abbiamo aggiunto qualcosina. ;)

      Elimina
  12. W LA PIZZA a tutte le ore!!!

    RispondiElimina
  13. ciao, si può usare la farina integrale con la maturazione di 24 ore? cosa vuol dire "a 8°"? E' nelle indicazioni: " *4 g lievito di birra fresco se si preferisce una lunga maturazione di 24 ore, di cui 20 in frigo. a 8°". Grazie, ciao Teresa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Teresa :) diciamo che questa non è una pizza da fare integrale. Meglio sarebbe un impasto per pizza in teglia, ma nessuno ti vieta di provare :))
      8° sono i gradi, la temperatura che deve avere il frigorifero per il riposo dell'impasto. Se hai altri dubbi chiedi pure. :)
      Fammi sapere!

      Elimina
  14. Anche noi siamo per la pizza alta e soffice (pensa che dramma: abitiamo a Roma!!!). Però l'acquolina in bocca c'è, la pulce nell'orecchio pure...:D

    RispondiElimina
  15. BAB ma noi siamo ancora più fortunati a vivere a Roma! Qui abbiamo la pizza di tutte le altezze, pensa a quella in teglia alta e soffice, quella alla pala e questa fina e scrocchiarella! ;);)
    Su su toglietevi al più presto la pulce e fatemi sapere che ne pensate!:*:*

    RispondiElimina
  16. Mamma quanto è buona la pizza alla romana, fina e scrocchiarella!
    Saranno secoli che non la mangio perché in Palude non la fa nessuno... :(((((

    RispondiElimina
  17. Franci ma davvero nessuno la fa? Che strano eh! Oh ma lo sai che ho scoperto per caso il tuo commento? Me ne sono finiti un sacco in spam!
    Baci

    RispondiElimina
  18. Come sempre, l'indice delle ricette di questo mitttico blog è fonte di ispirazione....così lo è stato anche per la pizza....poi ad un post che si intitola "pizza scrocchia" come si fa a resitere????
    Ne ho provati tanti, tantissimi di impasti per la pizza, forse troppi....nessuno mi ha mai convinto purtroppo...
    Però questo......miiiiiiiiiii che bontà!!!!!
    Facilissimo da fare, molto poco da aspettare e buonissimo da mangiare!!!! Grazie grazie mille Silvia!!!! Sarà il terzo fine settimana che faccio la pizza così!!!!!!
    Solo che....come hai fatto tu a stendere la pallina ad un diametro di 38 cm?????????????? io ho misurato le mie tonde...sono riuscita a malapena ad arrivare ai 28 di cm :-( :-( :-( :-( :-( :-( :-(...quindi non è risultata tanto scrocchiarella....ma bbooona bbooona bbooona!!!!!!
    ciaooooooooo sociesse!!!!

    RispondiElimina
  19. Ciao Regina e scusa il ritardo con cui rispondo, ma per farlo correttamente ho voluto prima ricontrollare degli appunti cartacei della ricetta in questione. Infatti ci sono un paio di errori di battitura: i panetti sono da 160 g l'uno e non 180, e il diametro delle pizze è 36. Quello che non mi torna è come mai a te non si sia steso oltre i 28 cm. Forse il panetto ancora tenace? Hai usato il mattarello sì? Fammi sapere.

    p.s. sei sempre troppo buona, tu. ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silviaaaaaa!!!! Macchè troppo buona!!!!! Io dico sempre la verità!!!!!!
      Allora....io ho seguito pedissequamente la ricetta e i tempi che avevi scritto...il panetto era sicuramante tenace perché appunto, nonostante io sia andata assolutamente di mattarello e mi sia sforzata parecchio, niente ciò, più dei 28 non sono arrivata ad ottenere...cosa intendi tu per ancora tenace? dovevo lasciare lievitare di più i panetti? oppure mi sorge il dubbio che la farina che ho usato non vada bene: ho a casa un saccone da 5 kg di farina per pizza napoletana del mulino Dalla Giovanna e ho usato quella, nonostante, lo so, questa tua ricetta non sia di pizza napoletana...ma nella mia incoscenza mi sono detta che sarebbe andata bene lo stesso....

      Elimina
  20. Regina non so che forza abbia la tua farina ma penso non troppa se la indicata per la verace. Forse i panetti non hanno lievitato abbastanza? L'impasto iniziale era troppo duro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho appena guardato sul sito del mulino: dicono che ha W310...l'impasto iniziale non non era duro...proverò a cambiare farina!!! Grazie mille!!!!

      Elimina
  21. Ciao cara. Vorrei provare a fare la tua pizza con maturazione 24 ore.. ho solo un dubbio:il mio frigo ha una temperatuta massima di 4°! Come mi comporto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara e benvenuta!:-D
      La risposta che segue è da parte di Silvia, che al momento non riesce a fare pubblicare a blogger il suo commento.

      "Ciao Sara. Prova a posizionare nella parte alta del frigo, poi fai acclimatare per un tempo maggiore a quello che ho indicato nella ricetta.
      Fammi sapere.
      A presto.

      Elimina
    2. Grazie!!!gentilissime! Dite che un'ora di acclimatamento può bastare o calcolo di più?

      Elimina
    3. Ciao Sara! Direi che un'oretta di acclimatamento prima di fare i panetti può andare più che bene viste anche le temperature del momento che iniziano ad essere più miti.
      Grazie a te e buona giornata. :-))
      Facci sapere del risultato, se ti va! E se ci mandi una foto saremo liete di metterla nella pagina dedicata ai nostri lettori.
      A presto.

      Elimina
  22. Certo!!!spero venga bene!!vi aggiorno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne siamo certe, Sara! ;-)
      Attendiamo tue notizie. :-DD

      Elimina
    2. Ciao!!ebbene...dopo piu di 2 mesi eccomi quì a dirvi come è andata la mia prova con la pizza!la prima... un disastro! La pizza non mi ha lievitato causa credo lievito scarico (lo tenevo in freezer da 2 mesetti..forse l'ho ucciso?) Il secondo tentativo è stato un disastrino..avevo messo un pò più lievito per star sul sicuro ma poi ho fatto andar oltre la lievitazione..altro flop! Stasera ci ho riprovato per la terza volta e direi che finaente son riuscita ad ottenere risultati soddiafacenti! L'unica cosa purtroppo i panetti nel lievitare mi ham fatto un pò di crosticina.. li avevo messi a lievitare in forno spento a luce accesa coperti con un panno.. non ho messo la pellicola perchè la teglia sul quale lievitatavano era bassa per cui avevo paura si attaccassero..ma comunque ho compromesso in parte il risultato finale.. dite che mi conviene comprare le cassette apposite do lievitazione?oppire avere un altro trucco per evitare che ciò accada? Grazie ancora per tutto!vorrei mandarvi foto del risultato ma haimè non posso allegare nulla al mio commento..buona serata!

      Elimina
    3. Ciao Sara! Prima di tutto complimenti per la tenacia, ben ripagata dal risultato!
      Ora veniamo al punto. Per evitare che i panetti si secchino in superficie, dopo il panno metterci su un sacchetto di cellophane tagliato su tutti i lati chiusi in modo da farlo diventare un telo, ma se metti a lievitare in forno al caldo, anche così c'è il rischio che l'aria passi ugualmente. Se i panetti non sono molti potresti usare un porta torta con coperchio, oppure una teglia capovolta sopra all'altra. In ultimo se vuoi, sì, puoi comprare le cassette per la lievitazione. La foto puoi mandarla a: silvia.incondominio@gmail.com
      A presto :)

      Elimina

I commenti sono stati disattivati, in quanto ci siamo trasferiti qui: https://uncondominioincucina.it

Vi aspettiamo!

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.