giovedì 1 marzo 2018

Pandimandarino.


"Buongiorno 💞
Pandarancio con canditi di limone e amarene. Devi fare questa ricetta."

Esordisce così la mia amica Silvia, nonché socia-condomina, la mattina del 18 febbraio. E correda il messaggio con una foto che suscita subito un'irrefrenabile curiosità.
Il pandarancio? Ma cos'è? Neanche il tempo di farmi la domanda che già avevo cercato notizie sul web e scopro che trattasi di una ricetta tipicamente siciliana in cui gli agrumi, nella loro interezza, sono i protagonisti di questo dolce. Scatta subito la molla e sento che è una di quelle ricette da fare il prima possibile.
La conversazione tra me e Silvia prosegue nell'arco della giornata con una telefonata, e chiedo consiglio sull'eventuale sostituzione delle arance con i mandarini visto che la pianta di mammà ne è ancora bella carica! ;-)
Poco dopo ricevo un nuovo messaggio in cui mi dice testualmente: "ti copio la versione al mandarino di Claudia visto che volevi farlo coi mandarini. Ora non hai motivo di dubitare del risultato".

Nei giorni seguenti, appena la pioggia concede una tregua, salgo sulla pianta (come una scimmia) e faccio razzia (sempre come una scimmia) di mandarini. La sera, ovviamente, erano pronti per fare la loro parte!
Direttamente dalla variante realizzata dalla nostra amica Claudia, ecco la ricetta del pandarancio in versione pandimandarino.
Lo dico anche io: dovete fare questa ricetta. Almeno una volta! E poi, come me, continuerete fino a quando non vi porteranno via i mandarini dalle mani!!! Aahahahahaaaahaahhaha...

Un dolce leggero, soffice, umido, profumatissimo, che si farà mangiare a tutte le ore del giorno e pure della notte (nel caso soffriate d'insonnia!). Ancora una volta la semplicità trionfa! E poi, altro punto a suo favore, è velocissimo da fare e, tanto per gradire, si sporcano solo una ciotola ed un mixer ad immersione. Dai, che vogliamo di più?
Dopo aver fatto tutte le forme possibili ed immaginabili, la versione che propongo qui, oggi, è quella delle  monoporzioni, considerato che avevo uno stampo in attesa di essere battezzato da anni ed anni.
Poi, vista la neve di questi giorni che è caduta un po' su tutte le nostre regioni, ho pensato di imbiancare anche io la cupola di queste semisfere con una golosa glassa a base di zucchero a velo e succo di mandarino.
Eccoli qua, tutti per voi! Ce ne gustiamo uno insieme? :-)))))))))



INGREDIENTI  (per 8 semisfere da 7 cm di diametro)*

120 g di mandarini interi e con la buccia
35 g di vino moscato (d'Asti, di Terracina, di Scanzorosciate, quello che più vi piace)
35 g di olio di semi
1 uovo
80 g di zucchero semolato
100 g di farina
6 g di lievito istantaneo per dolci

Per la glassa:
zucchero a velo
gocce di succo di mandarino (o acqua)

* triplicare le dosi nel caso vogliate fare la tipica forma da plumcake (dimensioni 30x10,5)

(clicca per ingrandire)
Accendere il forno (in modalità statica) a 160°C.
Lavare i mandarini per rimuovere eventuali impurità dalla buccia; tagliarli  a cubetti eliminando i semi e ridurre in purea col mixer ad immersione.
Aggiungere il vino, l'olio, l'uovo e mixare ancora molto velocemente.
In una ciotola setacciare farina e lievito, aggiungere lo zucchero ed unire questi ingredienti secchi agli umidi, mescolando il tutto con una forchetta o una frustina senza lavorare troppo. Il composto non sarà né troppo denso, né troppo liquido (vedere foto accanto) e si verserà molto comodamente nello stampo prescelto. Riempire la cavità delle semisfere per circa 3⁄4 del loro volume ed infornare per circa 20 minuti, regolandosi col proprio forno e tenendo presente che quando i bordi inizieranno a dorare, i pandimandarini saranno pronti (nel caso facciate la dose da plumcake, portare la cottura a 40 minuti, controllando sempre i bordi).
Estrarre lo stampo dal forno, attendere 5 minuti e sformare, lasciando raffreddare su una griglia.
Volendo procedere alla glassatura, mettere in una ciotola zucchero a velo e gocce di succo di mandarino, fino ad ottenere la densità desiderata. Glassare, lasciare asciugare e... affondare il morso in queste nuvole di bontà! :-))))))))
Il dolce si manterrà morbidissimo per più e più giorni, ma non credo durerà poi tanto!
Un ringraziamenro speciale alla nostra Silvia per avermi incuriosita con questa ricetta che entrerà a pie' pari anche nel quadernino di quelle scritte a mano! :-D
E buona giornata a tutti voi, con un sorriso! A presto!
Emmettì


33 commenti:

  1. che belli e sicuramente deliziosi!! O_O

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Federica! :-))
      Sì, davvero deliziosi!
      Buona giornata, cara!

      Elimina
  2. ahhhhhh ma questa la copio anche se il problema è trovare dei mandarini decenti quest'anno! Un abbraccio a tutte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Monica! :-))
      Puoi sostituire il mandarino con l'arancia, facendo così la versione originale! ;-)
      Un abbraccio stretto stretto anche da noi!
      Siamo sempre felici di leggerti! :-* :-* :-*

      Elimina
  3. Lo so che non si dovrebbero cambiare i grandi classici, ma non avendo vino in casa cosa potrei usare? latte? secondo te fa la differenza nel sapore? nel caso voglia provare la versione alle arance mantengo la proporzione farina/arance? ho un sacco di domande oggi ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elenuccia bella!!! :-))))))
      Allora, ti dirò che la versione classica, ovvero il pandarancio, prevede il latte anziché il vino, quindi non cambieresti proprio niente rispetto al grande classico! ;-)
      Per la quantità di farina e arance mantieni esattamente la stessa proporzione e ben vengano tutte le domande del mondo! :-)))))))))
      Un bacio bello e l'augurio di una buona giornata!
      A presto! :-*

      Elimina
    2. Grazie mille, sei un tesoro ;-)

      Elimina
  4. Visto? Te lo avevo detto! Io il pan d'arancio non lo faccio più, figurati che la dose doppia a quella che hai fatto tu, riuscivo a farlo fuori in mezza giornata.
    Baciuzzi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccola la mia dolcissima tentatrice!!!!!!!!!! ♥
      Ahahahaahhahahahai, in effetti difficile fermarsi ad una fetta o una monoporzione di questa bontà!
      Abbraccio stritoloso a te, che sei speciale sempre! :-***************

      Elimina
  5. Ma quindi i mandarini si passano al mixer da crudi? Perché ho letto ricette (di altri dolci, eh..non del pan d'arancio o d'agrume che usar si voglia) che li utilizzano interi, sì, ma lessati (per cui addirittura con semi...ed a me sta cosa fa un po' specie...ma magari non ho capito una beata mazza io).
    Anch'io ho quello stampo :-) però ha solo 5 semisfere per cui lo uso quando mi avanza l'impasto delle torte (cioè quasi semrpe, ormai, visto che mi sono amminchiata con le torte sui 18, massimo 20, cm)..come ho fatto per la mia "camilla desnuda".
    Domanda..ma anche a te si scuriscono un po' sulla cupola??
    Un abbraccio stritoloso.
    P.S.: meravigliosi i mandarini della pianta di mammà <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao stellinaaaaaaa!!!!!!! :-)))
      Sì, esattamente! I mandarini si passano al mixer così come sono, dalla pianta alle lame (porelli però!) e conferiscono un sapore così avvolgente da rimanere stupiti! :-))
      Quanto allo stampo, ho notato che quando l'ho messo su una teglia, la cupolina si è scurita un po' (e la cosa mi ha dato fastidio assai); poi ho pensato di metterlo direttamente sulla griglia del forno, e questo non succede. Riproverò per avere la certezza matematica! ;-)
      Ahahhahahahahahhahahahahahaahaahahah, la tua camilla desnuda??? Mi son persa qualcosa mi sa...
      Un abbraccio stritolosissimo a te! E grazie, sempre, per la tua presenza qui! Sei un ammmmmmmmmmmmmore tu! A presto, tesoro! :-**********

      Elimina
    2. ho avuto anch'io il sospetto che il colore accentuato della cupola fosse dovuto alla teglia... che piringona che sono!!! L'uso della teglia serve a me per rendere + stabile il passaggio dello stampo molle e pieno dal piano di lavoro a forno. Ma se tolgo la griglia dal forno, ci piazzo lo stampo sopra, riempio con l'impasto, e poi inforno la griglia (con sopra lo stampo che ho riempito con l'impasto che al mercato mio padre comprò) non corro il rischio di fare alcuna camurria.
      Camilla desnuda.
      Un bacione

      Elimina
    3. Ahahahhahahahaahahhaaa, dolcezza! Io pure ci ho messo un po' a capire come fare per rendere il passaggio stampo/teglia il più sicuro possibile, senza rischiare di rovesciare tutto!!!
      La tua camilla desnudaaaaaaaaaa???? Ma cacchio, cosa mi son persa??? Perché non me ne sono accorta?? Corro a gustarmela!!

      Elimina
  6. conosco il pand'arancio e sono certa che questi siano altrettanto buoni e hanno un bellissimo aspetto complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Serena, e benvenuta nella cucina condominiale! :-))
      Se conosci il pan d'arancio sai di che bontà stiamo parlando allora! ;-)
      Grazie per i complimenti e per esser passata a trovarci!
      Sarò felice di seguire anche le tue creazioni in cucina!
      A presto e un saluto da tutte noi!
      Buona giornata.

      Elimina
  7. E vabbè, mi volete uccidere... io lovvo a mille gli agrumi, sono una nordica atipica, vivrei tra aranceti e limoneti 12 mesi all'anno, piazzerei gli agrumi ovunque, olio essenziale compreso! E quassù i mandarini sono diventati più rari ed introvabili dell'oro. A volerli comperare giri mezza città e torni a casa rassegnato con un chilo di clementine che non ci fai nulla perché la buccia fa schifo. Quindi mi seggo qui e aspetto che vi impietosiate cedendomi un pezzetto di questa meraviglia :) :) :)
    Arriva, vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tati bella!!! Non sai cosa farei per allungarti un po' di questa meraviglia!!! Che peccato che dalle tue parti non arrivino un po' di agrumi buoni...
      Facciamo così: l'anno prossimo ci si organizza, preparo una scatola e faccio volare (in senso buono eh?) un corriere fin da te con un po' di arance e mandarini delle mie piante!
      Un abbraccio grandissimo e ci si legge presto nella tua nuova casetta per la cucina! :-)))))))))

      Elimina
  8. L'ho fattaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!! non con i mandarini del mio albero sniff sniff (io un albero di mandarini non ce l'ho....una volta mi avevano regalato un albero di kumquat, ma ahimè non ha passato neanche il primo inverno una volta uscito dalla serra), ma con quelli del supermercato, la cui buccia aveva una dubbia edibilità....comunque non sono stata tanto lì martoriarmi chiedendomi cosa mai avranno avuto sulla buccia quei mandarini, ho stretto le chiappe, lavato superbene e via di cubetti....però quanti semini hanno i mandarini????????? uffaaaaaa....ecco direi che questa è una cosa un po' scocciante, perché per il resto è una torta supervelocissima!!!! mi ero così scocciata di pulire mandarini dai semi che me ne sono dimenticata alcuni, che però sono riapparsi con orrore durante la frullazione con il minipimer....sono quindi sono stata puntita per la mia super fretta e costretta a trovare i semi nel frullato di mandarini, porca paletta...ma insomma ne valeva la pena....nonostante i mandarini di supermercato, l'aroma di mandarino che si sprigiona sia durante la cottura, che al taglio della torta che al morso della fetta (che definirei "fondente al morso" appunto) è impagabile...io l'ho fatta a forma di torta perché tra le mie varie caccavelle mancano le semisfere e glassata con glassa al mandarino e senza il vino, che non avevo, ma con il latte....DIVINAAAAAAAAA! sicuramente tra breve proverò anche la versione con l'arancia!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahhahahahha Regina!! Sono morta leggendo che hai stretto le chiappe mentre compravi i mandarini al super!! Ahahhahahahahahahahahahahahahahah!!!!
      Eh sì, ne hanno un sacco di semini e i fetentelli si nascondevano anche a me per poi riapparire sotto le lame del minipimer!!! :-DDDDDDD
      Ecco, brava, hai dato la giusta definizione della consistenza al morso: fondente! E io la adoro!
      Amichetta bella nostra, che ti dico??
      Grazie ancora una volta, perché ci dai così tante soddisfazioni che sei veramente impagabile (oltre a regalarci così tanti sorrisi che meriteresti un Oscar anche tu)!
      Un abbraccio stretto stretto e a presto! :-*

      p.s. la versione all'arancia devo provarla anche io! ;-)

      Elimina
  9. Ci riprovo a inserire il commento. Una ricetta strepitosa a dir poco, fatta ben tre volte durante questo fine settimana. Oggi l'ho pubblicata perché ne vale veramente la pena! Grazie ragazze!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Monica! :-))))))
      È da ieri che volevo passare a risponderti subito ed invece è stata una di quelle giornatine belle cariche...
      Ahahahahhahahahahahahahaa, ma allora questa tortina ha gli stessi effetti collaterali quasi per tutti!!! Si lascia fare e rifare a ciclo continuo, praticamente!! :-DDDDDDDD
      Non ti nascondo che ieri mattina, quando ho letto il tuo commento e poi il tuo post, son stata davvero tanto tanto felice!
      Grazie a te, cara Monica, per le belle parole che ci hai riservato! ♥
      A presto! :-*

      Elimina
  10. Queste fantastiche tortine mi incuriosiscono proprio. Amo il sapore del mandarino e ammetto di non aver mai provato ad inserire la buccia nei dolci. Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paola, felice di leggerti e benvenuta nella cucina condominiale! :-))))))
      Ecco, se ami il sapore del mandarino devi provare assolutamente questo dolce, perché è un'esplosione di gusto!
      Anche per me è stata una novità inserire un agrume intero, così com'è, in un impasto e, a distanza di giorni, dopo averlo fatto e rifatto rimango ancora stupita del risultato! ;-)

      Grazie per questa visita che mi ha fatto scoprire anche la tua cucina. Sarà un piacere seguirti!
      Buona giornata a te ed un sorriso da tutte noi. A presto! :-)))

      Elimina
  11. Mi chiedo se mi piace di più la ricetta oppure le foto davvero splendide ma poi mi rendo conto che nemmeno mi interessa poi tanto. Cosa mi interesserebbe davvero sarebbe averne 1, 2, 3, 4 o cinque davanti, ora subito now come dice il tuo adolescente :-) .Grazie a te, alla Silvina e a questo punto mettiamoci pure la Claudia ;-) Ricetta giusta giusta per rimpinguare le scorte quasi finite degli snack per la scuola e magari anche per qualche cali di zuccheri della genitrice :-D ❤
    Questo è il commento che avrei voluto postare sul tuo blog ed è anche il terzo o il quarto che non riesco a far apparire. Non mi sono dimenticata di voi ma mi avete bloccata forse? Qualche parolaccia di troppo? :-D
    Silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao tesorinaaaaaaa!!! :-))))))))
      Ma quante cose belle mi scrivi ogni volta!
      Ahahahahahahahahahahaha, mi sono ammazzata dal ridere con ora, subito, now, del mio adolescente! Sempre troppo bello, lui!! :-)))))
      Dai, spero tu possa trovare ancora qualche mandarino per provare questa delizia!!
      Un abbraccio stretto stretto, tesorina e grazie per l'affetto che ci fai arrivare sempre!!! ♥

      Elimina
  12. FANTASTICI!!
    UNA DOMANDA COSA INTENDI CO 6 g di lievito istantaneo per dolci? PANEANGELI?
    COMPLIMENTI SEI PROPRIO BRAVA. ANNA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna e benvenuta! :-)))
      Sì, esatto lievito paneangeli o della marca che usi abitualmente.
      Grazie per esser passata e per i complimenti che mi hai lasciato!
      Un saluto da tutta la cucina condominiale! Buona serata! :-)))

      Elimina
  13. Conosco il Pandarancio e lo trovo buonissimo e velocissimo da fare. Ho il mio fornitore ufficiale di arance siciliane doc, biologiche e buonissime e quindi non me lo faccio mancare. Fortunata tu che hai i mandarini home made. Buonissimi i tuoi dolcetti e complimenti anche per le foto, sono bellissime. Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Terry bella! :-))
      Se hai provato il pandarancio, allora sai bene di cosa stiamo parlando!!!! ;-)
      Si, una gran fortuna avere piante di agrumi a casa.

      Grazie per le tue parole sempre così dolci! Un bacio grande anche a te e buon fine settimana! :-*

      Elimina
  14. Ho appena scoperto questo blog e lo consulterò molto per le ricette. Mi sto appassionando di cucina e questo è quello che ci voleva per imparare a cucinare bene. Anna da Reggio Emilia 

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna e benvenuta!! :-)))
      Saremo felici di darti qualche ispirazione allora!
      Un saluto da tutte noi e a rileggerci presto! ;-)

      Elimina

Sono graditi tutti i commenti, anche quelli da Anonimo, purché firmati, come regola base di buona educazione.