venerdì 21 aprile 2017

Pangoccioli con pasta madre, ma anche no!


La scorsa settimana, mentre cercavo di mettere un po' di ordine tra le foto nell'archivio del pc, mi sono imbattuta in questi pangoccioli che feci tanto tempo fa, e mi son ricordata subito di quanto fossero stati incredibilmente buoni.
Caspita! Ma perché ho atteso tutto questo tempo per rifarli??
Visto che avevo degli ottimi complici per questa ricetta (esuberi di pasta madre ed avanzi di uova di cioccolato fondente) il giorno dopo ho messo le mani in pasta, con la certezza di ottenere nuovamente un risultato strepitoso. Ma d'altra parte non potevo avere dubbi visto che la ricetta è della nostra amica, fatina dei lievitati, Terry! Ed è a lei che dedico questi paninetti così soffici e profumati!
Ideali per la colazione e per iniziare la giornata con una marcia in più!
Comodissimi da tenere in freezer per mantenere tutta la loro fragranza! Basterà tirarli fuori alla sera per trovarli pronti al mattino; il profumo e la sofficità vi conquisteranno, ne sono certa!

Alla ricetta ho apportato qualche piccola modifica: ho ridotto la quantità di farina manitoba a favore della zero per aumentarne la sofficità; ho messo un uovo intero anziché due tuorli per far sì che l'impasto tendesse più ad un pane che ad una brioche, ed infine ho ridotto lo zucchero, con la certezza che la presenza del cioccolato avrebbe compensato e riequilibrato tutti i sapori.
Obiettivo raggiunto!!! :-)))
E voi? Avete esuberi di cioccolato che non sapete come smaltire? Nel caso lo abbiate già mangiato tutto. vi invito ad andare a comperarne ancora e a provare questi pangoccioli.
Ecco la ricetta, insieme ad un grande grazie alla Terry per averla squisitamente condivisa!


INGREDIENTI

350 g di farina 0
150 g di farina manitoba
300 g di latte tiepido
  80 g di zucchero
  50 g di pasta madre* (vanno bene anche gli esuberi)
  70 g  di burro morbido
1 uovo
1 cucchiaino di miele
1 cucchiaino di estratto di vaniglia (o la polpa di 1/4 di bacca)
150 g di cioccolato fondente tagliato a piccoli tocchetti
latte per spennellare

* oppure 100 g di lievito in coltura liquida (in questo caso diminuire il latte a 270 grammi); oppure 5 g di lievito di birra (ed aggiungere 30 g di farina e 15 di latte)

(clicca per ingrandire)
In una ciotola sciogliere la pasta madre (o il lievito liquido o quello di birra) nel latte tiepido insieme al miele e all'estratto di vaniglia; emulsionare l'uovo con lo zucchero in una tazza e riservare.
Setacciare la farina e versarla tutta in una volta sul latte; mescolare grossolanamente con una frusta e versare anche l'emulsione di zucchero e uova. Dare un'altra mescolata veloce e lasciar riposare il composto per una trentina di minuti (l'impasto si presenterà molto grezzo e sgretolato).
Trascorso questo tempo, rovesciare la massa su un piano di lavoro (io di marmo) e lavorare fino a che risulti bella morbida, liscia e compatta. Incorporare il burro a piccoli fiocchi con la tecnica dello slap&fold (guardare bene il movimento al minuto 1:53) e fare la fatidica prova velo per verificare che l'impasto sia ben incordato (foto n. 6 del collage qui a lato).
A questo punto allargare l'impasto, sempre sul piano di lavoro, e far cadere i pezzetti di cioccolato in modo sparso incorporandoli come da sequenza fotografica nel passo passo.
Avvolgere l'impasto formando una palla e metterlo a lievitare in una ciotola, coperto con pellicola, fino a che non raddoppi il suo volume.
A raddoppio avvenuto capovolgere l'impasto e porzionarlo a seconda della grandezza dei pangoccioli che vogliamo ottenere (io 60 grammi) e formare delle palline arrotondandole un paio di volte a distanza di 10 minuti; vedrete come alla seconda pirlatura otterrete delle sfere tonde come palle da bowling! ;-)
Disporre i pangoccioli su una teglia ricoperta di carta forno, coprire con pellicola ed attendere novamente il raddoppio (con il lievito madre ci vorranno 3-4 ore a temperatura ambiente; meno se mettiamo la teglia al calduccio).
Una volta raggiunto il raddoppio, accendere il forno a 180°, pennellare i pangoccioli con del latte ed infornare per 15-20 minuti (non di più per una grandezza di 60 grammi, altrimenti asciugheranno troppo).
Sfornare e lasciare raffreddare su una gratella, dopo di che... affondare un morso! :-))))))))))))))))



Questi pangoccioli volano dritti dritti nella cucina di Sandra, che meravigliosamente, in questo mese, accoglie tutti i lievitati vagabondi! :-))))))))

E a voi, cari lettori, l'augurio di un fine settimana pieno di sole. Dentro e fuori di voi!
Emmettì. 

27 commenti:

  1. Eccomi di nuovo a sbavare sulle vostre preparazioni!!! Non è possibile ho appena bevuto il caffè!!!!
    Complimenti e buon week end

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolce Mila! :-))))))))
      Dai, te ne riservo uno per il caffè di domattina!!! Affare fatto?? :-)))

      Felice we anche a te!
      Un bacio grande! :-********

      Elimina
  2. GRAZISSSSSSIME!!!!!
    cara la mia Emmeti, potevamo lasciare orfane tutte queste belle ricette? faremo un elenco nel mentre che cerchiamo un'altra idea nuova e brillante!
    a propo, se voi tre del condominio aveste qualche idea rivoluzionaria da sottoporci.....
    booooni i pangoccioli!
    un abbraccio grosso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazissime a te, Sandra!!!!
      Hai avuto una bellissima idea per i vagabondelli di questo mese!!! ♥

      Servono idee dunque, eh??
      Dai, prometto che ci penseremo su e magari ci scriviamo per qualche dettaglio in più!
      Mi tuffo nel tuo abbraccio, bellezza, e ricambio con un sorriso ed un bacio bello! A presto!!! :-*

      Elimina
  3. Risposte
    1. Ciao Federica, e benvenuta!! :-)))))))))

      Al di là dell'aspetto, questi pangoccioli son buoni da morire! ;-)
      Grazie per esserti fermata qui nella nostra cucina!
      Buon pomeriggio e a rileggerci ancora! :-)))

      Elimina
  4. Se ci fossimo messe d'accordo non veniva meglio ... che sorpresa stamattina quando ho letto il tuo messaggio. Grazie! Mi fa molto piacere tu le abbia rifatte per pubblicarli qui. Sapevo che li avevi fatti a suo tempo certo ma, vederli sul vostro blog mi riempie di piacere. Devo rifarli al mio Christian, non li ha ancora assaggiati lui. Buon fine settimana anche a voi e grazie ancora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahahahahhhah, Terry dolcezza, hai proprio ragione! Neanche ci fossimo accordate!! :-DDDDD

      Il piccolo Christian ancora non ha assaggiato i pangoccioli di nonna?? No, no devi rimediare prestissimo, anche se con tutte le cose buone che gli prepari chissà come sarà felice!!! :-))

      Un abbraccio stritoloso a te ed un bacino piccino picciò al tuo amorino! :-*

      Elimina
  5. Missione raggiunta pienamente! Questi pangoccioli hanno un aspetto divino! Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie, Laura bella! Questi panini son davvero di una bontà disarmante! ;-)

      Un caro abbraccio a te, e a presto! :-*

      Elimina
  6. "mamma, ma di nuovo muffin?", per ben tre giorni consecutivi le ho preparato una scatolina con della frutta e un muffin per la merenda. Cosa che potrebbe anche essere passabile, se non fosse che i muffin in questione non erano al cioccolato, ma volgarissimi muffin alle mandorle, completamente bianchi, senza neppure un pezzettino, che so, di cioccolato bianco. Che madre orribile! Eh lo so, mea culpa, mea culpa, mea maxima culpa!! Ero quasi tentata di andare in camera mia a meditare sui miei errori in ginocchio sui ceci, e a fustigarmi per non aver prodotto biscotti o brioche o anche dei benedettissimi muffin ma al cioccolato. Non so come io abbia potuto farli bianchi, cosa mi sarà mai passato per la testa?!?! Mah, sarà la gioventù che avanza e mi fa rincogl … ehm … illudere che anche un bel dolcetto alle mandorle potrebbe essere appetitoso.
    Insomma, mi stavo crogiolando nell'autocommiserazione, quando ho aperto la casella di posta elettronica: toh, un condominio in cucina ha pubblicato qualcosa, cià vado a vedere di cosa si tratta chissà mai che le svalvolate mi tirino su di morale. Ed ho fatto bene, ho avuto la chiamata O_O … ah no, quella era la Tim (come tutti i santissimi giorni); no volevo dire che ho avuto la folgorazione!! Ma certo, ecco come rimedierò alle mie mancanze merendere, farò una vagonata di pangoccioli!!
    Dunque facciamo l'inventario: farina ce l'ho, (anzi già che ci sono ci metto anche quel poco di farina montana con segale e farro che mi è avanzata), uova, burro, zucchero, latte, miele, vaniglia … si ho tutto. Mancano gli esuberi di pasta madre, ma usando il lievito madre disidratato non ho problemi in tal senso, e gli esuberi delle uova di Pasqua (esuberi e cioccolato, a casa mia, sono due parole che nella stessa frase proprio sono incompatibili!!), ma naturalmente ho sempre un po' di cioccolato accuratamente nascosto (nascosto?? Sì, nascosto, si chiama sopravvivenza … mia per la precisione! Ma non perché lo mangi io, mio è solo il compito di infilarlo in qualche miscela a base di farina e zucchero, è chiaro!). E così ho messo le mani in pasta e per non sbagliare, li ho fatti con cioccolato fondente, al latte e bianco (era una confezione trigusto di pepite di cioccolato) … non si sa mai!! Buoni, soffici, golosi e profumatissimi. Le mie pargolette si sono svegliate con un profumino da svenire (anche i miei vicini a dire il vero … ma loro sono rimasti a bocca asciutta però!), ed io sono riuscita a mettere in salvo in congelatore appena la metà della produzione, ma almeno per qualche merenda sono a posto. Certo, ora urge che torni ai fornelli e produca anche qualche biscotto e magari una crostatina o due, chè mica si può mangiare ogni giorno la stessa cosa!!
    Ancora una volta, grazie, per la simpatia, per l'ispirazione e per la splendida ricetta (un grazie quindi anche a Terry).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaahaahahahaahahaahhhahah, Cri cri!!! Ma come abbiamo fatto senza di te, tutto 'sto tempo??? :-DDDDDDDDDDDD

      Ti leggo e mi ti immagino mentre fai il mea culpa prima e l'inventario degli ingredienti dopo ! Ahhahahahahahahhaa!!
      Dolcezza, grazie infinite a te, per tutti i sorrisi che ci regali e per la fiducia ad occhi chiusi che riponi nelle ricette condominiali!
      Son felice che le tue pargolette abbiano apprezzato questi paninetti dolci e son felice che tu li abbia anche immortalati con delle bellissime foto che già svettano in vetrina!! :-DDDD

      Ti abbraccio stritolosamente e ti auguro una bellissima settimana!
      A presto, dolcezza nostra! :-*************

      Elimina
    2. Cara Cri cri direi che è stato un piacere, sei simpaticissima :)

      Elimina
  7. Li adoro, sono i miei panini dolci preferiti, appena esco dal tunnel delle colombe in cui mi sono di nuovo infilata li faccio, sono davvero perfetti e così morbidi e cioccolatosi, ma sai che dovrò comperare il cioccolato apposta, qui non è avanzato nulla, non siamo più bambini, non è che arrivano tonnellate di cioccolato a Pasqua!!
    Un abbraccio ragazze, stretto stretto e buon inizio settimana!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia bella! :-)))))))
      Ahahahahahhahahahahha, ma è bellissimo il tuo tunnel-colombe, con quella meraviglia che hai sfornato!
      Questi paninetti, si fanno anche ad occhi chiusi ed il risultato è veramente strepitoso!

      Un abbraccio grandissimo anche a te, cara! E grazie per esserci sempre! :-*

      Elimina
  8. Bella donna, lo sai che i paninetti di Terry li avevo fatti anche io illo tempore? Li avevo pubblicati per un mio compleanno... troppo buoni, quella donna è fantastica! Un bascione a tutte voi forte forte forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E cosa posso dirti se non grazie?!?! Grazie di vero cuore, li ricordo bene i tuoi Pangoccioli, sono nella mia paginetta delle ricette fatte da voi. ♥

      Elimina
    2. @Patty: ciao bella gioia! :-))))))))
      Il tuo bascione è ricambiato da tutte noi insieme ad un grande abbraccio e ad un sorriso!

      Elimina
  9. I pangoccioli!!!! Sembrano proprio quelli del bell'Antonio!! Delle pallette (ehm non quelle del bell'Antonio...) con dei bei tocchi di cioccolato (perché quelli proprio tocchi so'). Chissà che profumo....e che morbidezza (e no... non possono esse quelle del bell'Antonio)! Ma si sciolgono in bocca? E si tagliano con un grissino? Mmm la mia è proprio voglia di qualcosa di buono!
    Vuoi vedere che ste pallette so' d'Ambrogio?!?!?
    Mi si è arricciato pure l'elettroencefalogramma (sono un po' stressata...si capisce???). Vado a stirarlo un po' (l'elettroencefalogramma).
    Brava Emmettì...e il condominio.. e la Terry e l'Antonio e pure l'Ambrogio (crepi l'avarizia...e poi dicono che i liguri so' tirchi...e chiudo la parentesi anche se qua dovrei aprirne un'altra)!
    Un bacio a tutto l'allegro cucuzzaro :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aahahahahhahahahahahahhahahhahaahahhahahaah!!!!
      Non riesco a smettere di ridere con la storia delle pallette e del tuo elettroencelafogramma riccio!!!! Ahahahahahahahahahahaahahahahaha, ma quanto meravigliosa sei tu??
      Comunque no, non si tagliano con un grissino mentre invece di ssssiolgono in bocca che è 'na meraviglia!!
      Dai, ho messo anche le dosi con il lievito di birra! Metti le mani in pasta e vedrai che tutto lo stress andrà a farsi benedire e tu ritroverai un senso di leggerezza pari a queste pallette!! :-DDDDDD

      Forza, domani è venerdi e poi ci aspetta un we un po' più lungo! Yeaaaahhhhhhhh!
      Ti abbraccio fortissimo, tesoro e ti mando un bacio grande grande!
      Grazie per essere passata di qua! Sei sempre la nostra adorata Riccia! ♥

      Elimina
  10. Ah beh manco un saluto a questo post. Sono sempre più imperdonabile. :x
    I pangoccioli: mai fatti eppure mi piacciono tanto, persino quelli della nota marca. Vabbè, non mi capisco più manco da sola. lasciamo stare...
    Socia comunque i tuoi pangoccioli sono bellissimi, cioccolatosi e molto invitanti. Sempre più brava, tu. :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sociabella, maddechettestaiapreoccupa'!?!?! :-))))))
      Piuttosto, appena hai modo, metti le mani in pasta e vedrai che tornerai a capirti subitissimo!!! :-)))

      Sempre troppo buona, tu!!
      Ti striolo in un abbraccio! :-*

      Elimina
  11. meravigliosi questi pangoccioli!!!! con dei bei pezzetti di cioccolato....che goduria!!!! Ne mangerei giusto duo o tre ora per colazione! ;-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nicoletta!! :-))))))
      Ahahahahahahahahahahhahahhaha, allora domattina si fa colazione insieme?? ;-)

      Grazie per esser passata!
      A presto! :-)))

      Elimina
  12. Stupendi!
    Premetto che non ho mai assaggiato gli originali della nota marca,io ho provato a farli usando una ricetta che avevo vorrei sapere se deve sentirsi il dolce perché i miei sono venuti poco dolci (la ricetta prevedeva 100 grammi zucchero per quasi 1 kg farina e lo zucchero si sente appena)
    Grazie
    Vale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vale! Felice di leggerti, innanzitutto! :-)))))))

      Allora sulla questione dello zucchero, direi che è una questione di gusto personale, nel senso che se si vuole ottenere l'effetto pane e cioccolato, è giusto che nella ricetta ne sia prevista una minima quantità (sul peso farina); se invece si vuole ottenere l'effetto più di una briochina, allora lo zucchero va aumentato se pur non eccessivamente, in modo che sia il cioccolato ad avere la predominanza sul gusto d'insieme.

      Spero di aver risposto esaustivamente alla tua domanda; in caso contrario torna pure a scrivermi.
      Un caro saluto ed un sorriso! A presto! :-))

      Elimina
  13. Salve a tutte voi del condominio!
    Volevo sapere se secondo voi posso trasformare il mio lievito madre in licoli (vorrei convertirmi...) semplicemente modificando le dosi dei rinfreschi per rendere il composto più liquido. Che ne dite?
    Grazie e aspetto sempre i vostri graditissimi post!
    Valentina

    RispondiElimina

Sono graditi tutti i commenti, anche quelli da Anonimo, purché firmati, come regola base di buona educazione.