giovedì 13 marzo 2014

Scamorzine fiorite e gli abitanti del rosmarino

 

Le api mangiano i fiori
Le chiocciole mangiano i fiori
Le cavallette mangiano i fiori
Le lucertole mangiano i fiori
Le svalvolate mangiano i fiori

Una certamente: io! Mangio fiori, fiori rosa ma non fiori di pesco, fritti, insieme al pane con un contorno di formaggio che... oddio non è che sia proprio proprio così. Diciamo che i fiorellini sono il belletto di tante belle scamorzine fritte, come le ho viste su Pane, burro e alici,  belle, buone, fritte e fiorite!! Me ne sono innamorata appena le ho viste da Emanuela, così tenere, delicate, primaverili e....fritte! Fritte fritte fritte fritto friggere frittura friggerò friggendo frittato... lasciatemi sfogare! lasciatemi cantare! no va bene, cantare meglio di no, ma dopo l'astinenza da fritti  messa a durissima prova a Carnevale, davanti a questi bocconcini non ho resistito fritto fritto fritto fritto fritto!
Condizione sine qua non è avere una pianta di rosmarino fiorita, e poi sine qua non anche comprare delle scamorzine piccole piccole da mangiare in un solo boccone massimo due, e sine qua sì vi do la ricetta!




 RICETTA


Miniscamorze panate ai fiorellini di rosmarino


Ingredienti per 2/3 persone

- 10 miniscamorze
-   2 uova
-   2 o 3 cucchiai di latte
- q.b. di farina
- q.b. di pangrattato

cimette fiorite di rosmarino
olio evo per friggere 
pepe (io verde alla vaniglia)




- Raccogliere le cimette fiorite, sminuzzarle con le mani nel tritatutto dove si sia già sbriciolato il pane e tritare.
- Bagnare le scamorze nel latte.
- Rotolarle nella farina, poi nelle uova sbattute con un po' di pepe, ed infine nel pangrattato fiorito. Far aderire il pane bene bene, eventualmente ripassare nelle uova e ancora nel pangrattato.
- Far riposare qualche minuto (ma anche di più, oltre un'ora sarebbe meglio) le scamorze impanate, così che la panatura si rassodi e si scongiuri il pericolo di  aperture di falle (dio ci scampi! poi il formaggio si riversa nell'olio e va tutto a farsi...friggere!)
- Portare l'olio evo ad una temperatura medio alta (circa 160 gradi, se si inserisce il manico di un cucchiaio di legno si formeranno delle bollicine intorno) e tuffare i bocconcini fioriti nell'olio, avendo cura che siano completamente immersi. Abbassare immediatamente la fiamma e, ora che col il tuffo si è formata la crosticina protettiva,  continuare a cuocere a fuoco bassissimo.
- Scolarle delicatamente e far rilasciare il grasso in eccesso su più strati di carta assorbente.
- Mangiare caldissime, prima che il cuore si freddi, ma occhio alla lingua!




DI PERTINENZA

Il fritto? il fritto è troppo buono, mangerei fritto dalla prima colazione alla cena. Biscotti fritti, pasta fritta, carne fritta, patate fritte, pizza fritta, polpette fritte, torte fritte! Ovviamente, non si può. La ragione la sappiamo, ce l'ha svelata Oscar Wilde
'Le cose migliori della vita sono immorali, illegali o fanno male alla salute.'
E, mannaggia la peppa, pare, dicono, si vocifera che abusare coi fritti sia immorale...no, scusate, faccia male alla salute!
Pare che le alte temperature raggiunte con questo metodo di cottura alterino la struttura molecolare dei grassi producendo dei residui tossici per il nostro organismo. Quindi, per evitare che queste temperature non producano troppi danni dobbiamo fare attenzione a diverse cose quando decidiamo di friggere. Intanto, compriamo l'olio, perché rubarlo è illegale. Poi, non diciamo a nessuno che abbiamo mangiato frittura durante un incontro amoroso, perché è immorale... (sono certa di aver interpretato bene il pensiero di Oscar)
Infine, per evitare che le alte temperature facciano alterare la nostra struttura molecolare, usiamo il grasso giusto.
L'olio extravergine di oliva è il migliore per friggere. Per anni ci hanno venduto l'idea che quello di semi fosse più "leggero", ma che significa leggero? Leggero che pesa di meno, leggero che ha meno calorie, leggero che 10 piani di morbidezza? Ma quando mai! non pesa meno, non ha meno calorie non ha 10 piani di morbidezza. L'olio di semi sembra leggero perché ha un colore neutro e un sapore inesistente.
L'unica "leggerezza" di cui  dobbiamo tener conto è quanto siano gli oli in grado di mantenersi stabili e resistere prima di bruciare e decomporsi e produrre le famigerate sostante tossiche che ci fanno male. Questa capacità di resistenza e durata (ricordo che parlo di grassi!) si chiama punto di fumo, che
corrisponde alla temperatura massima raggiungibile da un olio prima che questo inizi la combustione.
Numerosi studi a riguardo hanno dimostrato un dato certo, l'olio extravergine di oliva, in generale, è il miglior grasso da frittura in assoluto per quanto riguarda sia gli aspetti nutrizionali che salutistici.

 Punto di fumo di alcuni olii e grassi 
    Strutto più di 260 °C
    Olio di palma “raffinato”240 °C
    Olio extravergine di oliva 210 °C
    Olio di arachide 180 °C
    Olio di cocco 177 °C
    Olio di mais 160 °C
    Olio di soia 130 °C
    Olio di girasole meno di 130 °C
 Inutile dire che lo strutto e l'olio di palma siano assolutamente da evitare. E che l'alternativa all'olio di oliva, che ha un gusto deciso e quindi conferisce un aroma al cibo che potrebbe non essere gradito, è l'olio di arachide.
Non aggiungo altro, magari la prossima frittura ci racconteremo che quella migliore è quella per immersione,
 che è importante mantenere costante la temperatura dell'olio (che in ogni caso non deve mai superare i 180 gradi) usando le manopole dei fornelli,
che non si deve mai aggiungere il sale nell'impanatura  perché concentra l' umidità impedendo la formazione della crosticina,
che è bene non immergere troppo cibo nell'olio tutto insieme sicché abbia lo spazio per essere completamente immerso nel grasso,
e che sì, lo diremo la prossima volta!!


DIVAGAmente 

Oggi ho esagerato con le pertinenze, quindi non dico più nulla e vi lascio in compagnia degli affamati abitanti del mio rosmarino!!! 























fiori lilla, fiori di rosmarino



altre foto di abitanti: http://visionigustative.blogspot.com/2014/03/gli-abitanti-del-mio-rosmarino.html


Tamara


edit del 20/03/2014
qui le scamorzine al forno di Erica!
 http://lacuocherellona.blogspot.it/2014/03/scamorzine-croccanti-al-forno-vizi-e.html

42 commenti:

  1. E che quello che fa male alla salute è sicuramente sbavare troppo a lungo su queste
    scamorzine, piuttosto che cucinarsele per pranzo!

    Adoro O.W.

    Socia, foto M E R A V I G L I O S E !!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahahah in effetti, ma meno mangiarle che pensarci troppo, meglio vivere di rimorsi che di rimpianti :)

      eh, O.W. la sa lunga :))))

      Gli abitanti, sono meravigliosi!
      bacione tesoro!

      Elimina
  2. Aaahhhhh, il fritto!!!!
    Gioia e delizia per il palato.
    Dovrebbero fare santo chi lo ha inventato!
    Ma come gli è venuto in mente?!?!?
    Già solo il fatto di ottenere l'olio dalle olive per me è stata una genialata!

    Di pertinenza:
    Queste scamorzine sono goduriose ma lasciami dire, il tocco di classe è quel pepe alla vaniglia ;)

    Di fiore in fiore:
    Bella l'apetta in fase di "atterraggio"!

    Di... vagamente:
    E belle anche le foto della lumaca (si vedono bene pure gli occhi), della lucertola e della cavalleta.
    Pure il tuo rosmarino è un bel condominio di svalvolate, eh?

    :))))

    BaSci, beddha mia :))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, anche le condomine del rosmarino svalvolate e femmine! povero rosmarino, lo vedi come è sofferente? :)))))))
      Il pepe alla vaniglia è veramente un tocco sì, dolce e hard insieme, convengo :-*

      Eh sì, chissà chi l'ha inventato il fritto, scommetto che tu ne sai qualcosa, dai dai poi ce lo racconti :)
      un baScione beddhu miu :-*

      Elimina
    2. appena ho letto "pepe alla vaniglia" ho fatto 2+2
      :))))))))))))))))))))))

      Elimina
    3. e scommetto che t'è venuto.... 5!!!!!!!!
      :-******************

      Elimina
  3. Tam! Tam! Tam!

    Cosa commentare??

    Rimango a bocca spalancata:
    1) per far entrare dritta dritta una scamorzina anche alle 9 della mattina
    2) perché le foto di quegli animaletti mi han fatto innamorare
    3) hai avuto la voglia di rammentarci sui punti di fumo degli olii

    Questo post è un capolavoro! Davvero!!!

    Baciotto cicciotto :********

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vero, queste scamorzine me le mangerei pure a colazione, insieme al latte :))))))
      e gli animaletti... pure!!!!!! oddio, non tutti :))))))))))
      baciottone tesoro!

      Elimina
  4. Anche io le ho viste da lei, me ne sono innamorata e le ho prese per prepararle ^_^
    Che foto.... sono una meraviglia!!!
    Bravissima!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Erica, già pregusto il tuo racconto, ché non so se mi piacciono più le tue ricette o i tuoi racconti :)))
      grazie cara!

      Elimina
    2. Ahahahahahahah, bella che sei ^_^
      GRAZIE!!!!!

      Elimina
  5. Eccoleeee....le scamorzine!!!!
    Si ma io mi sono innamorata delle tue foto! Persino la lucertolina sembra bella! :)))
    Bravissima Tamara, davvero! Hai rappresentato questa ricetta (e la voglia di primavera che tutti abbiamo ormai) come meglio non si poteva!
    Ti abbraccio e ti ringrazio! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice di aver reso onore a una ricetta cara!
      e ti abbraccio anch'io no? :)))

      Elimina
  6. Che buoneee odio friggere che peccato quel cuore filante mi tira troppo!! Le foto con gli insetti sul rosmarino sono troppo carine....pensa che nel mio mesi fa' c'erano i pidocchi sai che foto avrei fatto :(
    Grazie per questa bella idea quasi quasi provo nel forno ;)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mmmmmmm Isabella, la vedo dura in forno sai? potresti provare sotto al grill, per dare una botta di calore che indurisca la panatura, ma mi sembra un'impresa proprio difficile riuscire a non far sciogliere le scamorze!
      Guarda, se è la panatura che ti intriga, provala con la carne. A me ne era avanzata un po' e ci ho impanato delle fettine di lonza di maiale, a casa mia poco gradite, e il risultato è stato eccellente. Il profumo intenso di rosmarino ha smorzato il gusto particolare della carne di maiale e le fettine sono sparite, graditissime, in un fiat. Appena rosolate in un goccio d'olio, quindi non fritte. Vedi un po' :)
      Ciao Isa, grazie!

      Elimina
    2. Ma grazie a te!!!!! Mi hai dato veramente una bella idea anche io ho nel congelatore delle fettine di arista e voglio proprio provare! Comunque non era solo la panatura che mi intrigava ma anche quel cuore filante ;))
      Buon week end ,bacioni :*

      Elimina
  7. E i fiori di zucca fritti? Che so' pure più grandi? Con la pastella croccantella e l'alicetto in fondo al calice?
    E le frittelle fatte con i bei grappoloni lunghi lunghi dei fiori del glicine immersi nella pastella e poi frittifrittifritti nell'olio rigorosamente di oliva?
    E le frittelle a ombrellone dei fiori di sambuco?
    Che faccio, mi fermo qui o passiamo alla frutta fritta? Una frotta di frutta fritta in tutta fretta in una fratta? :D (Questa mi ricorda qualcosa!)
    Che belle 'ste crocchette, soprattutto quella con la gocciolina di formaggio che fa tanto cado-non cado-acchiappami al volo con la lingua!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mammamia cosa mi ricordi! Mi piacciono da morire i fiori di zucchina, che riempio di tutto quello che mi capita a tiro, formaggio, salame, alici, tonno, wurstel, ricotta, e chi più ne ha più ne metta. Non tutto insieme eh? :))
      i fiori di glicine mmai frittellati, e manco i fiori di sambuco, queste sono lacune inaccettabili!
      Eh sì, goccioline, se non si fa attenzione, se ne formano parecchie, ed è tutto un dai dai dai dai sennò esce tutto!
      Ciao Franci grazie!

      Elimina
    2. Inaccettabilissime!
      Il glicine fiorisce in aprile-maggio... ;o)

      Elimina
  8. ciao Tam! io adoro i fiori del rosmarino ma nella panatura non avevo davvero immaginato di poterli mettere! grazie per aver riportato le idee di Emanuela!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E neppure io, e poi è stato troppo divertente raccogliere i fiorellini :)
      pensa, li ho rifatti già 3 volte!
      Ciao Elena grazie!

      Elimina
  9. Sembrano squisite! Mi farebbe molto piacere se passassi dal mio blog: http://golosedelizie.blogspot.it/
    ti aspetto ^_

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sono :)
      sì aspettami, che arrivo :)

      Elimina
  10. Perbaccolina ziaTam che hai fatto!!!! Anche a me piacciono i fiori. Ricordo di aver fatto un pranzo a base di fiori nel ristorante del giardino botanico de L'Havana a Cuba (è un bel ricordo perchè eravamo in viaggio di nozze). Eppoi oltre ai fiori di zucca con l'alicettooooo....qualche anno fa ho fritto grappoli di fiori di glicine bianco provenienti dal giardino di Ninfa (LT). Ti dirò che se trovo del materiale adatto tipo le tue scamorzine e riesco a convincere Franci, in considerazione del fatto che è passato tanto tempo dall'ultima frittura, proverò a fare anche io qualcosa del genere. Complimenti per le foto sono bellissime!!!
    Un abbraccio :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nico ti rispondo in diretta! eehhhh ma lo sai che un uccellino mi aveva già raccontato dei fiori di glicine? :)))
      Beh, mangiare fiori nel ristorante del giardino botanico de l'Havana è...è....è....è!!!!!!!
      Anch'io sai Nico era tanto che non mangiavo frittura, ché io mangerei fritti anche mentre dormo :)) ma con le scamorzine fiorite non ho resistito, secondo me Franci la convinci :)))
      Un abbraccio a te e grazie!

      Elimina
  11. Ecchetelodicoaffà!!!! Cioè volevo dirti che sono rimasta senza parole!Bbbone ste scamorzine fritte frittede rifritte in un olio buono come l'extra vergine! Ma poi chi li aveva mai visti i fiori del rosmarino!!!!! E vabbè, lo avevo scritto da Piero ma te lo ripeto: IO TI ADORO!!! Sei spontanea simpatica energica appassionata e fai appassionare con i tuoi racconti! Ti ho fatto una sviolinata lo so, peggio di una dichiarazione d'amore! Ma quanno ce vò ce vò!!! Baci baci baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Flavia :))))))) e avevo letto da Piero, ma grazie, son diventata, di nuovo, tutta rossa!
      peggio di una dichiarazione d'amore?? nono, meglio, moooolto meglio!!!
      Sono contenta di trasmettere positività e allegria, sorridere è l'arma migliore per affrontare le giornate, quelle che si presentano bene ma anche quelle si affacciano fosche. Un sorriso al giorno (ma anche di più:) leva il medico di torno!
      Un sorriso esagerato a te, Flavia, e grazie, torna a sviolinare quando vuoi, ti aspetto :-DDDD
      baci baci baci e baci!

      Elimina
  12. Ma che foto fantastiche hai fatto alla natura e alle scamorzine, che devono essere deliziose, copio la ricetta e le provo presto. Il mio rosmarino è antipatico :( non mi fa i fiori, lo tengo da ormai 5 anni in vaso, ora l'ho messo in uno più grande perché è cresciuto ma fiori zero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noooooooooo ma come non fa i fiori???? è antipaticissimo!!! però alla fine l'importante è che faccia il suo dovere di profumatore :)
      Grazie Enrica!

      Elimina
  13. Anche io appena ho visto le scamorzine fritte me ne sono innamorata e ho salvato la ricetta per rifarla al più presto!!!! Ed è verissimo che il fritto fa male ma io sono dell'opinione che fa male anche vivere con voglie e desideri senza mai sgarrare... quindi io, se ho voglia di fritto me lo mangio!!!!! Ah Ah!!!
    Che foto ME-RA-VI-GLIO-SE!!!!!! La primavera è arrivata!!!!! Olè!!!!!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E sono d'accordo con te, ogni tanto sgarrare fa bene alla salute :))
      Grazie Morena, viva la primavera!!
      Un abbraccio a te :)

      Elimina
  14. ADORO I FRITTIIIIIIII!!!! li adoro ...non li faccio spessissimo, ovviamente ma, almeno 1 alla settimana me lo concedo!!! ti copio subito questa fantastica ricetta perchè ho tutto....anche il rosmarino fiorito e anche le chiocciole.....bellissime le tue foto!!!! un bacione!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mimma!!! le chiocciole noi ce le cuciniamo a parte vero? con l'origano, però! un bacione a te!

      Elimina
  15. ma queste scamorzine sono una bomba!!!!!!!!!!!!!
    buone!!!!!! e belle!!!!! e poi così primaverili!!!!
    mamma mia queste le devo provare. io amo il formaggio. e pure il rosmarino. tanto.
    non amo friggere, però magari per fare questo cedo.

    di solito uso l'olio di arachidi, perchè quello di oliva è meno "leggero" ... come sapore. :-)
    lo strutto, perchè è da evitare? non l'ho mai usato, ma avevo vaghi ricordi (letto chissà dove-chissà quando) sul fatto che sia buono per friggere perchè ha alto punto di fumo e viene poco assorbito dall'alimento...forse è perchè comunque essendo grasso animale è meno sano?

    vorrei essere al sole come una lucertola, ora!

    ciao!!!! :-***********

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì verissimo Eleonora, lo strutto dà dei risultati eccellenti soprattutto nella frittura dei dolci, io per esempio ci friggo le zeppole, e vengono asciutte che sembrano quasi al forno. Sì, l'unica reagione per evitarla, è che è un grasso animale. Ma, insomma, ogni tanto si fa. Chiaro che se si frigge due volte a settimana, sia assolutamente da evitare, ma ogni tanto ci sta eccome. Così come, lo strutto, lo uso, perché è assolutamente indispensabile, nella frolla dei pasticciotti :))

      Ciao Ele, ci vediamo sotto al rosmarino! anzi tu fuori a prendere il sole, io sotto a prender l'ombra :)

      Elimina
  16. Ennò, qua mi arrendo... io non friggo, è immorale! ;-P
    No, veramente, se c'è una cosa che odio fare, è friggere. Perché il fritto puzza. Perché il fritto sporca. Perché l'olio del fritto poi bisogna smaltirlo correttamente. Troppi scassamenti di maroni.
    Quand'è che le fai le scamorzine la prossima volta, che me le vengo a mangiare da te??? ;-P
    P.S. io ho le cimette del mio rosmarino in vaso fiorite, ma sono ben felice che non siano abitate dalle orrende creature che dimorano sul tuo, in particolare la seconda e la terza. Per la prima sono più flessibile, lei fa il suo dovere di impollinatrice, e poi fa il miele, che a noi ci serve per il panettone.
    Chissà com'è il panettone col miele di fiori di rosmarino??? :-D
    Ciao bella! :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... la seconda, la terza e la quarta. Avevo focalizzato solo la lumaca e la lucertola, la cavalletta era passata inosservata, ma odio pure lei! 3:)

      Elimina
    2. ahahahahahahahahahahahah!!! ma non sono orrende!! sono belle e utili! a parte che le cavallette pure si posso friggere (bleah!!), per le lumache vado pazza, nel senso culinario del termine, mi piace mangiarle :)))) e le lucertole se magnano le zanzare!
      Il panettone al rosmarino... cavolo mi manca!!! mo me lo segno!
      Ciao beddha!!

      Elimina
  17. Meno male che non ho nè il rosmarino fiorito, nè le scamorzine!!! Mannaggiaaaaaaaa lo sa pure la mia schiena che il fritto è immorale ma quanto è BUONOOOOOOO? Va beh è meglio che me ne vado, già dalla Manu ho dovuto correre via altrimenti andavo subito a comprare le scamorzine ... è meglio che fuggo anche da te! Ciao bella rossa, buon week end

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok tesoro stavolta ti lascio andare, perché so bene che significa soffrire per la schiena (e rimanere a letto per un mese con dolori lancinanti) quindi vai, tanto so che poi torni!!
      Ciao cara, buona domenica!

      Elimina
  18. Ziatam io non ce l'ho la piantina di rosmarino con i fiorellini di rosmarino con gli abitanti del rosmarino!!!
    come faccio??? ti autospedisci insieme alle scamorzine per favore?????? :))))
    sono bellissime, buonissime (già lo so) e anche colorate!
    mi sono innamorata della lumachina!
    bella e brava la mia zietta :**********************
    a prestoooooooooooo ( count down -28 gg)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi autospedisco col rosmarino con tutti gli abitanti e poi le scamorzine le friggiamo insieme!!!!
      e poi cuciniamo anche le lumachine, che io adoro in umido :)))))))))))))))))))))))))))))))))))
      -28!!!! anche io conto!!!!!!!!!!!

      Elimina

Sono graditi tutti i commenti, anche quelli da Anonimo, purché firmati, come regola base di buona educazione.