martedì 20 settembre 2016

Le polpettine in agrodolce della zia Pina



La scorsa settimana Tam cantava: ♫ L'estate sta finendo...♬´¯`♬
Ma davvero?? Da voi che tempo fa?
Qui un gran caldo!!!! O meglio, durante  il giorno io sto ancora con l'aria condizionata a manetta, mentre il pomeriggio/sera quando l'aria si fa friccicarella, gradisco una tazza di thè, giusto perché ho la smania che arrivi la mia stagione preferita: l'autunno!
E così, questa escursione di temperature, con la mattina e parte del pomeriggio in pieno caldo, e la sera con un po' frescolino fa sì che anche in cucina si alternino piatti ancora rigorosamente estivi (friselle e pomodori in primis) con qualcosa che non esca dal frigorifero a 4 gradi!

Che si prepara allora? Un piatto caldo o un piatto freddo? Presto fatto!
La risposta me l'ha data il ricordo di una cena a casa della zia Pina, siciliana doc trapiantata da una vita al nord ma che in cucina mantiene ancora tutta la tradizione delle sue origini!!
Un pomeriggio, la vedo trafficare in cucina tutta intenta a far roteare tra le sue mani delle piccole polpette che erano più tonde delle palle da bowling (!!!) e le chiedo:
"zia cosa prepari?"
" Le polpette alla siciliana per la cena! Rimani qui che ti faccio vedere come si fanno!"
"Ma non è un po' troppo presto se sono per cena?"
"Eh no! Queste devono rriposare e poi si devono mangiare tiepide!"

Insomma, con le polpette vi ho lasciati e con le polpette mi faccio ritrovare!
Ma vi garantisco che anche queste son buonissime!
Si siiiiiiiiolgono in bocca.
Non bisogna soffiare come un bue prima di poter fare un boccone.
Si preparano in anticipo (anzi è doveroso perché il riposo fa sì che i sapori si fondano alla perfezione).
Se non si fanno navigare nell'olio sono anche ottime alleate della linea! ;-)



INGREDIENTI (per circa 20-25 polpette)

per le polpette
500 g di carne di bovino macinata
100 g di latte (se le volete più leggere 50 g di latte e 50 di acqua)
50   g di parmigiano grattugiato
50   g di pane raffermo
1 uovo piccolo
1 cucchiaio di olio
sale e pepe q.b.

per l'agrodolce
2 cipolle di Tropea
1 cucchiaino di origano
aceto
zucchero


Vabbè, non sto qui a spiegarvi come si devono fare le polpette, no?? :-DDDD
Racconto brevemente come ho proceduto io. ;-)
(clicca sull'immagine per ingrandire)
Versare il latte sul pane raffermo e, dopo che si sarà completamente disfatto, unire il parmigiano, l'uovo, una manciata di pepe macinato al momento, poi l'olio e creare una sorta di emulsione da versare sulla carne.
Regolare di sale tutto l'insieme, affondare le mani ed amalgamare fino ad ottenere un impasto morbido per poi formare le polpette della grandezza di una noce cicciottella! ;-)
Scaldare una padella in allumino (ma anche quella con il rivestimento antiaderente va benissimo), versarvi 2-3 cucchiai d'olio e rosolare le polpette da entrambi i lati; nel frattempo pelare la cipolla e tagliarla a fette non troppo sottili.
Quando le polpette inizieranno a sfrigolare vivacemente, toglierle dal fuoco e tenerle da parte in una ciotola.
Senza lavare la padella (che figata eh?), versare un cucchiaio abbondante di olio nel fondo di cottura rilasciato dalla carne e versarvi le cipolle; unire un paio di cucchiaio di acqua e lasciarle stufare a fiamma dolce per i primi cinque minuti. Trascorso questo tempo, alzare la temperatura e farle rosolare per bene, stando attenti a non far evaporare tutto il liquido.
Ora è il momento dell'agrodolce.
Come avrete notato, negli ingredienti non son stata troppo precisa con le dosi perché molto dipende dai gusti personali. C'è chi l'agrodolce lo preferisce molto deciso, chi invece appena accennato.
Io appartengo al primo "c'è chi"! :-)))
Alle cipolle che nel frattempo rosolano, aggiungere un cucchiaino di origano, due cucchiai di zucchero e tre di aceto; lasciare evaporare e far ridurre un po' la salsina lasciandola morbida.
Unire le polpette e mescolare delicatamente giusto il tempo che si insaporiscano ed assorbano un po' dell'agrodolce, poi spegnere il fuoco.
Lasciar raffreddare qualche minuto, poi versarle in una ciotola e mantenerle coperte in attesa che arrivi l'ora del pranzo o della cena per potersele pappare! :-))))))




Consigli:
  • scegliete una carne di ottima qualità, e che non abbia troppe venature di grasso;
  • la cipolla, possibilmente, deve essere quella di Tropea (la sua dolcezza è ineguagliabile); 
  • anche l'aceto in questa ricetta è importante! Se avete la possibilità di acquistarne uno fatto in casa, provatelo... il profumo ed il sapore, consentitemelo, sono tutt'altra cosa!!!
  • se avete tempo, raddoppiate le dosi della carne e tenete una scorta di queste polpette in freezer. E se non gradite l'agrodolce o la cipolla, potete farle semplicemente fritte oppure al sugo con una bella fetta di pane per un'ottima scarpetta! :-)))


Buona settimana! :-))))))
Siate lieti, sempre!

22 commenti:

  1. E' proprio il caso di scriverlo: PIOVONO POLPETTE!!!! :-)))
    sembrano le polpette che fa la mia mamma! beh lei non le fa in agrodolce (e quindi sono un'altra robba, dirai tu, giustamente!!) ma l'utilizzo del pane raffermo ammollato (non se po senti') nel latte, la cottura e soprattutto la cura e l'amore nel farle sono gli stessi della tua zia!!
    qua a Torino FA FRESCO. Le temperature sono bruscamente scese e siamo sulla media dei 18°.
    Però però...sento un gran fermento...la voglia di fare...di merende con fette di torta e tazze di thé...di impastare...di scrivere...di riempirsi gli occhi dei meravigliosi colori autunnali e...di CASTAGNE!!!! non vedo l'oraaa!! :-))
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahahhahahahhahaahha Riccia tesoro!!!
      Sì, piovono polpette!!! :-DDDDDDDD
      Ma bello leggere che nell'aria c'è tutto quel fermento!!! È lo stesso che provo io in questo periodo con attività ricreative parallele alla cucina e che spero presto di condividere presto su queste pagine! ;-)
      Anche se a chilometri di distanza ci fermenteremo a vicenda, ci riempiremo gli occhi (ma un po' anche la bocca) e sorrideremo insieme delle cose che condivideremo nelle reciproche cucine! :-DDD
      Un bacio stellare a te! :-*******

      p.s. buone le castagneeeeeeeee!!!!! :-P

      Elimina
  2. Quando vedo polpette un "ohhh" di stupore mi illumina lo sguardo perché è il mio legame con l'infanzia eppure ancora non ho imparato a farle bene, quindi finisce che copio ricette ovunque alla ricerca della polpetta perfetta (perché l'impolpettamento è un'arte, mica si tratta solo di recuperare gli scarti...)!
    Buone, buone, buone!!!!
    Un bacio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolce Tati!!!!!!!!!
      Felice, felice, felice di rileggerti io!!!!!!! :-)))))))

      Ecco, per me le polpette fanno parte della categoria "comfort food" proprio perché legate ai ricordi belli di quando si è piccini! :-))
      Scoprirle in questa veste (non proprio comune per una polpetta). è stata una grande rivelazione! ;-)

      Grazie per essere qui con le tue parole sempre così care e preziose!!
      Un abbraccio stretto stretto!! ♥

      Elimina
  3. Uh! Queste polpette sono squisite! Una tira l'altra, per quante se ne preparano non saranno mai abbastanza :) Buona giornata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura!!! :-)))))))))
      Hai ragione, le polpette son come le ciliegie e c'è il rischio di mandarne giù cinque o sei di fila se non si sta attenti... (ma soprattutto se sono a temperatura ambiente e non bisogna manco soffiare!!!!). :-DDDD

      Grazie per averle apprezzate e per avermi lasciato le tue parole!
      Ti auguro una buona serata in corso con un sorriso! :-)))
      A presto!!

      Elimina
  4. Polpette buonissime che si abbinano bene con l'agrodolce

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Günther! :-))))))
      L'abbinamento con l'agrodolce è stato una grande scoperta per me, e devo dire che ne sono rimasta davvero colpita!
      Grazie e buona serata (ma anche quasi buona notte) a te! :-)))

      Elimina
  5. Il mio tesoro 😊😊😊 Sono così contenta di leggerti di nuovo che quasi le mangerei anch'io queste polpettone che sembrano davvero straordinarie ma mi sa che nemmeno tutto l'affetto che provo per te basterà e così le preparerò ai miei uomini e mi godrò i loro commenti alla tua ricetta. Che è tua però glielo dirò, tranquilla. Quando ti vedo? (torno sempre a bomba io😊)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccotiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!!!!! :-))))))
      Ciao dolcezza infinita!!!!!! Felice più di te nel leggerti anche io (e tra l'altro accortami solo adesso che anche tu hai riaperto i battenti della tua cucina!!)!!!
      Lo so, lo so che tu e la ciccia non andate molto d'accordo! ;-)
      Tornando a bomba...
      IO SPERO PRESTISSIMOOOOOOOOOO!!!! ♥

      Elimina
  6. Polpettone le ha definite il correttore eh..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahahahhahahahaahahahaha, non parlarmi di correttore eh??
      Che giusto ieri me ne ha combinata una di quelle...
      Meno male che la parola corretta (da lui) è saltata subito ai miei occhi in modo da poterla correggere prima di inviare un messaggio!! :-OOOOO

      Elimina
  7. Che ghiotteeeeee!!! Ne prenderei subito una se lo schermo me lo permettesse!!
    Da rifare al volo, eccome!!!
    Un bacione e bentornataaaaa!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silviaaaaaaaaaaaa!!!!
      Ma che bello ritrovarti!!!!!!!!!!!! :-)))))))))))))
      Oh, sembra che non ci si legge da una vita quando in realtà è passato poco più di un mese...

      Mannaggia allo schermo che ancora impedisce di allungare le mani e assaggiare i piatti che reciprocamente ci scambiamo per queste vie! :-DDD
      Grazie per l'entusiasmo che mi lasci con le tue parole e che mi regala un grande sorriso!
      Un abbraccio grande ed un bacio bello! :-*

      Elimina
  8. Le polpette so' sempre bbbone, come le fai le fai. Così in agrodolce sono da provare. La cipolla l'amo, che sia di Tropea o di Chieti, per il mio palato va bene uguale, ma è ovvio che per una salsina agrodolce, quella di Tropea si presta meglio.
    Ricettuzza da tenere presente una prossima volta che mi verrà voglia di mangiare le polpette ;-)

    PS meteo: qui sta facendo un settembre di schifo, giusto perché avrei voluto passare qualche weekend a fare un po' di trekking... mavaffa! :-/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Concetta!!!! :-))))))))
      Parto dal tuo p.s. e ti dico: perché non programmi un we "pontino"? Qui ancora bel tempo e anche possibilità di fare trekking! Certo, le montagne abruzzesi son le montagne abruzzesi... non hanno quasi rivali!!!

      Quanto alle polpette, felice di sapere che anche tu apprezzi la cipolla tanto da amarla e da qualunque posto venga! ;-) ;-) ;-)
      Un abbraccio stretto stretto e l'augurio di una buona notte! :-*

      Elimina
  9. ti assicuro che sono buonissime anche fredde...anzi, se sono preparate il giorno prima....sublimi!!! un bacione mia cara!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mimma carissima!!!!!!!! :-))))))))))
      Beh, immagino che questa ricetta sia uno dei tanti cavalli di battaglia della meravigliosa cucina siciliana!!
      E non faccio nessuna fatica a credere che il giorno dopo queste polpette siano addirittura sublimi, ma per il problema è uno solo: come si fa a farcele arrivare??? :-DDDDDD
      Mi prendo il tuo bacio che ricambio con tanto tanto affetto!
      Grazie Mimma!!! :-*********

      Elimina
  10. Le purpette son sempre le purpette! Vorrei sapere se al mondo esiste qualcuno che non ami le polpette! Che poi, hai notato che non bastano mai? io ne faccio sempre tantissime, con l'intento di "lasciarle per il giorno dopo". col cavolo che ci arrivano al giorno dopo! per non dire la processione che si crea davanti alla pentola mentre quelle cuociono :)))) una via vai improvviso di gente che piomba in cucina e stazione vicino al piano cottura!
    Le cipolle? eeeehhh qui è dura, ma mai dire mai, da qualche mese ho cominciato a sorseggiare un po' di vino che ho sempre odiato, e comincio addirittura a stabilire se uno mi piace più di un altro! roba da non credere! Anni fa andai ad Alba, a cena in uno dei tanti locali con cantina annessa (anche il lattaio lì ha una cantina di vini!), mi hanno chiesto quale vino volessi fra nonricordoquale e quale, io dissi "non bevo vino, a me una coca cola grazie". Mai visto uno sguardo assassino come quello del maître che, ovviamente, oltre ad essere schifato, rifiutò di servirmi la coca cola!
    tutta sta tiritera per dire che magari, prima o poi, mangerò anche pezzi di cipolla, e sicuramente il battesimo sarà in agrodolce! magari proprio con queste polpette di zia Pina!
    Grazie tesoro, a te e a zia Pina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahaahahahahhhahahahahahahaha tesoro!!!!
      Appunto, come dicevo a Mimma, come si fa a far arrivare al giorno dopo le purpette??? :-DDDD
      Mi fa piacere sapere che anche a casa tua è impresa quasi impossibile!!!

      Ahahahahahhahahhhhaha, le cipolle!!!!! Mentre preparavo il post, ma soprattutto mentre cucinavo le polpette pensavo: madòòòòòòòòò, queste Tam non le mangerà mai e poi mai... e mi veniva da ridere nel pensare che magari potessi affacciarti da uno di questi balconcini condominiali dicendo "ma che è quest'odore di cipolla nella nostra cucinaaaaaaaaaa?!?!?!?!?!?" Ahahahahhahahahahhahhhaha!!!!!
      Però ora leggo del tuo mai dire mai e spero, così come hai fatto per il vino (ed indipendentemente da queste polpette) che tu possa apprezzare presto la bontà di questo ortaggio! Ma tempo al tempo!! ;-)
      Tesoro bello, grazie a te! ♥

      p.s. so bene cosa intendi per sguardo assassino del maître... credo sia lo stesso che ho visto io quando, in situazione analoga alla tua, chiesi un bicchiere d'acqua, e per giunta senza bollicine!!!!! Ihihihihihihiihihihihhi che ridere!!!!!!


      Elimina
  11. Ben ritrovata, cara Emmettì! Ti dirò che io mangio poca carne e anche non troppo volentieri. Sono stata vegetariana fino a qualche anno fa ... però, si però, le polpette le mangio più volentieri di altre ricette di carne. Queste poi mi sa che sono proprio golose e quindi mi salvo la ricetta e me le pappo al più presto!
    Qui da me sta facendo davvero un bel settembre: di giorno un caldo giusto, parliamo di 24/27 gradi. Mattino e sera bel freschetto, 12/15 gradi ... mi accontento. Per una come me che adora il caldo, parliamo ancora di temperature un pò bassine però dai, anche se mi lamento, non cambia uguale. :) Tanti baci bella, a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E ben ritrovata anche a te dolce Terry!! :-))))))))
      Felice che queste polpette abbiano incontrato i tuoi gusti!
      Anche io non amo particolarmente la carne, ma ogni tanto cerco di prepararla in modo da renderla più appetibile a quelli che sono i miei gusti e a quelli di famiglia! ;-)

      Un bacio grandissimo anche a te insieme all'augurio di una giornata piena di cose belle e di sorrisi! :-***********


      Elimina

Sono graditi tutti i commenti, anche quelli da Anonimo, purché firmati, come regola base di buona educazione.