martedì 20 ottobre 2015

Un vortice di sofficità: il panbauletto del mattino



Finalmente, dopo mesi e mesi di lampeggio passati sul "nastro delle anteprime", questo panbauletto vede la luce della pubblicazione! :-))
Da una rivisitazione delle fette di Ele (quelle con il riso soffiato), ecco il mio panbauletto, che ho voluto arricchire con un vortice cioccolatoso.
Ero in astinenza da lievitati, e volevo qualcosa da manipolare sotto le mani... qualcosa che prendesse forma e consistenza ai miei comandi! :-))
E così ho pensato ad un pane morbido, ideale per la prima colazione, ma energetico e leggero allo stesso tempo ed, ovviamente, ricco di farine preziose!

Quando feci le fette biscottate della Ele, (che lei squisitamente mise nella sua paginetta dedicata), feci anche l'errore di assaggiarne qualche pezzetto prima della tostatura... e galeotto fu quell'assaggio!!!
La consistenza morbida e scioglievole è rimasta nella memoria delle papille gustative della scrivente svalvolata, e così quando si è trattato di pensare a questo pane morbido, ho preso ispirazione proprio da quel magico ricordo... ;-)
Ecco dunque il mio risultato!


Vi racconto come ho fatto! 

Ingredienti
100 g di lievito madre (rinfrescato, non rinfrescato, insomma, come vi pare)
300 g farina (un mix di 0, integrale, buratto e cinque cereali)
180 g acqua
 40 g zucchero
 10 g di zucchero invertito
 60 g di olio (riso, girasole, o extravergine di oliva delicato)
 10 g di cacao amaro
   3 g di sale
2-3 g di bicarbonato (solo se usiamo esuberi di pasta madre "vecchi" di 10-12 giorni)
farina di riso per lo spolvero
latte per pennellare
fiocchi di avena tostati per decorare
stampo da plum cake cm 31x11x7,5

Versione con ldb
Sostituire la pasta madre con 3 grammi di lievito di birra aumentando la farina a 370 grammi e l'acqua a 230.

Procedimento
In una ciotola, o nell'impastatrice, versare le farine avendo cura di miscelarle bene con le mani, aggiungere 110 grammi di acqua e con una forchetta (o la frusta k) mescolare grossolanamente,
giusto il tempo che le farine assorbano il liquido e che l'impasto si presenti sotto forma di grosse briciole.
Lasciare che il processo di autolisi faccia il suo mestiere! Per almeno 45 minuti! ;-)
Nel frattempo, spezzettare la pasta madre in un contenitore e versarvi i rimanenti 70 grammi di acqua insieme allo zucchero e a suo fratello invertito (ed eventualmente anche al bicarbonato) e lasciarla riposare per lo stesso tempo (cioè i 45 minuti di cui sopra).
Trascorsi i preziosi minuti, versare la pasta madre, ormai disciolta, sull'impasto autolitico ed iniziare ad impastare; aggiungere poi il sale e l'olio, e continuare a lavorare fino ad ottenere un impasto liscio e ben incordato (vi assicuro che anche a mano l'operazione, oltre ad essere divertente e rilassante, sarà semplicissima).
Per la versione con il lievito di birra.
Preparare l'autolisi con i 370 g di farina e 125 di acqua; nei restanti 105 sciogliere il lievito di birra e procedere come da versione con pasta madre.


A questo punto staccare una porzione di impasto di circa 100 grammi (mi perdonate se vi dico che ho dimenticato di pesare???) ed aggiungervi il cacao impastando fino ad ottenere un colore omogeneo senza alcuna striatura.
È possibile che in questa fase, a seconda della farina che avete utilizzato, sia necessario aggiungere mezzo cucchiaio di acqua, giusto per agevolare l'assorbimento del cacao.


Mettere le due porzioni di impasto a lievitare in distinte ciotole ed attendere il loro raddoppio prima della messa in forma (ci vorranno circa 4-5 ore a seconda della temperatura che avete in casa).
A raddoppio avvenuto, spolverizzare il piano di lavoro con della farina di riso; capovolgere prima l'impasto chiaro e stendere delicatamente (anche con il mattarello cercando però di non esercitare troppa pressione) fino a formare un rettangolo di circa 27x35 cm.
Fare la stessa cosa con la porzione di impasto al cioccolato.
Qui l'operazione potrebbe risultare un poco più complicata perché dobbiamo ottenere la stessa dimensione del precedente rettangolo, ma con uno spessore di pochi mm (questo per far sì che il vortice all'interno sia sottile e ben definito).
Ora, sovrapporre l'impasto al cioccolato su quello chiaro ed iniziare la formatura vera e propria, cercando di sigillare bene ad ogni giro.



Quello che otterrete sarà un bel salsicciotto che avrà la stessa dimensione dello stampo. ;-)
Adagiare l'impasto appena formato su un bel foglio di carta forno e, sollevando i lembi, lasciarlo cadere a peso morto nello stampo da plum cake! :-)))
Coprire con della pellicola trasparente ed attendere nuovamente il raddoppio.
Vedrete come il filoncino apparirà gonfio e tronfio in tutta la sua bellezza!  :-))))

Pennellare la superficie con del latte o acqua (o un mix fra i due) e spolverizzare con qualche fiocco di avena precedentemente tostato (semplicemente in un padellino)  a mo' di guarnizione ;-)
Accendere il forno a 180° in modalità statica e cuocere per circa 40', fino a leggera doratura.

Questo è quello che uscirà fuori!




Essendo a lievitazione naturale questo pane si manterrà morbidissimo anche nei giorni successivi al primo assaggio!
Se volete una colazione che faccia prendere il verso giusto alla giornata, questo panbauletto contribuirà alla grande!!!
Decidete voi come gustarlo: con una marmellata, con del miele, leggermente tostato, o semplicemente così, in purezza, come preferisco io! ;-) ;-) ;-)

APPROFONDIMENTI

Lo zucchero invertito
"Miscela equimolecolare di glucosio e fruttosio, ha un potere dolcificante superiore al saccarosio.
Ha la qualità di essere un ammorbidente per eccellenza, semplice nell'uso, ottimale per grandi lievitati, pasta di mandorle, pasticceria al cocco, frolle.
È un nutriente per eccellenza dei lieviti come per esempio il lievito madre."
Tratto da "La mia pasta lievitata" di Francesco Favorito

Altre notizie tecnico-scientifiche qui:
1. http://www.bressanini-lescienze.blogautore.espresso.repubblica.it/2008/11/19/che-cos%E2%80%99e-lo-zucchero-invertito/
2. http://www.cibo360.it/alimentazione/cibi/dolci/zucchero_invertito.htm

Vi lascio con un'ultima fetta in cui, se volete, potete affondare il morso e...



... il mio solito augurio

Siate lieti, sempre!



Con questa ricetta partecipo alla raccolta di Panissimo ideata da Sandra e Barbara e ospitata questo mese dalla nostra amica Terry del blog I pasticci di Terry.




Maria Teresa




30 commenti:

  1. Cielo se mi sei mancata, mia dolce creatura. Qusta è un'opera d'arte: soffice come il tuo cuore, una coccola come solo tu riesci a dare. Delizia golosa, irresistibile e perfettamente riuscita. Non ho certo bisogno di scuse per venirti ad abbracciare, ma con una tentazione di questo tipo..... ci verrei anche a piedi ^_^
    Sei meravigliosa Emmettì. Ti stritolo d'affetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissima Erica!
      Le tue parole, come sempre, mi lasciano di stucco!! :-)))))))))))))))
      In quello che faccio ci metto il cuore e son felice che tu lo noti sempre!

      Il sogno del nostro abbraccio me lo conservo sempre... ♥
      Meravigliosa tu!
      Un bacio grandissimo, dolcezza! :-*********************

      Elimina
  2. che bello!!!!! grazie per avermi scritto...ultimamente sono un pochino assente, pure a casa mia...è che gioia leggere e vedere come hai trasformato le fette biscottate!
    è proprio vero che quell'impasto era buono anche prima della tostatura, morbido sebbene semplice. Ma tu oggi l'hai reso davvero goloso.
    e sai che ... ho in archivio dei vortici pure io??? da un bel po', a dire il vero...ecco, dovrò provvedere quanto prima a metterli sul blog. Intanto, mi gusto le tue foto invitanti e soprattutto l'allegria con cui le hai raccontate.
    un bacio dolcissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolce la mia Ele!!!!
      Scriverti era il minimo che potessi fare, visto che questa creazione nasce da una tua!!! :-)))
      E son così felice che ti sia piaciuta!

      Son curiosa di vedere i tuoi di vortici e non vedo l'ora di farmi avvolgere dall'ennesima meraviglia che tirerai fuori!!!
      Ti abbraccio anche io, forte fortissimo! :-*

      Elimina
  3. Ed era ora sì che pubblicassi 'sto pan bauletto! Lo sai che quando faccio le fette biscottate le prime dieci fette se ne vanno prima di tostarle? Percio questo pane sarà al più presto nel mio forno, socia!
    Lo sai vero che mo me dovrai rimedia' lo zucchero invertito? :))))
    Baciotto (='.'=)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sociaaaaaaaaaaaaa!!!!
      Ahahahahhaahhahahahahhahahhahahahah, era ora sì!!!

      Vedo che abbiamo tutte la stessa tentazione alla quale cediamo inesorabilmente... ovvero quella di "assaggiare" un pezzettino appena appena di quello che esce dal forno!! :-DDDDDD

      E lo zucchero invertito?????
      È già pronto, tesoro bello!! ;-) ;-) ;-)
      Un abbraccio stratosferico beddha mia!

      Elimina
  4. E' meravigliosoooooo!!! Lo vorrei domattina a colazione, adesso anche, insomma, lo vogliooo!!!
    Brava, da provare subito, ne sento il profumo!!!
    Un bacione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahhhahahahahahhhhhaaahah Silvia!!!
      In effetti, questo va bene a tutto pasto!
      Ti dirò che l'ho mangiato anche con dello speck e ti posso dire che quel vortice cioccolatoso non ci sta per niente male! ;-) ;-)

      Un bacione anche a te cara! :-*

      Elimina
  5. Le ricette di Eleonora sono sempre meravigliose! E questo pan bauletto non è da meno. Che poi c'è sempre una bella soddisfazione a tirare fuori dal forno un lievitato profumato e buono :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paola! :-)))))))))
      Felice di leggerti, innanzitutto!

      Hai ragione, le ricette di Ele sono sempre fonte di ispirazione e di repliche... ;-) ;-) ;-)
      Poi vabbè se si è "lievitati dipendenti" come me, la soddisfazione vola alle stelle ogni volta che qualcosa entra nel forno! :-)

      Ti auguro una felice sera.
      A presto Paola! :-*

      Elimina
  6. Mammamiaaaaaaa!
    Spettacolo per gli occhi e sicuramente per il palato!
    Lo salvo e quanto prima cercherò di replicarlo ...stavo giusto pensando di preparare qualcosina per la prima colazione del pargolo (e non solo) :-)
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahhahhaahhaahahaha Sabrina!
      Quanto entusiasmo!! :-))))))))))))))
      Sono felice se vorrai replicarlo e sono certa che anche tu rimarrai entusiasta del risultato!

      Un abbraccio anche a te insieme all'augurio di una buona serata!
      A presto! :-*

      Elimina
  7. È così la mia tesorina zitta zitta si è presa finalmente una pausa da tutti quei numeracci cattivi e si è messa con le mani in pasta e questa meraviglia di panbauletto (trovo comunque decisamente riduttivo chiamarlo così) è il risultato.. Beh, io ancora non l'ho assaggiato ma è come se lo avessi già sotto i denti perché mi pare di sentirne il profumo. È veramente bellissimo, perfetto, da poterlo presentare nella vetrina di una boulangerie francese e ritrovarsi poi la coda fuori tesoro mio e stai attenta perché se continui così potresti anche cambiare mestiere sai.. I numeri di sicuro non profumano tanto 😊❤️❤️❤️❤️❤️❤️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahhahahahahahahahahhaahh!!
      È vero, i numeri non profumano affatto!! Mentre invece profumano le tue parole... profumano di un Bene e di un Affetto speciale... quello che tu hai per me!!!! ♥

      Dai, questo panbauletto spero di portartelo in dono presto presto!!
      Un bacio grandissimo e l'augurio di una giornata serena!
      Ciao bellezza!! :-* :-* :-*




      Elimina
  8. Uehhhh pigrona era ora che tornavi con un tuo lievitato!!! E che lievitato ... signora tanto di cappello! Complimenti e infiniti ringraziamenti per avermelo regalato alla raccolta di panissimo. Ci metto un pò ad arrivare a leggere e a fare tutto ma arrivo sempre, lo sai. Brava la mia Emmetti, dovresti regalarti più momenti per te ... per mettere le mani in mezzo alla farina, si sente tutto l'amore e la gioia che provi. Sai che anche io me lo gusto per qualche giorno al naturale, prima di tostarlo e farlo diventare Fette biscottate? Se non finisce prima ahahahahh. Grazie anche per l'esaustivo post, sempre precisa e impeccabile, come le altre due svalvolate del mio cuore. ♥ A presto amiche mie. un bacino a tutte e tre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Terry bella!!!!! :-)))))))))))))))))
      Come potevo fare un lievitato e non portarlo a casa Panissimo ospitato proprio da te questo mese??? ;-) ;-) ;-)

      Le tue parole mi lusingano e sorrido quando ripenso ai miei primi esperimenti, a quando impastavo dopo aver letto e riletto soprattutto i tuoi post in materia di lievitati!! Quante cose ho imparato da te?? Ecco perché son felice tu abbia apprezzato questo piccolo lavoro! ;-)
      E grazie a te dunque!

      Mi prendo i tre bacini e li consegno, se pur solo virtualmente, alle due splendide Creature che abitano in questo condominio, mentre ricambio con un abbraccio forte forte!

      Felice week end dolcezza! :-* :-* :-*

      Elimina
  9. NON CI SONO PAROLE....questa bontà in un qualsiasi forno farebbe impazzire i clienti fornai connessi se ci siete (e se lo sapete replicare) prendete spunto .Io per sicurezza me lo faccio dà sola.grazie dà valentina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valentinaaaaaaaaa!!!!! :-)))))))))))))))))
      Le tue parole mi fanno arrossire sai?
      Sono felicissima se vorrai replicare questa semplice bontà!

      Grazie a te, per la tua presenza e per l'entusiasmo che mi regali! ;-) ;-) ;-)
      Un caro saluto e l'augurio di una buona giornata in corso! :-*

      Elimina
  10. Mi sono innamorata.
    Si', mi sono innamorata del vortice di cioccolato e degli alveoli rotondi, soprattutto quello centrale che si vede bene nella seconda foto, un pochino al di sotto del centro della spirale. ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma saremo poi normali noi???? :-DDDDD
      Ecco, scopro che anche te guardi gli alveoli con gli occhi a cuoricino!!! Ahahahahhahahhahahhahahhahahhahahhahahah...
      Non ti nascondo che quel buchino al di sotto del vortice ha fatto impazzire anche me! ;-) ;-)

      Un bacio bello mia cara (anzi tre)! :-* :-* :-*


      Elimina
  11. ...confesso che in questo periodo sono molto pigro e anche a corto di idee... ma quando passo da voi la voglia cresce e gli stimoli non mancano!!!
    Ricetta segnata!!!
    (e tu sai che quando Lo Ziopiero segna.... ahahahahaah)

    BAsCIONI :* :* :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Felice di sapere che quando passi da noi trovi idee ed ispirazioni!!
      E felicissima di vedere la tua realizzazione che corro a mettere, in bella mostra, nella paginetta dedicata!
      Grazie per averlo replicato Piero!

      BAsCI :-* :-* :-*

      Elimina
    2. ...per ora c'è solo la foto. Quando pubblicherò sarai la prima a saperlo! :)

      Elimina
  12. Ciao Nadia, ti ringrazio anche qui, oltre che su FB. Ho fatto la tua ricetta ed è venuta una favola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura!!! :-))))

      Felicissima che tu abbia provato la ricetta e che il risultato ti abbia soddisfatta!
      E soprattutto grazie per esser passata qui a dirmelo!
      Un caro saluto e l'augurio di una buona serata! :-)))

      Elimina
  13. Oh!!! Finalmente ho vorticato pure io! Dunque, ho scaricato la vostra ricetta più o meno… anzi no, non più o meno ma precisamente il 16 novembre 2016. Continuavo a guardarla e a dirmi: domani la faccio! Poi per un motivo o per un altro, non la facevo mai. Perfino in vacanza (ebbene si, mi sono portata la ricetta anche in vacanza) sono riuscita a non farla!
    Poi ad un tratto, quando ormai quasi non ci speravo più, ecco l'occasione e … non me la sono lasciata sfuggire. Mattarello alla mano, ho cacciato tutti fuori dalla cucina (quando sono armata se ne vanno tutti alla svelta he he he) ed ho provato anche io a fare questo splendido panbrioche, che tra impasti e lievitazioni è venuto pronto giusto giusto per … ehm … uno spuntino dopocena?!? Chi non ha mai fatto uno spuntino dopocena?! Diamine, nessuno!! Ecco appunto, quindi era pronto dopocena e siccome a casa mia nessuno sa resistere a pani e affini appena usciti dal forno … ne abbiamo approfittato!
    Non so bene perché ma devo dire che mi ha fatto venire una stranissima voglia di biscottare il tutto in tante belle fettine. Dico strano perché in effetti io non mangio fette biscottate!!
    Ad ogni modo, il problema non si pone visto che ormai è finito, e intanto posso finalmente passare anche questa ricettina nella sezione "ricette già provate", che è sempre molto ma molto ma molto più piccola della "tudulist" ma, un po' alla volta, si sta inciottendo (l'accademia della crusca me la passerà?) pure lei!
    Ricetta? Che domande, Promossa!

    RispondiElimina
  14. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

Sono graditi tutti i commenti, anche quelli da Anonimo, purché firmati, come regola base di buona educazione.