martedì 16 giugno 2015

Rustici leccesi, stritti fuddu* barocco



Ricordate la pasta sfoglia?
Ho compiuto l'epica impresa per una ragione precisa: il rustico leccese.
E cos'è il rustico leccese?
È uno spuntino, è la colazione, la merenda, la cena, un apericena ed anche un aperimerenda, apericolazione ecc.
È un momento di pura felicità, di quelli che si assaporano in silenzio e ad occhi chiusi. A meno che si mangi, come spesso accade, mentre si passeggia per le vie dorate della mia bellissima città, nel qual caso un occhietto aperto si può tenere.
Quando si mangia?
In tarda mattinata, a mezzogiorno (che significa: ora di pranzo:), nel pomeriggio, la sera, al crepuscolo, al tramonto.  Per farla breve, è sempre l'ora giusta per un buon rustico.
Dove e come si mangia?
Mentre si passeggia per le vie dorate della mia bellissima città, oppure, se non siete a Lecce, per le vie dorate del resto del mondo. In spiaggia, tra un tuffo e l'altro. Al bar, dopo aver fatto la conta per decidere tra rustico e pasticciotto, ambarabà ciccì coccò tre civette sul comò che facevano l'amore con la figlia del dottore il dottore si ammalò (e ci credo, poveraccio, ha appena beccato la figlia che fa l'amore con 3 civette) io mi mangio il pasticciotto il dottore sembra morto forse è meglio un rusticone le civette via in prigione.
Oppure a casa, nel qual caso, qui sotto c'è la ricetta!

*Stritti fuddu, pronuncia leccese di "street food", o, come direi io che amo la lingua italiana sopra ogni altra, cibo da strada.




RICETTA

Rustici leccesi

Attrezzatura occorrente: 
coppapasta di varie misure (8-10-12), oppure tazze, boccacci o tappi, insomma qualcosa che funga da fustelle tonde.


ingredienti per 5/6 rustici

500 g pasta sfoglia
250 g di besciamella
125 g di mozzarella
4/5 pomodori pelati
1 uovo
sale, pepe, olio, origano

per la besciamella:
210 g di latte
  20 g di farina
  20 g di burro
sale, noce moscata, pepe nero.


Preparare la besciamella.
- Setacciare la farina e scaldare il latte.
- In una casseruola far sciogliere il burro su fuoco basso, poi, di botto e in un sol colpo, aggiungere la farina.
- Mescolare con una frusta per evitare i famigerati grumi, fino a quando il roux diventerà biondo e si staccherà dai bordi della casseruola - Aggiungere poco alla volta il latte e continuare a mescolare.
- Aromatizzare con sale, pepe e noce moscata.
- Cuocere 5-6 minuti, fino a quando la besciamella si sarà addensata (se i grumi non si sono sciolti, passare al setaccio di nascosto, e, come avevamo già suggerito, non confessare mai di averlo fatto! ) - E' cosa buona e giusta preparare la besciamella con un certo anticipo, farla raffreddare e solidificare in frigorifero, sarà più facile usarla poi nel montaggio dei rustici. Ricordarsi di coprirla con pellicola o carta forno a contatto.


Preparare i rustici.

Tagliare la mozzarella a dadini piccoli e farla (o farli, i dadini??) asciugare in un colino.

Tagliare i pomodori, condirli con olio, sale e origano.

Stendere la pasta sfoglia a circa 0.5 cm, oppure stendere la sfoglia già stesa... cioè aprire il rotolo di quella comprata o già stesa. Insomma ci siamo capiti!

Con un coppapasta (o una tazza o il tappo di un barattolone) formare 5 dischi da 10 cm e 5 da 12 cm.

Bagnare con dell'uovo sbattuto i bordi dei dischi da 10 cm, al centro  distribuire la besciamella, la mozzarella e finire con il pomodoro.
Coprire ogni disco con un disco da 12 cm, schiacciare bene i bordi, perché si incollino.

Con un coppapasta o una tazza (da 8 cm circa), pressare la parte centrale, fin quasi a tagliare la pasta, così che i due dischi si saldino perfettamente e si formi la forma a cupoletta e, soprattutto, il cornicione!

Spennellare con uovo sbattuto ed infornare a 200 gradi statico per circa mezz'ora.

Mangiare caldissimo. 





 DI PERTINENZA


Anche il rustico, come il pasticciotto, va mangiato caldissimo, si deve sbriociolare tutto addosso ed è anche possibile che il ripieno spetterri (fuoriesca,) e bruci le mani.
In effetti, noi leccesi abbiamo questa fissa del cibo bollente, che ci deve ustionare fauci e arti... soffriamo di sadocibomasochismo...

Ma bando alle ustioni! Quali sono le origini del rustico leccese?
Non ha origini contadine (come il pane, le pittule, le orecchiette e la focaccia barese), marinare crociate (come le frise) e neppure monacali (come il pesce di pasta di mandorle), è un mistero, probabilmente nasce nelle cucine degli aristocratici leccesi, come suggerisce la presenza della besciamella, inventata niente popò di meno che dal marchese Louis de Béchameil, salsa francese quindi sconosciuta a contadini, crociati e monache. Probabilmente è una originale interpretazione del vol au vent francese, oppure, come è più probabile, è il risultato dell'errore di un monzù di qualche famiglia ariscratica leccese, tutte le migliori ricette nascono da sbagli clamorosi no? Comunque sia, errore o estro, 'sto rustico s'ha fare! Quindi, fatelo e ustionatevi, mi raccomando :)
A presto!

Tamara



Altre foto:  http://visionigustative.blogspot.com/2015/06/rustici-leccesi.html


 DIVAGAmente

Ho una macchinetta nuova, che ho ribattezzato macchinetta Matta. Matta come matta è Silvia e come matta è Maria Teresa, le mie adorate socie che me la hanno regalata per il mio compleanno. Le mie socie sono uniche, e, come dice mia madre "tienitele strette strette!". E chi le molla! La matta Silvia ha detto a Maria Teresa "che ne dici se le regaliamo una reflex, così potrà averne una tutta sua, con un bel cinquantino** in dotazione?" e la ovvia risposta di Maria Teresa "ma come ho fatto a non pensarci prima!". Eccerto!!! Siete due matte, due Amiche da tenere strette strette, mi sostenete quando sono in difficoltà, mi fate ridere come una pazza, mi volete bene non so bene perché! E vi voglio bene anche io... però promettetemi che per il prossimo compleanno non mi regalerete una auto nuova!!!!!
Per inaugurare la vostra macchinetta Matta ho preparato le vostre ultime ricette, la panna cotta strepitosa, e i biscotti Digestive eccezionali, e le ho fotografate, guardate QUI, grazie ragazze, vi adoro!

**Obiettivo da 50 mm



http://visionigustative.blogspot.it/2015/06/panna-cotta-digestive-e-la-macchinetta.html

53 commenti:

  1. Ecco perché mancava un pezzo al post, ieri sera!!!!
    Ma che bella sorpresa e che belle foto!
    E ti domandi pure perché ti vogliamo bene? Noi saremo matte ma tu...?
    Grazie grazie grazie ♥♥♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dimenticavo! Ma quella bella custodia là in fondo... ♥

      Elimina
    2. Ahahahahhahahahahahhahaahhahahahahahahaha Silviaaaaaaaaaa!!!!

      Non solo risposto in contemporanea, ma pure con gli stessi contenuti!
      Ahahahahahahahhahahahahahhahaahhaha...
      Siamo matte per davvero eh???
      Un abbraccio stritoloso bellezza! ♥

      Elimina
    3. e difatti, non sapevo come fare, e ho pure spostato la pubblicazione di mezz'ora :))
      tutte matte tesoro, ma voi siete proprio esagerate ahahahahahahha!!

      bella la custodia eh?
      sai, non credo esista una attrezzatura fotografica più colma d'amore come la mia ♥
      grazie grazie grazie a te tesoro :-*

      Elimina
  2. E le matte saremmo noiiiiiii???????

    Carissima Tam, ma che ti sei inventata???
    Addirittura uno striscione da stadio tutto per noi??? :-OOOOOOOOOOO
    E mi sembrava strano che quel DIVAGAmente fosse ancora vuoto in anteprima... :-))))))

    L'idea che hai avuto di preparare le nostre due ultime ricette ed immortalarle con la macchienetta Matta... beh, solo tu potevi arrivare a tanto!!!!
    Non ti libererai di noi molto facilmente :-DDDDDD

    E così il nostro grazie va a te!
    Perché anche tu ci dai tanto, ogni giorno, anche quando le giornate passano senza che magari abbiamo avuto tempo per un sms o una mail...♥♥♥



    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aspetta aspetta...
      Che nell'euforia di stamattina per la sorpresa che ci hai fatto io manco una parola ho detto per questi dischi volanti che sprizzano di meravigliosi sapori da tutti i pori!!!

      Con un po' di senno mi dico: Emmettì, meno male che non sai fare la pasta sfoglia che altrimenti tu a quest'ora eri più larga che lunga!!!!!! :-DDDDDD
      Però muoio dalla voglia di assaggiare una meraviglia di queste almeno una volta!
      E questa sarebbe pure l'ora giusta...
      Slurp! :-DDDDDDDDDDDD

      Elimina
    2. Ahahahahahahahhahahahahahahahahahahhahahahahahahahahaahahahahahahahaha!!!!!!
      E perché io nooo?!?
      Me li ero talmente slurpati nella bozza, che arrivata qui, per me già era cosa passata, poi figurati, con la sorpresa che abbiamo trovato, li ho proprio dimenticati! E come si fa poi! Meno male che fa caldo così la sfoglia non si fa e io mi risparmio questi altri due chili!

      Tam ce li fai tu quando veniamo? ♥

      Elimina
    3. eccerto che ve li faccio! basta che non veniate a ferragosto però :))) nel qual caso, ce ne andremo in piazza sant'Oronzo, ci sediamo ad un tavolino all'ombra di Alvino e ce lo mangiamo ammirando sant'Oronzo che ci bendedice dall'alto della della sua colonna!

      Elimina
    4. Emmettì tesoro, nulla a confronto al regalo che mi avete fatto voi!! altro che sorridere :)))) sorriderò da qui ad almeno dieci anni! non so se è chiaro... questo regalo vale per tutti i compleanni natali e pasque da qui a dieci anni!!!!
      Grazie grazie grazie ancora tesoro ♥

      Elimina
  3. Buongiorno!!!
    oggi mi sento molto coinvolta nel post, visto le nostre passate divagazioni sulla pasta sfoglia. Peccato che, causa distanza, non ti posso chiedere ti spedirmi un rustico tutto per me :-(
    mi tocca farmelo... e dovrò, visto che si presenta come una cosa assolutamente goduriosa da mangiare!!!!
    e ora che sei dotata di super macchinetta, se potessi ti spedirei qualche creazione mia, così da farla fotografare a te, che con le foto rendi ancor più squisiti i piatti.
    che splendido regalo dalle socie! ma quanto bene vi volete?????? :-)
    un caro abbraccio collettivo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai visto Ele, erano questi i rustici che mi hanno spinta a fare la pasta sfoglia, la tua!
      eh no, purtroppo spedirtelo proprio non si può, arriverebbe camminando :)))
      ecco, per le foto te le farei molto molto volentieri, anche se le tue vanno benissimo come sono!
      visto che regalone?? eh sì, mi vogliono proprio bene le mie socie, e anche io ne voglio loro, sono stupende!
      ti abbraccio carissima Ele!

      Elimina
  4. Ommammamia!!!!
    Qui io svengo!!!!

    Quanto vorrei mangiare u tuo rustico passeggiando per le vie dorate della tua bellissima città, che un po' è pure mia, saiiiiii? Mia mamma è nata proprio a Lecce, saiiiiii? E poi ha vissuto in una casa in Corte delle Armelline, saiiiiii? E poi ha studiato dalla Marcelline, saiiiiii? Tam ora sai! (iiiiiiiii)

    :* :* :* :* :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E veramente sapevo anche prima!!! saiiiiiiiiiiii!! (ma senti come mi sfotte ahahahahahahha)
      che belle le vie dorate di pietra leccese, immagino che la tua mamma la amasse così come la amiamo noi salentini, poi è nata proprio nel cuore di Lecce!
      La prossima volta che vieni a Lecce ti farò assaggiare tutte le prelibatezze salentine, il pesce fresco, il gelato artigianale, i fruttoni (i pasticciotti già li conosci, li hai fatti!) e... la pasta al forno :)))))) ti aspetto ma ogni occasione è buona eh? quindi vedi di trovarne una, ché ti porto pure a fare un tuffo alla Poesia!

      :* :* :* :* :*

      Elimina
  5. Prima del condominio, davanti alla domanda:

    "Si può sbavare davanti ad un rustico????"

    Avrei potuto rispondere in due modi soltanto:

    1: (edilizio) "perché mai dovrei perdere le bave al cospetto di un casale di campagna???? Non ho mai sentito parlare di feticismo dei casali!" (ma esiste? boh?!)

    2: (antropologico) "beh, se il contadino in questione è prestante....perché no?!"

    Entrambe le risposte date sempre con lo stupore dell'aver sempre sottovalutato la prestanza di contadini e casali in quel di Lecce.
    Ora, invece, ne spunta una 3a! La gastronomica!!!! A cui rispondo con decisione "urka! come non sbavare?!?!?!?"

    Lo voglio anch'io il rustico leccese!!!! beh va bene anche il casale in quel di lecce...^_^...sul contadino di Lecce, invece, credo che LoveOfMyLife potrebbe avere qualcosa da ridire...sebbene lui si professi appartenente alla categoria dei non gelosi.
    Lo proverò (il fagottino...non il contadino) con la sfoglia già pronta perché io a farla con le mie manine non c'ho ancora provato.
    Ora capisco come mai mia mamma (pugliese anche lei) prepara sempre pietanze da ustione di 3° grado!!! Dev'essere proprio una caratteristica degli abitanti del tacco dello stivale! :-))))
    Belle voi! E bella questa vostra amicizia. 'cipicchia che bel giocattolino che ti hanno regalato, dolce T@m.
    Vi abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahahahahah Riccia! Facciamo così, tu vieni a Lecce e io ti porterò a mangiare un rustico favoloso in un meraviglioso rustico nelle campagne leccesi ma ci faremo accompagnare da un rustico muscoloso e simpatico!! mi pare un'ottima idea, non vedo l'ora :)))))))

      hai visto che giocattolo m'hanno regalato?? come dice una di loro, "ma come hanno fatto a non pensarci prima!" chellepossino!! adorabili Silvia ed Emmettì :))) , dai quasi quasi ci andiamo tutte e quattro nel rustico col rustico a mangiare il rustico :)))))
      ti abbraccio a scossoni, ridendo come una matta!

      Elimina
    2. Presente! Nel rustico, col rustico, a magna' il rustico!
      Abbraccio entrambe! La Riccia e la Rossa! :*:*

      Elimina
    3. Sotto le grinfie/fauci di noi 4??????? OPPPOVERO RUSTICO!! E non specifico quale dei 3.....diciamo solo che escludo il casale ^_^
      Un bacione, belle!

      Elimina
  6. Ma quanto amo la cucina pugliese!!!! E, mia cara Tamara, io HO LA SOLUZIONE: iniziamo qualsivoglia spuntino (colazione, pranzo, cena e qualsiasi altra divagazione, che non ci facciamo problema alcuno) con un bel rustico (uno.... mah) e cocludiamo con un pasticciotto. Poi CORRIAMO a perdifiato fino allo spuntino successivo (a bocca aperta, se nella foga avessimo sfidato l'ustione).
    Io VOGLIO venire a vivere la tua Puglia, la TUA Lecce (non me ne vogliano i cugini..... scusa, chi??), la TUA cucina. Sei unica!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahahaahha Erica, la tua soluzione è assolutamente perfetta! anche la corsa ammazzaustione!!! ahahahahahahah! dai evieni no? non puoi non venire in puglia, tu che vivi di viaggi! Tu, sei unica, bellezza mia!

      Elimina
  7. A me piace quello dell'ultima foto, quello con il ripieno che sta fuoriuscendo, tracimando, strabordando, spetterriando.
    E per il mio compleanno vorrei una torta rusticoleccese di centoventi centimetri di diametro, con tutto il ripieno che fuoriesce, tracima, straborda, spetterria.
    E subito dopo una torta pasticciottoleccese grande uguale, tutta spetterriante di ripieno, perché no, non se ne parla proprio di scegliere tra i due, io li voglio entrambi, soltanto il rustico prima e il pasticciotto dopo, perché lo dicevano anche gli antichi che il dulcis va in fundo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahahah Franci, quand'è il tuo compleanno???? a sto punto, bisogna organizzare una puntata a Roma! corro, fuoriesco, tracimo, strabordo e m'imbarco!
      ahahahahahah il dulcis va in fundo è stupenda!

      oh, ma io sai cosa? ho capito che, nonostante non abbia più tempo per curare come vorrei questo meraviglioso condominio (lo dico per le meraviglie che vi abitano, le mie socie:), continuo a pubblicare solo per poter ricevere in regalo commenti allegri come questi!!
      grazie cara!! ti abbraccio e ti sorrido, anzi, ti rido fortissimo :)))))))))))))))

      Elimina
  8. Tamaraaaaa!!! Che favola il rustico leccese!! E per quanto mi riguarda si, credo lo mangerei davvero a tutte le ore, comprese le più improbabili, ma mi pare non ci siano ore improbabili per questa delizia no??? Che bel regalo!! Siete davvero una cumpa meravigliosa!! E che belle le foto!!
    Un bacio a te e a tutto il condominioooooo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai detto benissimo, non vi sono ore improbabili per il rustico leccese, ogni ora è quella buona :)))
      Sì Silvia, un regalo meraviglioso!!
      e anche la tua presenza qui lo è, mi sono così in colpa per non riuscire più a lasciar traccia dei miei passaggi da te! ma ti leggo SEMPRE, sallo!
      un bacione grandissimo a te!

      Elimina
    2. Un bacio anche da me, Silvia bella!

      Elimina
  9. Complimenti per la ricetta e super complimenti per le tue grandissime amiche, davvero un regalo di un valore inestimabile!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mila, è vero, è inestimabile perché fatto con immenso affetto!

      Elimina
  10. Quanto adoro il rustico leccese? Non puoi capire ... io adoro tutto di Lecce e della Puglia. Quel mangiare a tutte le ore, non capendo se sia pranzo, colazione o merenda ... si mangia sempre! Comunque a scanso di equivoci io mi farei prima un rustico e poi un bel pasticciotto, belli caldi caldi! Sai che un pò vi invidio (invidia buona, si intende!), cara Tamara? Un amicizia come la vostra è cosa rara ... carinissime le dolci matte, molto generose e care. Niente, in questi giorni sono un pochino malinconica e ci vorrebbero vicine delle amiche come voi ... Vi abbraccio tutte e tre belle donzelle. ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ooooooooh finalmente! tu lo sai com'è "Quel mangiare a tutte le ore, non capendo se sia pranzo, colazione o merenda...si mangia sempre!". È così, passeggi nelle vie dorate della città o nelle viuzze di un paesino sperduto "ntra lu capu" (nel capo, nel sud del tacco) e la gente mangia, chiacchiera, passeggia, sgranocchia, litiga, ingoia, corre, ride, addenta!!
      Terry, è vero, la nostra è una bellissima amicizia e, guarda, prima o poi organizziamo un pulmino e facciamo un giro per abbracciare le nostre amiche che ancora non siamo riuscite a stritolare dal vivo! e tu sarai la prima!!!
      un bacione tesoro e grazie!

      Elimina
    2. Terry, noi ci siano anche per te! ♥
      Un pulmino? Sì dai sarebbe bello dobbiamo organizzare!

      Elimina
  11. Ma i rustici leccesi????? Ma che bontà sono? semplici, ma delicatissimi.... li adoro! Ma che belle amiche che hai, fai davvero bene a tenertele strette... mamma mia che bel regalo!!! Ragazze, mi sentite? Complimenti, brave! Un bascione e basta ... vado a commuovermi nel mio angolino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Patty!!!!! e torna dai su!!! ahahahahahha tanto qui siamo tutte commosse, io di più più più!!!
      e sono commossa anche per la tua presenza qui, ma lo sai che sono venuta un sacco di volte da te, mentre "traslocavi" e ho litigato con blogger che non mi faceva inviare un commento???
      anzi, ora vengo adesso e vediamo chi la vince!!
      Grazie cara un bacione!

      Elimina
    2. Pattyyyyy!!!! E certo che ti sentiamo! Su esci dalľ angolino e abbracciamoci!

      Elimina
  12. Assolutamente da svenimento e sarà che io la besciamella la mangerei anche se la trovassi per terra e sarà per la sfoglia o per la mozzarella filante, questi rustici sono golosissimi. Chissà come si mangia bene dalle tue parti 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mamma mia Gaia anche tu besciamella dipendente?? guarda, se mi chiedessero preferisci la besciamella o la nutella ecco io... no, vabbè, con la nutella non vince nulla :)))) però diciamo che mangerei la nutella provando un profondo rimpianto per la besciamella :))))))
      Sì cara, si mangia bene, cucina "povera", ma così buona!
      Ti aspetto per un rustico bollente e pieno pieno di besciamella!

      Elimina
  13. Ah, dimenticavo la macchinetta. Hai delle amiche davvero speciali come lo sarai del resto tu per loro ed è bellissimo vedere l'affetto che vi lega ❤️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, un affetto bello, profondo e inaspettato! un tesoro :-*

      Elimina
  14. Cara Ziatam,
    chiedo venia per essermi dimenticata del tuo compleanno.
    Chiedo venia per non aver mai fatto i pasticciotti.
    Chiedo venia per non aver mai visto le strade dorate di Lecce.
    Ma credimi, non sai quanto vorrei ustionarmi ed essere un po' sadocibomasochista insieme a te per le strade dorate della tua bella città!
    Sei troppo tutto e quelle due meravigliose ziette mie e socie tue sono state stupende!
    vi voglio tenere strette strette anche io!
    un bacio grandissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho dimenticato di dire fra tutte le cose che volevo dire e fra quelle che volevo dire e che non ho detto che questi rustici sono una goduria!!!!

      Elimina
    2. ahahahahhahah tesoro, intanto, grazie per non esserti ricordata del compleanno, io preferisco non ricordarmi quanti anni compio, sono rimasta ai 38!!!!
      le tue ziette sono meravigliose e anche tu! dai corri qui a Lecce a ustionarti un po'!!
      un bacio enormissimo!

      Elimina
  15. Ho appena finito di fare colazione ma questi mi hanno messo un pititto!!!!!!! (appetito in siciliano)
    Buona giornata e grazie per queste meraviglie! =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahahah Ale, conosco benissimo il pititto, sia perché ne sono spesso vittima e sia perché adoro il siciliano e ho imparato tante cose da Montalbano :))
      Grazie cara e scusami per il mostruoso ritardo!

      Elimina
  16. Io i rustici li amo proprio moltissimo, ogni volta che vado al sud ne rimango estasiata: semplici e così saporiti, peccato non poterli portare a Milano, perchè per me è proprio l'aria a dargli quel gusto speciale :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. WoWm che bello che vieni spesso al sud! e forse hai ragione, sai? è proprio l'aria che li rende speciali, però sono certa che se provi a farli a casa ci andrai vicinissima!
      grazie Marghe!

      Elimina
  17. So che siete in vacanza ma quando vi capiterà leggere so che mi risponderete Intanto CIAO, il vostro Blog è tra i piu belli e non è captatio benevolentae
    Ora non ho capito la parte finale della preparazione, quando si mette il coppapasta piu piccolo, 8 cm, per tagliare la pasta intorno e sigillare bene, S', ma com'è che questa operazione poi forma il cordone ? questo non ho capito Buone Vacanze65----

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono comunque mariuccia cambiando l'account , come richiestomi , è uscito il nime "ufficiale" ma per tutti sono mariuccia

      Elimina
  18. Ciao Mariuccia!
    Rispondo io sperando di sciogliere i tuoi dubbi sul cornicione. Con il coppa pasta più piccolo si spinge fino a segnare la pasta e qualcosina in più, quella pressione che basta a far toccare il disco sopra e sotto per sigillarsi tra di loro ma senza arrivare a dividere il cornicione dalla pasta all'interno del coppa pasta. Insomma non devi tagliare fino al piano di lavoro altrimenti ti resta il raviolo separato e il cerchio vuoto del cornicione. Secondo me è più semplice come lo ha spiegato Tamara che come sto tentando di farlo io. :)))
    Chiedi comunque se hai ancora bisogno di... farti confondere le idee da me. :)))
    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia E invece ho capito. Si sigilla un attimo di secondo prima di arrivare a tagliare sicchè il "cornicione" resta attaccato al rustico e in cottura si gonfia. grazie Mille A presto a Settembre

      Elimina
    2. Uh mamma, qui poi, siccome Silvia era stata più che esaustiva, avevo tralasciato di rispondere tempertivamente ma poi mi è sfuggito di tornare a salutarti Maria Fatima!

      Elimina
  19. E che meraviglia!!!!!!! Bellissimo tuo blog!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Macci perdonami, ho fatto una pessima figura :(((( mi era proprio sfuggito il tuo commento, chissà se tornerai mai a leggere, scusami.
      E grazie infinite... per quanto possa valere dopo 7 mesi :-O

      Elimina
  20. Si, lo so....sono come il prezzemolo....sono dappertutto....comincio forse a diventare troppo presente....è che c'ho la vena cucinaria in questi fine settimana piovosi e uggiosi, poi quando ritornerà il bel tempo, ci sarà l'erba del giardino da tagliare, le piante da potare e fare giri in moto...e quindi devo provare di tutto prima che mi venga la papugna (edit: la papagna!!) in cucina....
    questi rustici li avevo visti l'anno scorso, ma mi aveva bloccato la preparazione della pastasfoglia...quando sono venuta in puglia i rustici proprio me li sono persi... eh si che andavo in giro con un pugliese doc...niente, non me li aveva fatti provare...poi, qualche tempo fa, qui vicino a dove lavoro apre una focacceria pugliese (gestita da un pugliese doc), dove tra le tante cose che propongono ci sono i rustici...eh che è!!!!, non me li potevo mica perdere....buonissimi, fantastici, una goduria di pranzo....e così mi è rivenuta in mente la ricetta vista qui....e questo fine settimana li ho fatti , con la pasta sfoglia fatta da me....veramente eccezionali, un pranzetto domenicale da leccarsi i baffi...grazie grazie Tamara anche per questa ricetta...più provo le vostre creazioni e più sono entusiasta di voi....e me ne mancano ancora tante altre!!! bacioni a tutte voi!!! e scusate i continui papiri con cui vi intaso il forum, ma sono veramnete tanto felice di avervi conosciute!!! ciaoooooooooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahahahahaah eccola la nostra Regina prezzemolina!
      speriamo che pioverà anche in primavera ed in estate, così non ti verrà la papugna (ormai è un termine condominialreginesco:))) e continuerai a frequentare il condominio e a rallegrarci con i tuoi commenti!
      ma ora vorrei proprio sapere il nome, cognome e indirizzo del tuo ospite salentino ché vado a bucargli le gomme! non si può venire in salento e "dimenticare" il rustico, non si può!
      felicissima che ti siano piaciuti, e ti assicuro che i tuoi, fatti con la pasta sfoglia fatta da te, sono sicuramente migliori del più buono dei rustici leccesi venduti nei locali!
      e non solo, sia io che le mie socie siamo felicissime di aver conosciuto te, altro che! sei il nostro orgoglio, se continui così apriamo una pagina tutta per te!
      a proposito... tu lo sai che vogliamo noi ora vero? :)) lo sai che il pegno da pagare è uno shooting (così si chiamano ora i servizi:)) delle tue leccornie! su su... sto condominio 'spetta attè :)))))

      Elimina
    2. ehm... il "servizio" o shooting è quello fotografico ovviamente :))))))

      Elimina

Sono graditi tutti i commenti, anche quelli da Anonimo, purché firmati, come regola base di buona educazione.