lunedì 27 aprile 2015

Colomba salata condominiale con pasta madre o con lievito di birra


Condomine: 
Siete pronti???

Narratore:
Ma pronti per cosa??

Condomine:
In condominio è scoppiata un'epidemia..., una sorta di "colombiade a 6 mani" e vogliamo rendervi partecipi di questa avventura.

Narratore:
Ma Pasqua non è passata da poco??? Cosa c'entra mo' una colomba salata???

Condomine: 
C'entra, c'entra....
Non iniziano per caso le prime scampagnate sotto il sole di primavera?!
Non avete delle festicciole da fare per inaugurare la nuova staccionata in stile shabby chic del vostro giardino?!
Magari, la forma della colomba la riserverete per la Pasqua del prossimo anno ma..., questo impasto lo dovete provare, diciamo..., in uno stampo a forma di fiore, di stella, di luna, insomma in qualunque modo ma provatelo!!!
Rimarrete straordinariamente sorpresi, e soddisfatti proprio come è successo a noi!

Narratore:
Ma dite un po' quando vi è venuta in mente una cosa del genere???

Condomine: 
Tutto è partito appena una settimana prima di Pasqua, quando una di noi tre scrive alle altre dicendo: "Ma perché non pensiamo ad una colomba salata?"
In prima battuta sembrava che quella proposta fosse una pazzia assoluta..., ma dopo qualche minuto (e nei quindici giorni a seguire) il server di gmail è stato letteralmente intasato da una valanga (valanga? riduttivo...) di mail (ed in realtà fino a quando questo post non sarà pubblicato, temiamo che lo scambio epistolare non si arresterà).

Abbiamo fatto tipo un gioco: una di noi è partita con l'indicare un ingrediente e le altre, a ruota, hanno aggiunto, tolto, poi ri-aggiunto e poi ritolto....
Quello che volevamo era arrivare ad un traguardo: sviluppare una "nostra ricetta" senza alcuna contaminazione da altre letture, o suggerimenti del web.

Narratore:
Va bene dai, non tiratela alle lunghe.
Cosa mai vi sarete dette????

Condomine: 
Intanto ti raccontiamo della ricetta, poi, se ti va, leggi più sotto ;-)



RICETTA
Ingredienti per uno stampo da 1 kg:

170 g  Lievito madre rinfrescato 3 volte (1)
250 g  Farina di forza
  80 g  Formaggio Parmigiano grattugiato
  50 g  Formaggio pecorino grattugiato (2)
100 g  Formaggio pecorino a tocchi (2)
  90 g  Latte intero
  60 g  Burro bavarese
  60 g  Strutto
130 g  Uova intere (circa 2 uova XL)
  75 g  Tuorli (circa 3 uova XL. Conservare gli albumi per la glassa)
    6 g  Zucchero
    5 g  Sale
    1     cucchiaio di malto (si può sostituire con un cucchiaino di miele)
    2     cucchiaini pepe
   

Farciture:
 100 g  Pancetta affumicata a dadini
   50 g  Olive denocciolate

    oppure
 70 g  Pomodori secchi sott'olio
 70 g  Olive al forno

      oppure
 120 g  Salame

    oppure
  50 g  Funghi sott'olio
  50 g  Pomodori secchi sottolio
  50 g  Olive al forno

   oppure
a piacimento! 

Glassa: (3)
 80 g  Arachidi salate tritate finemente
 80 g Albumi (circa 2)
   2    cucchiai di Parmigiano

Copertura:
 20 g  Arachidi salate tritate grossolanamente
 50 g  Noci sgusciate

Note:
(1) Si può sostituire con una biga costituita da 115 g di farina, 55 g di acqua, 3 g di lievito di birra.
(2) Un pecorino o altri tipi a scelta, a seconda di quanto si preferisca formaggiosa la colomba scegliere formaggi più o meno saporiti e forti. 
(3) Per la glassa ci siamo ispirate a questi panettoncini di Giulia (grazie cara!)


PREPARAZIONE:

- Nella ciotola dell'impastatrice versare il latte e spezzettarvi dentro la pasta madre; azionare la frusta e far sciogliere il lievito. Montare il gancio a foglia.
- Sbattere uova e tuorli con lo zucchero e cominciare ad aggiungere il composto, poco alla volta, alla pastella di latte e lievito madre, alternando l'inserimento con la farina, anche questa poco alla volta,  avendo cura di far assorbire un elemento prima di aggiungere il successivo.
- Far incordare l'impasto e aggiungere i formaggi grattugiati e il pepe.
- Mescolare il sale con il malto,  far idratare con un goccio d'acqua ed aggiungere a filo nella ciotola.
- Portare ad incordatura, montare il gancio a uncino e, poco alla volta, aggiungere lo strutto ed infine il burro.
- Quando l'impasto è perfettamente incordato (fare la prova velo per essere sicuri), abbassare al minimo la velocità dell'impastatrice e inserire il formaggio a tocchetti.

 - Scaravoltare l'impasto sul piano imburrato, lavorarlo qualche minuto con la tecnica dello slap & fold .
- Allargare l'impasto in una sfoglia sottile, distribuire metà della farcitura tagliata a quadrotti e infarinata,  richiudere al centro e ripetere l'operazione.
- Dare una piega a 3, coprire con una ciotola e far riposare mezz'ora.
- Poi  ripetere l'operazione e far riposare ancora per lo stesso tempo.

- Dividere l'impasto in due parti, una leggermente più grande, e formare in due rotoli. Disporre a croce nel pirottino apposito, quello più piccolo nella parte delle ali, quello più grande lungo la lunghezza dello stampo.
-  Coprire con pellicola. Poggiare il pirottino direttamente sulla leccarda o teglia o griglia su cui cuocerà la colomba, onde evitare di dover prendere e spostare lo stampo con le mani. E' utile poggiare il pirottino sulla leccarda o la teglia ribaltata, così che sia facilitata l'operazione di infilzatura dei ferri successiva.
- Far lievitare per 6/7 ore a 28°C  nel forno preriscaldato e la lucina accesa, oppure a temperatura ambiente, in questo caso i tempi di lievitazione saranno più lunghi.
- Quando l'impasto sarà arrivato a circa 2 cm al bordo dello stampo porre a temperatura ambiente, togliere la pellicola trasparente e lasciare 30/40 minuti all'aria.

- Intanto accendere il forno a 180° modalità statica.
clicca sull'immagine per ingrandire
- Nel frattempo preparare la glassa. Nel tritatutto mescolare le arachidi tritate finemente con il parmigiano e gli albumi, fino ad ottenere una crema densa ma non troppo (come la spieghiamo questa? deve essere abbastanza densa da non colare ma abbastanza diluita da poter essere stesa con il dorso del cucchiaio).

- Con un cucchiaio distribuire la glassa su tutta la superficie della colomba, con estrema delicatezza per non compromettere la lievitazione. Distribuire in ordine sparso le noci e spolverare con la granella di arachidi.

- Far bollire due dita di acqua. Al bollore inserire il pentolino contemporaneamente a quando si inforna la colomba.
Abbassare a 160° e spegnere resistenza superiore.
Cuocere per 50/60 minuti (regolarsi, non tutti i forni cuociono negli stessi tempi) ultimi 10 in funzione ventilata  per le pezzature da 1 kg.

- Infilzare  la colomba appena sfornata con due ferri paralleli lungo le ali, alla base dello stampo,  e  lasciar raffreddare capovolta, sospesa con i ferri retti tra due sedie o su un secchio, per almeno 4/6 ore.
- Se necessario conservare in busta chiusa, ma secondo noi non sarà necessario, una volta aperta sarà difficile che ne rimarrà d'avanzo!



Narratore: 
Ammazza oh! Ma queste colombe sono golosissime!
Allora, me lo volete dire oppure no, cosa vi siete dette in quella valanga di mail?

Condomine: 
ma certo, adesso ti diciamo tutto!

Quello che segue non è altro che uno stralcio di quello che effettivamente è stato il nostro dialogo mentre preparavamo questa colomba.
Volutamente lo lasciamo così... senza nessun tipo di correzione grammaticale o lessicale né di battitura, proprio per far capire con quanto entusiasmo abbiamo voluto e creato questo post ;-)


"Io purtroppo non parto con le idee chiare come te  ma mi è venuta voglia di colomba salata, che ne pensate?." 

 "io me la immagino e già mi piace un sacco, al formaggio farcita e con una semplice glassa che tenga su semi vari o pinoli. Però, per una colomba salata non mi metterei a fare doppi impasti, prefermenti, e robe simili. e sì, pasta madre sicuramente :).

" Quindi tu dici che non vale la pena neanche fare un prefermento per renderla un po' più soffice??? Così, giusto per avere una base di partenza ;-) 
ecco....... come scrivere valanghe di mail senza capirsi :)))) 
per me è strozzosa se è pesante... quindi troppo di tutto. troppo formaggio, troppo compatta, troppo tutto."

"anche secondo me una base di partenza con l'impasto della pizza al formaggio è l'ideale! e poi il condimento con olive, pomodorini secchi, funghetti trallallà,  mi sembra perfettissimo, magari aggiungendo anche delle pepite di pistacchio salate a saperle fare...
Il prefermento? potremmo pensarci per una eventuale biga, così tutti avrebbero la ricetta giusta per fare una colomba salata!"

"allora sulle dosi dobbiamo ragionare un attimo. prima di tutto per dosare liquidi, solidi e grassi. poi ok latte, che comunque apporta non tantissimo grasso, quindi possiamo considerarlo liquido, ma contribuirà a mantenere sufficientemente umida la colomba...ehm.. l'impasto. 
E poi una volta stabilito gli equilibri, ricordiamoci del ripieno. che ha un peso. non ho idea di quanto però... tu hai già fatto roba ripiena, tipo le angeliche marianne, quanto ce ne va? mah, riguardo ai formaggi, metterei pecorino e parmigiano grattugiati fini, ed emmenthal grattugiato grossolanamente o in pezzi. o lo mettiamo proprio come farcitura. che ne pensate"? 

 "tornando alla colomba. secondo me ci stiamo complicando la vita, e poi a me troppo formaggio non piace, come ve lo devo dire??" 

"ma come prima lanci la pietra, e poi nascondi la mano??? e no!! ora la colomba la facciamo, altroché!

"allora sentite qua: intanto, diminuiamo i formaggi, va bene! o comunque riteniamoci libere di usare i formaggi che preferiamo, io amo i sapori forti e userò il pecorino romano, tiè! tu usa pure una caciotta di latte vaccino, delicata delicata... la vacca è delicata no?? Poi dobbiamo bilanciare il lievitato, arricchirlo, la colomba è un grande lievitato e quindi dobbiamo renderle onore. Aggiungiamo burro, così da rendere il nostro lievitato nobile, soffice e gustoso, anzi, io aggiungerei anche strutto, è vero che la colomba è una nobile, però una gran signora di campagna, rustica, come i grandi signori lievitati di una volta, in cui lo strutto abbondava. 
Naturalmente, di pari passo, aumentiamo la quantità di tuorli, che fungono da emulsionanti e aiuteranno il nostro amatissimo grasso a legare con l'acqua, ché di solito i  due non  legano, non si pigliano proprio. E i tuorli invece si mettono lì, a far da emulsionante per loro, come sono altruisti e genorosi!
E anche noi saremo generose con le uova, usandone tante anche intere, ché gli albumi, oltre a tanta acqua, contengono anche le proteine, utilissime alla formazione della maglia glutinica".

"sìsìsìsì facciamo una bella maglia glutinica alle nostre colombe! che fa ancora freddo!!!" :))))

"Dai, comincia a fare sta cosa per ora".

" E come le farciamo???"

"Io voglio i pomodorini e le olive!"
"io voglio il salame, così è giù tutto pronto, colomba e companatico!"
"io adoooovo i finghetti trallallà!"
"Uhé, non litighiamo! ognuna la farcisca come preferisce no? largo spazio alla fantasia e al gusto!"

Ragazze, poi ovviamente dobbiamo riproporzionare tutto, sennò qua ci viene una colombona da due chili a furia di aggiungere ingredienti e farce!! :-DDDD


"Ma non si era detto di lasciar perdere"?!?!:-DDDDDDDDD 

Condomine: 
È evidente che non abbiamo lasciato perdere. Sono seguiti altri giorni e giorni di chiacchiere, disquisizioni, spernacchiamenti, apparizioni e sparizioni e... meno male, perché avete visto cosa abbiamo tirato fuori?????
Ed ora voi, siete pronti a provare questa ricetta a 6 mani??? :-)))




Tamara, Silvia, Emmettì

STAMPA LA RICETTA (PDF)


Con questa ricetta siamo felici di festeggiare i 4 anni di blog di Alice, e al suo contest sul blog
"La cucina di Esme".  Auguri Alice!


Con questa colomba partecipiamo a Panissimo, evento creato da Barbara e Sandra e ospitato
mese dalla nostra amica Terry del blog I pasticci di Terry


E anche dalla nostra amica Polacca

57 commenti:

  1. perfetto....ma io ho solo due mani... le altre 4 chi ce le mette????bravissime , come al solito!!!!:D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai Annarita, vengo io così con tua sorella arriviamo a 6! ;);)
      Grazie, bella! :*

      Elimina
    2. Bella sore' !!! :-DDDDDDDDD
      Visto quanto poco ci vuole a trovare altre 4 mani???

      Silvia, ti prendo in parola! :-)))))))

      Elimina
  2. Voi mi stupite ogni volta di più, ragazze! Non sono mai andata pazza per la tradizionale colomba dolce, ma con questa versione salata so benissimo che farei fatica a fermarmi dopo la prima fetta. Bravissime!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giulia cara ♥ poi con quella glassa sopra! ;)

      Elimina
    2. Cara Giulia, ti confermo che è molto difficile fermarsi alla prima fetta!

      E comunque la glassa che ti abbiamo rubato è semplicemente squisita!
      Grazie.
      :-))))))))

      Elimina
  3. Ragazze ma siete le mie idole!!! Questo è un sunto di bontà, io poi adoro i lievitati salati e questa super colomba è un vero sogno!!
    Brave, siete troppo brave!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Silvia, grazie! :*

      Elimina
    2. Ahahahhahahahahhahahahah Silvia!
      Addirittura le tue idole...

      Grazie tesoro, ma anche tu a bravura non scherzi affatto!
      Un bacio :-*

      Elimina
  4. una bella versione di colomba, finalmente salata dopo tante colombe dolci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Günter siamo felicissime di avere la tua approvazione!

      Elimina
    2. Ciao Günther!
      È sempre un piacere leggerti :-))

      Elimina
  5. Voi siete davvero fuori!! A parte la forma di colomba che giustamente ognuno la farà come gli pare ma è proprio FAVOLOSA!! Buona, golosa, saporita e soffffffffffice! Con quante f si può scrivere soffice? Bravissime tutte e tre. Però voi lo sapete che io ho origini sudiste e quindi non si può che adesso mandate tutti i lievitati alla'Alice e a me niente .... non possiamo dividerceli da brave sorelle? Dai su, vi aspetto alla raccolta di panissimo, almeno ce l'ho salvata e so dove prendere la ricetta quando la rifarò. Baci sparsi a tutte e tre, siete troppo forti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Terry cara hai ragione, ci siamo perse un po' per strada in questo periodo, per tutte noi condomine, veramente...difficile. Ho cercato di rimediare mandandoti sia la colomba che i grissini, anche se quest'ultimi non mi riesce di inserirli correttamente né mi permette di cancellarli.
      Un abbraccio!

      Elimina
    2. Terry Terry...
      Non ci crederai ma mi manca tantissimo il fatto di non riuscire ad essere presente da te come una volta!
      E anche se non mi perdo neanche uno dei tuoi manicaretti, non sempre riesco a soffermarmi per scrivere :-(((

      Il fatto che tu ci fai giungere tutto il tuo affetto però mi rincuora e questo dimostra quanto tu sia preziosa!
      Un abbraccio stretto stretto anche da me :-*

      Elimina
    3. Ma ragazze ci mancherebbe altro ... ognuna deve fare quello che gli pare. Sapete che io sono una "coccolona" e mi piace sentirvi spesso ma fa niente! Non siamo nati per stare da soli e penso che i nostri blog servano proprio a distrarci da tutti i problemi della vita, è un angolino tutto nostro, dove lasciar fuori i pensieri, sopratutto quelli negativi. Io personalmente non smetterò mai di venire a trovarvi e lasciarvi i miei sproloqui ... a me fa bene all'anima. Baci sparsi a voi e cercate di godervi la vita, di vivere ogni giorno come se fosse l'ultimo!!!

      Elimina
  6. E meno male che non avete lasciato perdere!!!! Io ammiro quei buchi e mi sciolgo sul monitor del pc!!!! Adesso lancio io la prossima sfida: colomba a 8 mani. Le vostre 6 preparano e le mie 2..... mangiano ^_^ Ci state? Mamma quella glassa..... Ragazze, siete svalvolate da farmi impazzire ^_^
    Grandiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaahaahahhaha!!!!
      Erica, affare fatto!!!
      Tu, grande! ♥

      Elimina
    2. Ahahahhahahhahahaahahaaaahhaahha Erica!!!
      Anche per me, sfida accettata ;-)
      Magari... ♥

      Elimina
  7. Ehi, ma voi tre insieme siete proprio un'associazione a delinquere.. Ma io queste cose, il giorno dopo il corso con Persegani e 2 kg tra ravioli, strozzapreti, ravioli, pisarei, proprio non le ho da vedere. Stupende stupendissime da sognarsele la notte. Disgraziateeeeeeeeeeeee ❤️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gaia! Ahahahahahahahahahahahaah!!!!!
      Disgraziate fummo! :))))
      Eh ma pure te con tutta quella pasta fresca mica scherzi!

      Elimina
    2. Disgraziate noi eh?????? :-DDDDDDDDD
      Tu invece non ne sai niente vero?
      Con tutte quelle robe che prepari che una volta più che quell'altra darò una musata al monitor per cercare di arraffarne una!

      Ecco... ancora mi devi raccontare del Persegani e di tutta quella roba che ci hai elencato e che fa borbottare la mia panzetta! :-DDDDDDD
      Baci :-* :-* :-*

      Elimina
  8. Grazie ragazze per aver partecipato al mio contest con questa colomba super gustosa!
    baci e buona serata
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alice!
      Un caro saluto anche a te :-))))))

      Elimina
  9. Siete fantastiche, punto. E bravissime, bra-vis-si-me!!!!..fate splendere il sole ogni volta che vi si legge, grazie ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sandra, dolce Sandra! :-))))))

      Quanto sei bella tu?
      Il nostro grazie, a te! ♥

      Elimina
  10. Guarda là! Mai vista una colomba salata cosi' bella e cosi' buona!
    Questa vola da sola!!!
    Io a metterci le mani non mi azzardo, però azzardo questo:
    Blu = Tamara
    Rosso = Emmetti'
    Verde = Silvia
    Evviva il Condominio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahahahahahhaahahahahahahahaah Franciiiiiii!
      Queste colombelle hanno spiccato il volo nelle bocche fameliche prima delle condomine e poi in quelle del vicinato! ;-))

      Quanto ai tuoi azzardi, i colori sono stati casuali e i dialoghi intrecciati e sovrapposti fra di loro mille e mille volte :-DDD
      Però in alcuni punti ci hai azzeccato!

      Grazie, perché ci regali sempre un sorriso ogni volta che ti si legge!
      Bacio :-*

      Elimina
  11. Certo che, se volevate stupire con effetti speciali, avete centrato in pieno il bersaglio! Ma guarda cosa vi siete inventate!!! che poi, la cosa sorprendente non è tanto che abbiate pensato di fare una colomba salata, ma che vi sia venuta questa meraviglia già al primo colpo! Quando si dice il potere del lavoro di squadra... fantastiche le mie svalvolate! ;-)
    Baciotti sparsi al condominio :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahhahahahahahahaahaahh Concetta!
      Il lavoro di squadra è meraviglioso, non ha eguali, ed è sempre entusiasmante farlo!
      Con i lievitati poi, ogni volta è una sfida e una conquista.

      Diciamo anche che avevamo già un po' di conoscenze su come alcuni ingredienti agiscono e reagiscono fra di loro, ma è stato comunque divertente pensare alla trasformazione di un lievitato così importante da dolce a salato!

      Grazie per aver apprezzato questo risultato!
      Mi spiace non essere abbastanza vicina per potertelo far assaporare, ma chissà... mai dire mai!

      Baciotti anche a te :-* :-* :-*

      Elimina
  12. ahahahahha, divertentissimo questo post!!!!
    Posso provare ad indovinare?
    Verde: Tamara
    Rosso: Silvia
    Blu: Emmettì
    Ci inzertai?
    :))))

    Quanto alla colomba: sono senza parole! Assolutamente da rifare!

    BaScioni, Svalvolate! :* :* :* :* :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahahha no non ci nzertasti :)))) o meglio, come diceva Emmettì più su, i dialoghi sono accavallati, intrecciati e casualmente colorati, e comunque, in linea di massima, ne hai inzertata più o meno una su tre :)))

      e la colomba non ho dubbi che la rifarai presto, prestissimo :))))
      baSci a te, socio :* :* :* :* :*

      Elimina
  13. Grazie a tutti anche da parte mia!!! quoto anche le virgole delle mie Amiche socie!

    RispondiElimina
  14. ...posso immaginare l'intenso scambio di email e idee!!! ;-)
    ma certamente vi sono venute delle colombe splendide!!! Alveolatura come quelle dolci. E pure la glassa salata!!! Le avete pensate proprio tutte!!!
    ammetto che non ho più tanta voglia di grandi impasti...tutta quell'ansia da colomba... :-)))
    ma qui c'è un solo impasto!!!! evvai!!!! allora quasi quasi...
    (con la dovuta calma eh...non sono come certe Speedy Gonzales qui)

    un abbraccio a tutte e compliemnti per questa splendida ricetta di squadra!!! :-***

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao bella Ele! :-)))

      Posso garantirti che questo impasto ti sorprenderà da tanto è veloce e semplice da fare, soprattutto se lo paragoniamo a quello, ben più complesso, della colomba dolce (con cui tu hai fatto delle meraviglie).
      E ti dico anche che la glassa è davvero una roba da svenimento...
      Dai, magari la metti in cantiere per il prossimo anno! ;-)

      Un abbraccio stritoloso e tanti baci, insieme all'augurio di un buon we pieno di cose belle :-*

      p.s. aahahaaaahhahahaahahhaahahh Speedy!

      Elimina
    2. non vi dico cosa ho fatto questo weekend, incastrato nel poco tempo libero tra altri impegni e giri, invece di preparare il mio prossimo post!!!! ;-)
      stasera cena ricca!!!! ciao!!!!

      Elimina
  15. leggo i post dei tuoi lievitati, avidamente, come se fosse il piu' bel romanzo del mondo...e lo è sicuramente e ...sogno!!! bravissima mia cara!!!

    RispondiElimina
  16. Mimma ne abbiamo fatte tre, di colombe, una ciascuna! Non ti vuoi sbilanciare eh! ;);)
    Un abbraccio da tutte noi! :*

    RispondiElimina
  17. Questa mi era scappata, ha un aspetto moooolto invitante e prima o poi farò il remake - grazie al vostro genio pazzesco (svalvolato)! - Una piccola indicazione sulla cottura per favore, sarà volata via...
    Andrea Z

    RispondiElimina
  18. Ciao Andrea!
    Non abbiamo idea di dove sia finita la parte che riguardava la cottura. Appena posso inserisco.
    Nel frattempo ti dico che la colomba va infornata nel forno preriscaldato a 170°, abbassando immediatamente a 160° per 50 minuti circa, per pezzature da un kg; 40' per quelle da 750g; 30/35' per quelle da 500g. Fare prova stecchino al centro, allo scadere del tempo.
    Spero di essermi spiegata in modo chiaro, altrimenti chiedi pure. :)
    A presto ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Velocissima e precisissima, grazie mille :))

      Elimina
  19. Andrea ho appena messo istruzioni più dettagliate nel post, per quanto riguarda la cottura. Leggile.
    Se hai ulteriori domande chiedi pure! :)

    RispondiElimina
  20. Due settimane fa ho fatto con la vostra ricetta della colomba il panettone ... mi è uscito fantastico... ieri l ho rifatto... niente cupola .... che nervi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonella e benvenuta, innanzitutto!!!! :-)))))))))))
      Ma che felicità leggere del tuo panettone salato e sapere che ti è uscito fantastico!!!
      Addirittura due volte lo hai fatto??? Wow! Wow! Wow!

      Le cupole, purtroppo, sono un po' il terrore di tutti noi...
      Basta una pirlatura meno attenta ed ecco qua che anziché svettare in alto, l'impasto sembra rimanga comodamente seduto nel pirottino! :-//
      Però dai, non c'è due senza tre e se lo rifarai, son certa che la cupola di S.Pietro, sarà niente a confronto!!!! :-DDDDDDDDDDD

      Grazie, grazie ancora! Sei stata davvero brava ad adattare la ricetta della colomba in versione panettone!
      Ma una fotina per noi, ce l'avresti?? Saremmo felici di poterla mettere nella pagina dedicata ai nostri lettori! :-)))

      Un caro saluto, insieme all'augurio di una buona giornata! :-)

      Elimina
  21. Certo che ho la foto ... se sapessi come caricarla ... ho anche la foto dell interno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Antonella!! :-))))
      La foto mandala ad uno dei nostri indirizzi mail che trovi nella pagina del "chi siamo" e poi ci pensiamo noi a caricarla!! :-))))
      Grazie per esser tornata a scrivere!
      Ti auguro una giornata piena di cose belle e di sorrisi!

      Elimina
    2. Buongiorno Inviate due foto a Tamara ... oggi ritento

      Elimina
    3. Intendevo oggi ritento il panettone nato colomba

      Elimina
    4. Antonellina bella! Scusami se dopo ieri mattina non mi sono più affacciata qui...

      Abbiamo visto le tue foto e siamo orgogliosissime della tua preparazione!!
      Ora le mettiamo subito in vetrina eh????
      E poi che bello che ieri ti sei cimentata nuovamente con questa ricetta!
      Ci rendi davvero felicissime!
      Grazie, grazie infinite da parte di tutte noi!
      Un caro saluto e l'augurio di una buonissima serata.
      A presto!!! :-)))))))))))))

      Elimina
  22. Che faccio, ve lo dico? Ebbene sì, ho fatto la colomba salata!! Naturalmente ho fatto qualche piccolissima modifica, dovuta al fatto che non ho la pasta madre. Il risultato non è superfantastico come le vostre naturalmente, ma quando si è paperino bisogna anche accontentarsi, però devo dire che non è andata poi così male. Niente rubber cement!
    Dunque, come vi dicevo, non avendo il lievito madre (per i motivi che vi ho già raccontato), mi sono affidata al mio inseparabile lievito madre disidratato, che per altro non mi ha mai delusa né tradita. Non si inacidisce, non perde potenza, ha sempre un ottimo sapore, è sempre in perfetta forma, praticamente un figaccione palestrato. Molta apparenza e poca sostanza dite voi? Può darsi, ma per una pasticciona come me, va benissimo!
    Come farcitura ho usato i pomodorini secchi sott'olio, non potevo fare altrimenti, davvero!!
    Fino a un mese fa, i pomodorini secchi mi facevano schifo. Tanti tanti anni fa (che esagerazione, mica ero nel paleolitico! Giuro che non sono così vecchia O_O), li vidi, li comprai (secchi!!) e ne addentai uno così … mah, chissà cosa ci trovano, li misi in dispensa e lì rimasero per non so quanti mesi, infine vennero ingloriasamenti inumati nel bidone dell'umido.
    Se è vero come si dice, che ogni lustro si aggiunge un gusto, più o meno un anno fa ho riprovato a comprarli (secchi), ne ho mangiato uno … confermato il giudizio precedente! (Questa volta però non li ho buttati, li ho regalati ad una amica)
    Finchè …poco tempo fa, una signora ha regalato a me e alle mie colleghe dei pomodorini secchi fatti da sua madre in sardegna. Le mie colleghe (la metà meridionale per lo meno) con gesti esperti li ha preparati e messi sott'olio. Quando ci siamo sedute a tavola, ne ho preso uno giusto perché mi pareva brutto non onorare il dono; erano tutti enormi, così, certa che avrei fatto fatica a finirlo, per aiutarmi l'ho messo dentro un panino, già sudavo freddo, e invece … eureka!! Ma era buonissimo, tanto che ne ho preso addirittura un secondo e me lo sono mangiato con l'altra metà del panino!!
    Ergo: se faccio la colomba salata (l'avevo copincollata già da un po') ci metto i pomodorini secchi sott'olio!! Uahahahahahahahaha
    E così è stato! Li ho comprati (certo, quelli della sardegna erano un'altra cosa, però anche questi si difendono bene!!), li ho preparati con gesti espert… ehmm… cioè …beh, diciamo che ho seguito le istruzioni delle mie colleghe e li ho messi sott'olio, con acrobazie che farebbero invidia a Vanessa Ferrari non sono neppure scivolata (sull'olio) e con pochi espertissimi (questa volta davvero) colpi di ramazza ho eliminato l'origano sparso in ogni dove. E così è nato il mio primo "mezzo vasetto" di pomodorini secchi sott'olio! Che sudata!
    Ma torniamo alla colomba: dunque i pomodorini c'erano, ho unito dell'ottimo salame friulano a dadini, del grana padano già grattugiato (per fortuna) e infine del pecorino che ho grattugiato personalmente (dita comprese!) e questa meraviglia di colomba obesa è nata!
    Si perché, ho seguito " quasi" scrupolosamente la ricetta con le sue grammature, ma la pennuta è cresciuta a dismisura, il pirottino da 1 kg non è bastato a contenerla tutta, glom!
    Poi naturalmente, quando l'ho sfornata, è suonato il telefono … sono stata via più o meno un quarto d'ora, e la pennuta senza penne già si stava accasciando!! Perdindirindina, un attimo di pazienza non sono mica la dea Kalì, ne ho solo due di mani io!! Quindi il risultato finale è stata una colomba obesa mezzo collassata, ma morbida e buonissima! Grazie per l'ennesima ricetta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. CriCrì, non solo hai fatto bene a dircelo ma, come abbiamo già avuto modo di scriverci, intanto la Tessy è finita subito nella pole position della paginetta! ;-)
      E poi che meravigliaaaaa!!!:-)))))
      Grazie a te per l'ennesima fiducia che riponi nelle nostre ricette e grazie per questi commentipapiri che ci piacciono da morire! ♥
      Un abbraccio graaaaaaaaaaaaaaaaaandissimo!

      p.s. ahhaaaahhahahahahahahhaha, bellissimo il racconto dei pomodorini secchi!

      Elimina
    2. Beh, ci sono anche io, come il prezzemolo!!!! uahhuahauah!! sono andata a visitare la paginetta del blog con le foto delle preparazioni dei lettori e ho visto la pennuta (troppo forte, la pennuta, voi non mi vedete ma sto ridendo da sola davanti al computer con le lacrime agli occhi!!!!)...e che pennuta....è bellissima tutta così cicciottina!!! veramente una esecuzione fantastica! poi ho letto sopra la foto che bisognava andare a leggere il commento sotto la ricetta....e così non potevo non saltare alla pagina dedicata....e per fortuna che l'ho fatto, perché veramente mi sono scompisciata dalle risate!!!
      la storia dei pomodorini secchi è troppo forte, ma la frase che mi è piaciuta di più è stata "ogni lustro si aggiunge un gusto".....ahahahaha non l'avevo mai sentita, e comunque è super valida anche per me!!!!!
      ma senti Cri Cri se hai voglia e tempo di rispondermi (sociesse possiamo usare il vostro blog per scambiarci consigli tra lettori??? eh eh? possiamo? possiamo????) mi dici come hai usato il lievito madre secco? che quantità? che tempi di lievitazione hai fatto? se hai cambiato in qualche altre modo la ricetta? così provo anche io....il lievito madre è fantastico eh non si può non negarlo, però richiede tempi lunghi lunghi....e io più di qualche volta ho fretta....e così una prova con quello secco la farei più che volentieri (adesso le sociesse si ribaltano dalla sedia per l'eresia....uahhhhh)
      bacissimi a tutte quante!

      Elimina
  23. Ciao Regina, grazie per i complimenti sei gentilissima, ma i miei pasticci nulla hanno a che vedere con i tuoi capolavori o con quelli delle svalvolate, anche se nel complesso non mi lamento, e neppure le mie cavie da laboratorio hahahahahahah.
    Ma veniamo a noi
    • Dunque: in realtà sono ancora in fase di studio e sperimentazione, non ho ancora un modus operandi ben definito (sembra il profilo di un serial killer! Ops!! In effetti sono un’assassina di lievito madre sob!), comunque diciamo che innanzitutto dipende dal lm disidratato che si usa, non sono tutti uguali, secondo me il migliore (tra quelli che ho provato) resta quello dell’antico molino rosso che trovi nei negozi che vendono biologico. Nella colomba salata ne ho usati 10 g circa, poi, per ovviare al problema della rapida retrogradazione degli amidi causata dal lievito di birra, ho aggiunto un water Roux (in rete spopola con il nome di metodo Tang Zhong) fatto con 25 g di farina, gelificata con 125 g di acqua. Siccome sono “paperina disastri in cucina”, non avevo considerato che il water Roux ha un’idratazione (500%) decisamente molto superiore al lievito madre (50%), tuttavia l’amido gelatinizzato, lega l’acqua libera rendendo l’impasto ugualmente ben lavorabile. La prossima volta dovrei provare a togliere l’acqua per il wr dai liquidi totali della ricetta per vedere cosa cambia. Come dicevo, sto ancora studiando e sperimentando. �� Ad ogni modo posso dire che il piccolo pezzetto di colomba salata che avevo tenuto da parte in frigo, dopo cinque giorni era ancora morbido (però l’ho scaldato 5 sec al microonde per ammorbidire il formaggio). La colomba dolce che avevo fatto, conservata a temperatura ambiente in un sacchetto di plastica, dopo 8 giorni (ne avevo conservato solo un piccolo pezzo però, giusto per amore della scemenz … ehm, della scienza) iniziava a dare segni di retrogradazione, cioè iniziava a seccarsi, anche se era ancora soffice. Scaldandone un pezzettino per 5 sec. al microonde, la sensazione di secchezza all’assaggio spariva quasi completamente. Per quel che riguarda le tempistiche, sono leggermente inferiori a quelle del lievito madre fresco, tuttavia si parla sempre e comunque di ore. Diciamo che ho iniziato la lavorazione saltando a piè pari i rinfreschi (che non mi servono) e la biga (che era segnata come alternativa per chi usa il ldb), ho seguito la ricetta fino alla lievitazione che ho fatto fare a temperatura ambiente perché dovevo assentarmi a causa del lavoro (che rottura!!) ben 5 ore. Al rientro la colomba era lì bella lievitata, non ho dovuto fare altro che glassarla e cuocerla. E questo è tutto mi sembra. Sono certa che tu saprai fare molto ma molto meglio di me, casomai dammi tu qualche dritta, che io le prendo sempre tutte storte!! Hahahahhaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla faccia del bicarbonato, Cri!!!
      E tu saresti quella inesperta???? :-OOOOOOOOOO
      Interessantissima la storia della gelatinizzazione dell'amido, dell'idratazione ed i legami con l'acqua!!!
      Wow, che bello spunto di studio e sperimentazione che ci hai offerto!!!! :-))))))))

      Fantastica come sempre! Grazie, grazie, grazie!!!

      p.s. alla frase "casomai dammi tu qualche dritta, che io le prendo sempre tutte storte!" mi sono rotolata per l'ennesima volta!!!!!
      Ma quanto ci piaci, tu?? :-)))))))))))))))

      Elimina
  24. hahahahaha troppo buona! Grazzzzzie! Ma la domanda è un'altra: ma quanto mi piacete voi??? :-D

    RispondiElimina

Sono graditi tutti i commenti, anche quelli da Anonimo, purché firmati, come regola base di buona educazione.