giovedì 11 giugno 2015

Panna cotta con coulis di fragole - Ricicliamo gli albumi!



Cercavo una ricetta per riciclare la grande quantità di albumi che giaceva nel mio congelatore ché dopo la meringa italiana e le lingue di gatto & Co cercavo altre idee, così la mia attenzione si è fermata su questa panna cotta

INGREDIENTI per 6 stampini (tipo muffin)

250 g panna liquida (fresca, quella da montare)
250 g latte intero
 65 g zucchero semolato 
 60 g miele di acacia (o comunque un miele dal sapore delicato)
125 g di albumi
1 cucchiaino scorza di arancia
1 cucchiaino scorza di limone
1 cucchiaino estratto vaniglia


per la coulis di fragole
150 g di fragole 
1 cucchiaino di zucchero a velo
qualche goccia di limone

Ci occorreranno
6 stampini da muffin in alluminio usa e getta, oppure stampini appositi per panna cotta (no quelli in silicone)
Un litro/un litro e mezzo di acqua freddissima,* io l'ho messa 3/4 d'ora in congelatore.
Una teglia.
Qualche foglio di carta da cucina tipo scottex.**




PROCEDIMENTO

panna cotta

In un pentolino mettiamo la panna, il latte, il miele, lo zucchero e tutti gli aromi meno il cucchiaino di vaniglia. Portiamo pian piano a bollore mescolando, appena raggiunto spegniamo. Aggiungiamo il cucchiaino di vaniglia e lasciamo riposare 1 oretta.

Sbattiamo un poco gli albumi quel tanto da fargli perdere tensione e alla comparsa di bollicine interrompiamo. Filtriamo la miscela di latte, panna e aromi ed aggiungiamo gli albumi.
Amalgamiamo.

Imburriamo gli stampini (evitiamo quelli in silicone, ché pare che in questi la panna non rassodi) e versiamo fin quasi all'orlo, la panna.

Prendiamo una teglia,*** mettiamo sul fondo la carta scottex, mettiamo gli stampini e versiamo l'acqua freddissima fino a 3/4 degli stampini. 

Inforniamo a 160 ° funzione ventilata, oppure 180° in statica, per 1 ora circa, non meno. L'acqua non deve mai bollire! Quindi occhio durante la cottura, in caso, abbassiamo la temperatura.
Terminata la cottura tiriamo fuori la teglia, lasciamo gli stampini per una decina di minuti così senza toccarli poi li togliamo dalla teglia e mettiamo in frigo. 



Coulis di fragole

Prendiamo le fragole, togliamone il picciolo, laviamo ed asciughiamo, lasciamone qualcuna intera per la decorazione e frulliamo le restanti con lo zucchero e qualche goccia di limone. Mettiamo in un pentolino con lo zucchero e un cucchiaino di succo di limone. 
Portiamo a bollore e sempre mescolando lasciamo cuocere qualche minuto per addensare un po'. Spegniamo e lasciamo raffreddare. 
Ho preferito non mettere gelatina o altro addensante per lasciare un sapore più fresco.


*L'acqua freddissima serve a non far formare bolle antiestetiche all'interno della panna cotta durante la cottura.
**Lo scottex serve a non far vibrare gli stampini durante la cottura.
*** Non utilizziamo una teglia troppo grande altrimenti ci vorrà più acqua e gli stampini potrebbero galleggiare. 

Un ringraziamento particolare va a Claudia Saracco del gruppoFB per avermi dato i consigli di cui sopra, per la migliore riuscita.



Provatela, il suo sapore vi sorprenderà e avrete smaltito una notevole quantità di albumi!



Con questa ricetta partecipo al contest di Coccole di Dolcezza - "Albume... che guerra sia"!



33 commenti:

  1. Silvia! Ti confesso che sono venuta perché ho letto nel blogroll il titolo del tuo post, e ho pensato "ricicliamo gli albumi??? nella panna cotta?!?" Troppo curiosa di vedere questa ricetta così insolita, e così scopro che ha anche la cottura a bagnomaria (e del resto, se ci sono gli albumi, non poteva essere diversamente!). Un procedimento davvero insolito, e sarei proprio curiosa di sentirne il gusto e la consistenza, capire la differenza tra questa e una panna cotta fatta col solito metodo senza albumi e più speedy.
    E dato che tra un po' ricomincerò a fare i gelati, per cui utilizzerò, per alcuni, le basi di crema inglese, presto avrò anche qualche albume per provarci... ti aggiornerò!
    Grazie per lo spunto così innovativo, e buona giornata... ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Minnie a me è piaciuta da morire! Provala, non te ne pentirai! ;)
      Bacio!

      Elimina
  2. Silvia ma che spettacolo.... è deliziosa questa panna cotta.... Anche io di solito mi ritrovo con quantità industriali di albumi.... anche se ultimamente mia figlia grande se li spatascia in faccia per farne delle maschere... mah! Ti bascio forte forte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hahahahahahhahaha!!!! Patty, mi fanno morire le adolescenti!
      Albumi
      diciamo che da quando li conservo congelati nei sacchetti per fare il ghiaccio, più le tante ricette valide per smaltirli, oarmai non mi fa più paura averne tanti.
      BaScio!

      Elimina
  3. Ti è venuta benissimo. E' molto simile a quella del mio corso di pasticceria. Brava, complimenti
    Ciao
    Tiziana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tiziana! Sì è venuta bene, ha sorpreso anche me e comunque la fonte da cui proviene era più che attendibile. ;)
      Ciao :)

      Elimina
  4. Che genialata! Praticamente gli albumi fanno da collante e eviti la gelatina ... Hai capito la Silvia? Bellissime le tue panne cotte, brava. Poi io adoro la salsa di fragole o coulis, come diavolo si chiama. Ma non possiamo usare nomi italiani?! Tanti baci bella donna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Terry hai ragione, una vera genialata! ;)

      Baci baci!

      Elimina
  5. Bella!!! Riciclo perfetto e originale Silvia e sono davvero venute una favola!!
    Ne vorrei una per stasera!!! Fresca e fragolosa, arrivooooooo!!
    Buona serata e un abbraccio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvia ogni volta che ti leggo mi torna in mente una delle tante tue cose che vorrei fare. Sembra inverosimile ma così è. :D
      Un abbraccio!

      Elimina
  6. Ma che bella idea!!!! La panna cotta con il suo gusto così avvolgente....mmmm!!!!!
    Da oggi, allora, potremo entrare nel vortice frolla - panna cotta/ panna cotta - frolla! I corsi e ricorsi del palato (in barba a Vico che si fermava a quelli storici!).
    Poi l'abbinamento panna e fragola......sai che fuochi d'artificio! Ma coulis...non fa tanto sartoria? Sai...pantaloni con...!
    Giuro che non ho pensato nemmeno x un minuto che potesse essere un riferimento ad una zona anatomica retro-meridionale particolarmente liscia...come una pesca!!! uhhhh ecco: anche alla pesca potrebbe andar bene sta coulis con la panna!
    Va beh...vado a dormire che è meglio!!
    Ti abbraccio forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riccia ma come faremmo senza i tuoi commenti!
      La zona anatomica retro-meridionale...! Ma come ti vengono?!? Ahaahhahahaha!!!
      Ti abbraccio forte anche io mia bella Riccia!

      Elimina
  7. ma quanto è intrigante questa panna cotta! ora tocca quanto prima produrre albumi, sono troppo curiosa! che rabbia, se penso a tutti gli albumi che ho buttato quest'inverno! avevo una lista lunga di cose albumose da fare, macarons (che quest'anno non ne ho fatto manco uno), pavlove, meringa italiana, gelati... alla fine ho buttato via tutto!! e ora sarò costretta a fare qualche quintalata di crema perché devo assolutamente fare questa panna cotta!
    Brava bravissima mia adorata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tam sono sicura che con le tue produzioni seriali in quantità industriali, in un fiat, per usare una tua espressione, sarai sommersa di albumi! :))))
      I macarons, ma cavoli lo sai che ancora non li ho mai fatti? Lo sai che ho un blocco per i dolci. :O
      Grazie, mia adorata! ♥

      p.s. ma gli albumi non li avevi congelati?

      Elimina
  8. Silvia, interessantissima questa panna cotta con gli albumi. La cottura in forno delle creme mi ha sempre terrorizzato: utilissimi i tuoi suggerimenti (stampini, scottex, misura della teglia, ecc.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cristina, prezioso è stato conoscere chi me li ha rivelati. ;)

      Elimina
  9. Risposte
    1. Grazie grazie grazie, Annarita!
      Baciotto!

      Elimina
  10. Se amassi la panna questa ricetta sarebbe MIA!!! :D
    Magari mi accontento della coulis di fragole! ;o)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E accontentati va! :))))
      Come fa a non piacerti la panna! :O

      Elimina
  11. Queta panna cotta deve essere buoniiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiissima!!
    Oltre ad essere molto feshion con questo bianco rosso e verde che spiccano meravigliosamente nel piatto!

    Mi sono innamorata di queste fotografie dal momento in cui le ho potute vedere in anteprima!
    Sempre più brava tu! :-))))))))
    Dai, facciamo così: segna pure questa nel lunghissimo elenco delle cose che mi preparerai quando vengo in campeggio da te...
    Ahahahahaahahahahhahahaahahahahahah!
    Ti stritolo in un abbraccio bellezza ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì che è venerdi e sono cotta eh??
      Però esordire nel commento con un bel refuso è da campioni no???

      È un periodo che mi perdo consonanti e vocali e fra le consonanti la "s" va alla grande!!!
      Ma non ridere...
      :-DDDDDDDDDDDDD

      Elimina
    2. Non riiiiiiidooooo? Come non potrei! Mi sembra di vederlo camminare! ;););)
      Ahahahahahahah!!!

      Elimina
  12. Non sono proprio da panna cotta, lo confesso, ma questa versione mi sembra soffice e leggera. Sbaglio? Dovrei assaggiare per averne conferma, ahahahahahahah.
    Un bacione Silvia. Trascorri un sereno weekend. Tu e tutte le pazzerelle condomine ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Erica, sì confermo essere leggera e più fresca rispetto a quella con gelatina. Certo, se non vuoi usare la panna dovrai rinunciare, ma so che tu sei ferma nelle tue convinzioni per cui non ti peserà soprassedere a questa panna cotta. ;)
      Buona ripresa ♥

      Elimina
  13. Ottimo sistema per riciclare gli albumi!!! :)))

    Ora che ci penso ne ho anche un po' in frigo....quasi quasi.... ;)

    BaScioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. So che per te i dolci più elaborati non hanno segreti, ma se volessi provare questa panna cotta veloce veloce per smaltire gli albumi, buttati! ;)

      BaSci a te

      Elimina
    2. Tu non ci crederai, ma dopo che ho commentato mi si è svegliato un neurone e ha cominciato a saltare come un pazzo: Ziopiero guarda che l'hai fatta! Ziopiero guarda che l'hai fatta! Ziopiero guarda che l'hai fatta! Adesso te la vai a cercare!!!

      E infatti poi ho ritrovato la ricetta nel mio ricettario "personalissimo" e sai una cosa: è identica a questa che hai pubblicato tranne solo per l'uso dell'acqua freddissima e degli scottex.

      La rifarò! ;)

      Elimina
  14. Che dire!!! Favolosa...favolosa...favolosa!!!! E veramente ingegnosa....complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Welda! Favolosa quasi quanto le tue caramelle alla fragola. ;)

      Elimina
  15. Ciao Silvietta. Che idea strepitosa. La panna cotta per smaltire gli albumi.. Io ho sempre e solo usato la colla di pesce. Figata, anche perché ho giusto una decina di albumi in frigo e non avevo voglia dell'ennesimo angel cake. Brava. Proprio l'idea che mi ci voleva per ingrassare un altro po'.
    Un abbraccio forte ❤️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sil... ehm... Gaia! ^_^
      Ma sì dai una panna cotta non farà certo danno sulla bellissima donna quale sei! ;)
      Ti abbraccio forte :*

      Elimina
  16. bellissima idea...mi ha incuriosito il titolo: panna cotta con gli albumi.....come possibile?? e invece.....eccola qui.......penso proprio che la proverò anch' io questa panna cotta con gli albumi!!
    grazie.

    RispondiElimina

Sono graditi tutti i commenti, anche quelli da Anonimo, purché firmati, come regola base di buona educazione.