martedì 12 maggio 2015

Semplicemente cous cous!

di carne e verdure 


È da più di qualche anno ormai che io e mia sorella promettiamo di regalarci un week end dell'ultima settimana di settembre a San Vito Lo Capo quando, in quella meravigliosa terra, si svolge il "Cous Cous Fest".
Ma, a quanto pare, di anno in anno né io né lei questo we siamo ancora riuscite a trovarlo...

E così, un sabato di qualche settimana fa, la vedo che tira giù dai pensili della cucina il suo coloratissimo e bellissimo servizio di coccio appositamente acquistato per i nostri "Family" Cous Cous Fest e allora le dico:
"Sorella! Ma che per caso abbiamo intenzione di tornare ad allenare le nostre papille gustative ai sapori e profumi d'oriente con un buon cous cous?"
Nessuna risposta...
Solo una risata ed uno sguardo d'intesa!
Il giorno dopo eravamo nella sua cucina, con tutto l'occorrente per preparare questo piatto ricco di sapori e profumi meravigliosi.

Una precisazione è doverosa.
Nella realizzazione di questo piatto io ho fatto quasi un bel niente; con la scusa di voler fare le foto pensando a questo post, mi sono limitata a tagliuzzare qualche verdurina qua e là...
Anzi no! Un'altra cosa l'ho fatta: ho mangiato tanto di quel cous cous che credevo di scoppiare!
:-DDDDDDD
E quindi anche un ringraziamento è doveroso.
A mia sorella Annarita che ha sapientemente preparato uno dei miei piatti preferiti e messo a disposizione ciotole, ciotoline e caccavelle varie per gustarlo come tradizione vuole!

Bando alle ciance!
La preparazione di questo piatto può sembrare un po' lunga (ed in effetti lo è), ma di certo quello che ne verrà fuori ricompenserà abbondantemente il tempo impiegato! ;-)
Se non volete fare tutto in una sola volta, potete anticipare al giorno prima la cottura della carne; in quello successivo sarà sufficiente scaldarla riportandola  quasi a bollore.


 INGREDIENTI (per 6 persone)

600 g di cous cous a grana media
800 g circa di brodo vegetale *
600 g di carne
600 g di passata di pomodoro
1 cipolla grande (oppure otto di quelle piccoline)
3 zucchine
4 carote
1 melanzana grande
2 peperoni medi
1 scatola di ceci
2 foglie di alloro
Ras el hanout (spezie per cous cous)** 

* preparato con una costa di sedano, una cipollina, un pario di carote e spezie per il cous cous


 Preparazione e cottura delle verdure 



Le verdure vanno tagliate a piccoli pezzi e fritte separatamente aggiungendo di volta in volta sale e spezie.

Tagliare le carote ed i peperoni a bastoncini di circa mezzo cm di spessore e lunghezza di 7-8 cm.
Le zucchine a rondelle sempre di mezzo cm di spessore..
Le cipolle a metà o a quarti quelle un po' più grandine.
Di volta in volta far scaldare abbondante olio in un largo tegame (possibilmente rivestito in materiale antiaderente per facilitare le operazioni di pulitura fra una cottura e l'altra), versarvi le verdure tagliate e farle soffriggere a fiamma viva, prestando attenzione a che rimangano ben stufate ma che allo stesso tempo mantengano la loro croccantezza.
Regolare di sale e spezie di volta in volta e, mano a mano che arrivano a cottura, riservarle in un'ampia ciotola, mantenendole in mucchietti ben distinti.                                                                                                                                    

 Preparazione e cottura della carne 

Come carne, normalmente viene utilizzata quella di agnello.*





Dopo averla ridotta in piccoli pezzi, lavarla ed asciugarla per bene.
In un tegame scaldare dell’olio con carota e cipolla intere, quindi aggiungere i pezzi di carne e lasciarli rosolare.
A questo punto unire il pomodoro, le foglie di alloro e le spezie lasciando cucinare lentamente per due ore e mezzo. Quando manca circa una mezz'ora alla fine di questo tempo, aggiungere le patate precedentemente tagliate a tocchetti di circa 2-3 cm, regolare di sale e portare anch'esse a cottura.
Il risultato dovrà essere una salsa piuttosto ristretta con la carne morbidissima, che si scioglie in bocca.

*sostituibile con quella di pollo o coniglio





 Cottura del cous cous 
  • Metodo rapido 
Preparare un brodo vegetale con carota sedano cipolla sale e spezie per cous cous portando ad ebollizione. Porre la semola in un grande piatto largo e basso e versarvi il brodo bollente mescolare e lasciar riposare alcuni minuti fino a quando il cous cous non avrà assorbito completamente tutto il liquido, quindi sgranare con una forchetta.
  • Metodo tradizionale
Con questo metodo occorre utilizzare l'apposita cuscussiera (e figuriamoci se lei la couscussiera non
ce l'ha..., mia sorella dico!)



Nella parte bassa della pentola preparare un brodo vegetale come già indicato nel "metodo rapido" e portare sempre ad ebollizione; a questo punto versate il cous cous nel tegame superiore della cuscussiera, far cuocere la semola per circa 10 minuti, quindi toglierla dal vapore e bagnarla con un bicchiere di brodo mescolando per bene.
Far riposare per una decina di minuti e ripetete l'operazione, con gli stessi tempi, alternando la cottura a vapore ed il riposo, per altre due volte.
Al termine di queste operazioni il brodo, dovrebbe essere completamente utilizzato ed il cous cous essersi gonfiato come nella terza foto in basso qui a lato ;-)






 Impiattamento 

Ci sono tre diversi modi in cui possiamo offrire il cous cous ai nostri commensali. 

  • Il primo è quello di prendere una grande ciotola e mescolare il cous cous con la carne ed il suo sugo e tutte le verdure, fino a creare un unico composto coloratissimo e in cui tutti i sapori si mescoleranno armoniosamente fra di loro.
  • Il secondo è quello di servire nei singoli piatti di ogni commensale un po' di cous cous bianco, ed al centro della tavola posizionare tante ciotoline quanti sono gli ingredienti del condimento. quindi una per la carne ed il relativo sugo, una per ogni singola verdura, ed una per i ceci. In questo modo ciascuno condirà la propria porzione di cous cous con quello che più preferisce, oppure mescolerà il tutto nel proprio piatto.
  • Il terzo, invece, è una via di mezzo fra il primo ed il secondo. Si versa un po' di cous cous nelle singole ciotole per ogni commensale formando una sorta di cono e tutto intorno si posiziona un po' di ciascun tipo di condimento, quindi la carne, le singole verdure ed i legumi. In questo modo sarà lasciata libera la scelta di come gustare ogni singolo boccone.
                                                                                                                                                                                                                                               




** Il Ras el Hanout è una miscela di spezie (come lo è il curry, o il Garam Masala) proveniente dal Marocco, ma oggi utilizzata in tutta l’Africa del Nord e anche in Europa, portata con i flussi migratori nel tempo. Il suo nome indica il fatto che sia composta dalle migliori spezie che il mercante possa offrire nella bottega “il ras, o capo, della bottega”. È uno degli ingredienti principali del cous cous, in generale può essere utilizzato in tutte le minestre, zuppe, carni e salse. 
La sua composizione vanta circa 15 spezie: curcuma, cumino, coriandolo, pimento, cannella, peperoncino, pepe, cardamomo, zenzero, finocchio, noce moscata, anice stellato, buccia di arancia, fieno greco, alloro.


 APPROFONDIMENTI E CURIOSITA' 

Il Cous cous Fest, di cui vi parlavo all'inizio del post, nasce dalla voglia di mettere attorno ad un semplice piatto della cucina mediterranea, la passione per il cibo, lo scambio culturale e l'integrazione tra i popoli. Una sfida non da poco su cui si concentra, per una settimana, l'ultima di settembre, l'interesse di tutto il mondo culinario e non solo.
Al centro della manifestazione la gara per la scelta del miglior cous cous che vedrà fronteggiarsi chef provenienti da 10 Paesi (Marocco, Tunisia, Libia, Costa d’Avorio, Senegal, Israele, Palestina, Italia, Francia e Stati Uniti). A giudicarli una giuria composta da giornalisti, chef ed esperti di enogastronomia e presieduta da Paolo Marchi, ideatore e curatore di “Identità Golose”, il primo congresso italiano di cucina d’autore.


Un villaggio gastronomico dunque dove sarà possibile, all’interno delle cosiddette “Case del cous cous”, gustare oltre 30 versioni del piatto protagonista della kermesse, da quelle più classiche legate alle tradizioni culinarie di diversi Paesi fino a varianti più sperimentali, compresa quella priva di glutine.

Ma ora vediamo brevemente, come nasce il cous cous?

I chicchi di cous cous sono fatti con il frumento duro (quello con cui si prepara la pasta) macinato grossolanamente. A seconda della pezzatura dei chicchi si distingue in couscous grosso (adatto per le farciture), quello medio e quello fine (adatto per le preparazioni dolci).
Un tempo la semola veniva aspersa d'acqua e lavorata con le mani per farne pallottoline, le quali venivano passate poi con semola asciutta per tenerle separate e poi passate al setaccio.
Le pallottoline troppo piccole per costituire i chicchi di cous cous passavano attraverso il setaccio e nuovamente asperse di semola asciutta e lavorate a mano.
Tutto questo processo continuava fino a che tutta la semola non era stata trasformata nei minuscoli chicchi di cous cous, che venivano poi seccati al sole.
Queste operazioni prendono il nome tecnico di "incocciatura"
Oggi invece la produzione di couscous è in gran parte meccanizzata. Il cuscus che si trova in vendita nei supermercati, soprattutto quelli occidentali, è solitamente un prodotto industriale precotto, ossia passato al vapore una prima volta e poi essiccato. In questo modo si ha un cous cous rapido e facile da preparare nel giro di poco tempo.

Bene, ho chiacchierato fin troppo!
Vi lascio con questi ultimi scatti e con la speranza di avervi fatto venir voglia di provare questo meraviglioso piatto!

E non dimenticate...
siate lieti, sempre!









38 commenti:

  1. Certo, mi hai fatto venire una gran voglia...!
    A proposito, lo sapevi che io sono bravissima a tagliare le verdurine?
    E anche ad aiutare quelli che mangiando da soli rischiano di scoppiare??? :D :D :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahahahaahahhahahaahhah Franci!!!

      Buono a sapersi allora!
      La prossima volta sarai arruolata al taglio verdurine prima e ad aiutante quelli che da soli rischiano di scoppiare :-DDDDDDDDDD

      A presto! :-*

      Elimina
  2. ....lo sai che adoro preparare questo piatto.. qiundi niente ringraziamenti.:D :D..e poi......le cose o si fanno per bene o non si fanno quindi i piatti e la couscoussiera sono d'obbligo... e poi sai che adoro avere in giro per casa tutte queste caccavelle :D :D :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E certo!
      Figuriamoci se potevamo mangiare il cous cous nei piatti di tutti i giorni o, addirittura, cucinarlo in una banalissima pentola... giammai! :-DDDD
      Hai visto?
      Per la prossima volta abbiamo un'aiutante pelaverdure, aahahahhahahahahhahahahahha!

      Elimina
    2. visto che la pentola e le ciotole sono grandi possiamo fare un "condominio cous cous festival".... però vi voglio tutte e tutti in abito tradizionale... a chi ne fosse sprovvisto ne posso prestare due o e tre... devo controllare bene nell'armadio... :D:D:D:D:D:D:D

      Elimina
    3. Ahahahahhahahahhahahahahahahha!
      Questa sì che è bella!!!
      Il "cous cous fest in condominio", mi piace assai!!

      I vestiti?????????
      Oddio!!! M'ero dimenticata che c'avevi pure quelli!!!! :-OOOOOOO
      Ahahahahahhaahhahahhahahhahahahahahahaa

      Elimina
    4. Io ho un saree, va bene lo stesso? :D :D :D

      Elimina
    5. Figurati se non va bene!
      Stai attenta però che Annarita ha una particolare predilezione per i saree (lei e l'India sono una cosa sola!)

      Elimina
  3. Troppo buono, lo adoro!! Pensa che mio marito sosteneva che non gli piacesse, poi una volta fregandomene l' ho fatto e da quel momento cous cous a gogò!!!
    Un bacioneeeeeee!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvia bella! :-)))))))))))

      Ahahahaahaaaahahhahhhahaa, e così, fregandotene, sei riuscita a far piacere il cous cous a tuo marito??
      Bella questa! Ottima strategia ;-)

      Un bacione anche a te carissima! :-*

      Elimina
  4. Quanto mi piacciono queste foto, fanno venir voglia proprio di cous cous! Me lo fai? Voglio tutto il servizio eh! Couscoussiera compresa! ;)
    Stai mettendo in nota? Già sono due le cose che devi farci! Anzi no, sono tre!
    Baciuzz'!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Socia! :-))))))))))
      A questo punto mi sa che ti tocca pure il vestito a tema... :-DDDDDD
      Io ho già immaginato la scena!

      Questo l'ho messo in nota, ma ora... ehm, come faccio a dirti che la smemorata di Collegno non si ricorda quali sono le altre due cose che deve farvi?? :-//
      Baciuzz' pure a te, ma tanti eh???
      :-* :-* :-* :-* :-* :-* :-* :-*

      Elimina
  5. Bellissimo questo cous,cous, ricco di sapori, colori e immagino anche tanto lavoro. Sono molto belle anche le foto. Molto brava. Mi piace molto anche la raccomandazione finale "siate lieti sempre" condizione non facile oggi, ma possibile se si cerca la letizia e la serenità. Posso rubarti questo consiglio per aggiungerlo nel mio blog? da tempo pensavo a dei saluti non convenzionali e augurare letizia è bello.
    Un caro saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dani e felice di conoscerti, innanzitutto! :-))

      E poi felice per le parole belle che mi hai lasciato e per l'apprezzamento a questo cous cous variopinto e ricco di sapore. In effetti sì, tanto lavoro ma ampiamente ripagato dal risultato che si ottiene ;-)

      La Letizia eh?
      Hai ragione: oggi è una condizione dell'anima non sempre facile, ma bisogna provare a trovarla e per questo ritengo bello augurarla.
      E sarò ben felice se vorrai aggiungere questo tipo di saluto nel tuo blog che ancora non conosco ma che presto verrò a visitare! :-))))

      A presto!
      Maria Teresa

      Elimina
  6. wow wow wow!!! prima ancora del cous cous voglio queste caccavelle! quindi al condominio day cous cous, ci sarò anche io!!!
    Grazie Annarita, anche da parte mia :-*

    certo che voi due insieme, siete pericolosissimeeeeee!!! e bellissime :-* :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vabbè presa dall'entusiasmo ho cliccato prima di soffermarmi sul post, che come sempre è gustoso quanto il piatto che ci racconti tesoro!

      Elimina
    2. cioè ho omesso di soffermarmi a commentare il post! vedete voi due????? mi avete svalvolata con questi colori, questi sapori che spaccano il video, questi profumi che invadono le papille!

      Elimina
    3. Adorabile Creatura, quanto sorridere nel leggerti! :-)))))))))))))
      Il condominio day cous cous sarebbe davvero meraviglioso...

      E tu, quanta soddisfazione ci dai??
      Infinitamente grazie! ♥

      Elimina
    4. Tamara .....allora ti aspetto!!! e poi ho scoperto da poco che qui vicino c'è un negozio che vende questi piatti, io miei li presi su ebay qualche anno fa...

      Elimina
    5. Ahahhaahahhahaahahahahah Tam, stai attenta che se vieni per davvero da queste parti Annarita te lo fa trovare bello pronto e impacchettato un servizio da cous cous! :-DDDDD

      Elimina
  7. Sembra quasi che abbiate cucinato emozioni, non un semplice cous cous. Mi piace molto assaporarlo nella versione 3, come "centro tavola". Nei miei viaggi è il modo in cui l'ho apprezzato meglio.
    La cura del dettaglio è sempre imprescindibile, qui. Mi piace molto l'amore che emana ogni vostra proposta e anche in questa occasione si percepisce la grande passione.
    Verto che le verdurine sono tagliate proprio bene, ahahahahahahahahahah.

    Sei speciale Emmettì. Un grazie speciale anche ad Annarita.

    Ti abbraccio, come sai <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Erica tesoro!
      Le tue parole, come sempre, si trasformano in sorriso che mi fai spuntare sulla faccia ogni volta che mi scrivi :-)))))))

      Sono felice di aver proposto allora anche la versione che più ti piace nell'assaporare questo piatto! Avendo avuto modo di viaggiare chissà che autenticità di sapori hai potuto provare in una preparazione del genere...

      Quanto al taglio delle verdurine, ho appena visto che tu ne sai qualcosa eh??
      Ahahahahahaahahahahahahaha :-)))

      Ti abbraccio anche io, forte! :-*
      Buona giornata e buon tutto, occhiazzurripiubellidelmondo! ♥

      Elimina
    2. Ahahahahahah, dici che siamo due pignolette, noi? :D

      Sai che nel viaggiare so di aver avuto una grandissima fortuna e quando ritornerò a farlo sarò la donna più felice del mondo.

      P.S. La bellezza è negli occhi di chi osserva <3

      Elimina
    3. E allora io te lo auguro con tutto il cuore di poter tornare a viaggiare presto! :-)))))))))

      p.s. ♥

      Elimina
  8. Ma allora il prossimo weekend ti metto ai fornelli perché il cous cous mi fa letteralmente impazzire bella Emmettì del mio cuore.. Sai che bello sarebbe avere un po' di tempo per noi due e passare un giorno intero in cucina tra chiacchiere e tegami? Sogni, però già se ti vedo uno lo realizzo ❤️ Complimenti, il tuo cous cous è bellissimo e le foto anche 😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E sarebbe bello sì, Gaietta dolcissima!!!
      Tu immagini cosa potremmo combinare un giorno intero in cucina?? :-DDDDD
      Ma i sogni son belli e vanno custoditi...

      Felice di sapere che anche tu impazzisci per il cous cous!
      Grazie tesoro per le parole così belle che sempre mi riservi :-)))))
      A presto!

      Elimina
  9. Post magistrale, come sempre d'altronde!
    Ed ora mi è venuta un'insana voglia di cous cous, mannaggia a te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ollallà Giulia!!!
      Così mi fai arrossire...

      E mannaggia, se solo potessi offritene una ciotolina di questo piatto!
      Dai, quando in condominio siamo pronti per il "cous cous day" ti facciamo un fischio e ci raggiungi ;-)))
      Ma quanto sarebbe bello farlo per davvero?

      Un bacio grande grande! :-*

      Elimina
  10. magnifica esecuzione anche se, con un condimento perfetto come questo, avrei messo il cous cous incocciato a mano!!! sei fantastica, esaustiva e sapiente. Da buona siciliana posso dirti che il tuo post è, davvero, un'opera d'arte e non cambierei neanche una parola, una notizia, di ciò che hai descritto tu. bravissima!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mimma carissima!
      Ecco che anche tu, mi fai arrossire nuovamente...

      Non credo di meritare tutte le belle cose che mi hai scritto!
      Mi sono limitata a raccontare di un piatto che amo particolarmente :-))))

      Sono certa che tu, da buona siciliana invece, sei anche un'abile incocciatrice di cous cous vero???
      Qualche anno fa ne mangiai uno a Trapani incocciato a mano e di quello non dimenticherò mail il sapore...

      Grazie ancora Mimma.
      Ti abbraccio forte e scusami se da tanto tempo non lascio traccia dei miei passaggi nella tua cucina, ma sappi che non perdo nessuna di tutte le cose meravigliose che prepari!
      :-*

      Elimina
  11. Mi vergogno molto...non sapevo quanto il cous cous fosse una preparazione nobile prima di leggere ...qui si impara sul serio! Ma non avevo dubbi, la passione è nel dna delle sorelle "emmettì" ed è uno spettacolo leggere le vostre imprese culinarie, assaporare il modo in cui condividete , siete una miniera, un tesoro!!
    Grazie ragazze, di cuore. ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro, ma quale vergogna!!!!!!!!
      Se penso a tutte le cose che ho imparato io da te...

      Ahahhaahaahahaahahhaahhahahahahahaahahhaahahhah, l'espressione "sorelle emmettì" mi ha fatto morir dal ridere!
      Grazie di cuore a te, per le belle parole che mi hai lasciato.
      Ti abbraccio fortissimo, come sai tu! ♥

      Elimina
    2. Bella Sandra! :-* :-* :-*

      Elimina
  12. Che piatto fantastico...arrivo solo oggi perchè volevo leggere per bene tutto il post.
    Certo, richiede un gran lavoro...cuocere tutte le verdure separatamente, e la carne, e il brodo...
    Ma quelle ciotole colorate stracolme di cous cous sono davvero magnifiche!
    Complimenti per questa preparazione e per la passione che ci avete messo!!!
    e scopro da te che esiste pure il cous cous fest.
    un bacio grande, e buonissimo weekend

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella Ele!
      Wow! Che onore mi rendi arrivando "solo ieri" perché volevi leggere tutto il post...
      Ebbene sì, un gran lavoro ma ripagato davvero da tanto tanto gusto, e per gli occhi, e per il palato! ;-))

      Ricambio il tuo bacio grande e l'augurio per una giornata piena di spensieratezza e cose belle.
      A presto dolcezza! :-*

      Elimina
  13. mizzica! uno sballo cara mia, al cous cous fest ci andai qualche anno fa è uno sballo, bisogna andarci per capire la bellezza.
    Tuo aSorella maestra è!
    baciuzzi puru ppì ttia
    :*
    Cla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella Cla, che bello averti qui! :-)))))))

      Immaginavo che il cous cous fest fosse da sballo e spero davvero che questo sia l'anno buono per andare...

      Mi prendo i tuoi baciuzzi e rilancio a gogò :-* :-* :-*

      p.s. mia sorella sarà felice di sapere che "maestra è"! :-DDDDDD

      Elimina

Sono graditi tutti i commenti, anche quelli da Anonimo, purché firmati, come regola base di buona educazione.